LowRes | Apple a tutta privacy - Startupitalia immagine-preview

Giu 6, 2019

LowRes | Apple a tutta privacy

Il keynote della WWDC ha regalato poche emozioni ai fan, e un nuovo desktop dal gusto retrò. E ribadito che Apple è la prima azienda a puntare su un nuovo modello di business

Giu 6, 2019

LowRes | Apple a tutta privacy

Il keynote della WWDC ha regalato poche emozioni ai fan, e un nuovo desktop dal gusto retrò. E ribadito che Apple è la prima azienda a puntare su un nuovo modello di business

Qualche giorno fa, in California, all’annuale evento degli sviluppatori Apple Tim Cook ha presentato alcuni prodotti che avvalorerebbero un’idea che serpeggia da tempo: quella secondo la quale il periodo aureo dell’azienda di Cupertino sia finito.

 

In ossequio a questa tesi, Apple ha presentato un potentissimo computer desktop da 5.000 dollari: un oggetto, il computer da scrivania, del tutto novecentesco, ormai scomparso dall’orizzonte immaginario di chiunque. Un altrettanto avveniristico monitor 6K da 5.000 dollari (con stand opzionale da 999 dollari), più una serie di nemmeno troppo strabilianti sviluppi software delle proprie piattaforme iOS e TvOs. Oltre che un nuovo sistema operativo per tablet (?) e alcuni sfondi e cinturini (oltre che nuovo software) per l’Apple Watch. Perfino nell’estetica i nuovi Mac Pro richiamano certe zigrinature in alluminio dei Mac professionali di vent’anni fa: una specie di madelaine intenzionale al confine della citazione ironica. Eccoci, siamo morti: volevamo farvelo sapere.

In quest’apparente ammissione della propria incapacità a rinnovarsi in forme differenti dall’aggiornamento di vecchi prodotti di grande successo, a qualcuno potrebbe essere sfuggita la vera grande novità della serata. Quella del sistema di autenticazione “Sign in with Apple”, che su molti siti di terze parti andrà ad aggiungersi alle possibili autenticazioni con Google o con Facebook. La rotta di collisione del modello economico di Apple verso quelle delle piattaforme di Rete, che era già stato accennato più volte negli ultimi tempi, non potrebbe essere meglio sintetizzata.

 

Invece che continuare a regalare i vostri dati a chi li utilizzerà per profilarvi e per vendere simili preziose informazioni agli inserzionisti (aziende, in genere, ma come ci dicono le cronache anche altri soggetti meno raccomandabili) affidateli a noi – dice Apple: li custodiremo senza rivenderli a nessuno. E se anche il sito web o la app in questione volessero una vostra mail, per sapere chi siete e mandarvi in futuro imperdibili notifiche, non preoccupatevi: Apple ne creerà una per voi che verrà poi rapidamente cancellata.

Il passaggio della Apple che vende hardware innovativo ad un’altra Apple che vende hardware un po’ meno innovativo ma associato a formidabili servizi di mediazione fiduciaria è oggi chiaro come mai in passato. Meno alluminio e più intelligenza, linee meno rivoluzionarie ma una visione chiara dei nostri tempi e delle loro grandi criticità. E, soprattutto, un lavoro di difesa dei clienti che oggi non fa ancora nessuno.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter