Crescono le leader in azienda. Julie Sweet è la nuova CEO di Accenture
#SIOS19
Prenota il tuo biglietto

Ago 14, 2019

Più donne ai vertici, più crescita. Chi è Julie Sweet la nuova CEO di Accenture

Secondo il report 2019 dell'Organizzazione Mondiale per il Lavoro, le quote rosa ai vertici portano fino ad un 20% in più di profitto in azienda

Ago 14, 2019

Più donne ai vertici, più crescita. Chi è Julie Sweet la nuova CEO di Accenture

Secondo il report 2019 dell'Organizzazione Mondiale per il Lavoro, le quote rosa ai vertici portano fino ad un 20% in più di profitto in azienda

Non è una novità che siano sempre di più le aziende a dotarsi di una figura femminile ai vertici. Secondo un recente report messo a punto dall’Organizzazione Mondiale del Lavoro (ILO), un’impresa guidata da una quota rosa porterebbe sino ad un 20% in più di profitto.

I dati, rilevati sulla base dell’opinione di 13.000 aziende, in 70 Paesi del mondo, restituiscono un quadro che vede tre quarti delle aziende attente alla diversity i cui profitti, con una leader a capo, sono aumentati dal 5 al 20%. E la maggioranza di queste ha indicato una crescita compresa tra il 10 e il 15%.

Tra le ultime nominate alla direzione di grandi aziende c’è Julie Sweet, nuovo CEO di Accenture. Chiara Russo e Mara Marzocchi (cofounder di Codemotion) sono, invece, le prime due imprenditrici che hanno superato la selezione e sono entrate a far parte del network di Endeavor Italia. 

 

Chiara Russo e Mara Marzocchi

 

La chiave del successo: donne e uomini ai vertici

Secondo il report messo a punto dall’Organizzazione Mondiale del Lavoro, la vera chiave del successo imprenditoriale non è, però, rappresentata da una direzione di sole donne. E’ necessario un giusto mix tra quote rosa e quote azzurre, al fine di innalzare sia il tasso di creatività che quello di innovazione. E sulla base dell’opinione delle aziende interpellate nella ricerca, è sufficiente una percentuale del 40% donne e 60% uomini per stimolare creatività e novità nell’ambiente di lavoro.

Per raggiungere queste percentuali, però, servono politiche aziendali attive. Sono le stesse imprese a riconoscerlo e ad essere consapevoli del fatto che quantità di tempo trascorsa in azienda spesso non è direttamente proporzionale all’efficienza e la produttività del lavoratore. Dare piena disponibilità, ad ogni ora del giorno e della notte, non fa di un manager un ottimo manager e, anzi, penalizza proprio le donne, che ancora dedicano la maggior parte del tempo fuori dal lavoro alla famiglia.

Ma quali sono i Paesi più diversity-oriented nel managment imprenditoriale? Pole position per Stati Uniti e Cina, le due economie che trainano il Pil mondiale, anche se rappresentano due realtà decisamente diverse in quanto a parità dei diritti e uguaglianza.

Tra le nazioni europee più attente alle quote rosa spiccano, invece, Germania, Spagna e Gran Bretagna, che contano, in media, percentuali di donne nel management aziendale molto superiori a quelle italiane. Ma nonostante i numeri, anche aziende di rilievo sono, ancora oggi, indietro nel garantire la parità di genere. Infatti, sul fronte della diversity, ben nel 78% dei casi il CEO è un uomo. Non è questo il caso di Accenture, che ha nominato Julie Sweet nuova CEO: la prima donna nella storia del gruppo Fortune Global 500.

 

Chi è Julie Sweet

Dal 1 settembre Julie Sweet guiderà Accenture al posto dell’attuale amministratore delegato David Rowland, il quale sarà il futuro presidente esecutivo. Marge Magner, attualmente presidente non esecutivo del consiglio di amministrazione, riprenderà il suo ruolo di lead independent director.

La Sweet, imprenditrice di successo, dal 2005 era amministratore delegato di Accenture Nord America: un mercato che nel 2018 ha fatturato circa 18 miliardi di dollari. Prima di ricoprire questo incarico, è stata general counsel, secretary e chief compliance officer di Accenture. In qualità di senior leader per l’azienda, nell’arco di un decennio, ha svolto un ruolo fondamentale nelle strategie di business e investimento. La Sweet entrerà anche a far parte anche del consiglio di amministrazione.

Julie Sweet

Prima di entrare in Accenture, la nuova CEO, per 10 anni è stata partner dello studio legale Cravath, Swaine & Moore LLP.

“Julie è la persona giusta per guidare Accenture nel futuro, data la sua forte padronanza del settore in cui operiamo e la sua comprovata capacità di ottenere risultati nel nostro più grande mercato – ha affermato l’AD uscente, David Rowland – In Accenture ci troviamo su una traiettoria di crescita positiva e siamo molto ben posizionati per consolidare il nostro forte slancio”.

“Julie vanta una comprovata esperienza dirigenziale e un’ampia conoscenza del settore, che riteniamo doti fondamentali per guidare Accenture. Tra le sue qualità, spiccano la capacità di instaurare importanti rapporti con i clienti, il forte focus sull’innovazione come strumento di leadership, l’impegno verso le nostre persone e i nostri valori fondamentali e l’attenzione a fornire valore agli azionisti”, asserisce Marge Magner.

“Insieme, coglieremo le prossime fasi di crescita per Accenture rimanendo totalmente concentrati sul servizio ai nostri clienti, creando un valore significativo per i nostri azionisti e fornendo le migliori opportunità di carriera alle nostre persone”, ha affermato la stessa Sweet.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter