Casavo, chiuso nuovo aumento di capitale da 50 milioni
#SIOS19
Prenota il tuo biglietto

Ultimo aggiornamento il 9 ottobre 2019 alle 15:47

Casavo, chiuso round da 50 milioni di euro

Round di finanziamento Serie B dall'ammontare complessivo 50 milioni di euro, ripartiti in 20 milioni in equity e 30 di debito

Sono passati solo pochi mesi da quando vi avevamo dato conto di un round di finanziamento di Casavo da 27 milioni, che aveva seguito a distanza di appena un trimestre i 7 milioni raccolti con Project A Ventures e oggi torniamo nuovamente a parlare di un altro aumento di capitale.

Da quanto si apprende, si tratta di un round di finanziamento Serie B dall’ammontare complessivo 50 milioni di euro, ripartiti in 20 milioni in equity e 30 di debito. L’operazione è stata condotta dal venture capital americano Greenoaks Capital. La startup milanese operante nel mercato immobiliare fondata da Giorgio Tinacci (attuale Ceo) intende utilizzare i nuovi capitali nello sviluppo tecnologico della piattaforma e l’espansione in nuovi mercati.

Che cosa fa Casavo

Casavo è un Instant Buyer e si occupa di acquistare unità residenziali all’istante. In media, secondo i dati di Banca D’Italia,  utilizzando gli strumenti tradizionali a disposizione nel mercato immobiliare, nelle principali città italiane occorrono sette mesi per vendere un immobile residenziale. Casavo si ripromette invece di garantire il 100% della liquidità al cliente e la conclusione dell’operazione entro 30 giorni dal primo contatto con il venditore.  Per farlo utilizza il modello dell’Instant Buyer (iBuyer), un sistema di valutazione automatizzato che prende in considerazione oltre 70 variabili e offre in tempo reale ai potenziali venditori il giusto valore delle loro proprietà tramite un’offerta di acquisto immediata. Ricordiamo che dalla sua nascita, la startup ha chiuso più di 120 operazioni immobiliari investendo più di 31 milioni di euro ed è cresciuta da 2 a 40 dipendenti. Più di 700 agenzie immobiliari hanno aderito al network Casavo a Milano e Roma e altre ancora si stanno aggiungendo, incluse Torino e Firenze.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter