Le 5 startup city regine in Europa: policy e numeri degli ecosistemi europei - Startupitalia
#SIOS19
Prenota il tuo biglietto

Ultimo aggiornamento il 15 ottobre 2019 alle 12:06

Le 5 startup city regine in Europa: policy e numeri degli ecosistemi europei

Si dividono il 70% degli investimenti in Europa: Londra guida ancora ma la seguono Amsterdam, Parigi, Berlino e Barcellona. Milano e Roma però non stanno a guardare.

Si dividono il 70% degli investimenti in Europa: Londra guida ancora ma la seguono Amsterdam, Parigi, Berlino e Barcellona. Milano e Roma però non stanno a guardare:

Londra: cosa succederà con la Brexit?

La sede di Wework a Shoreditch

Se c’è un eden delle startup in Europa di sicuro è Londra. Malgrado la Brexit, la capitale inglese vanta tanti primati ed è leader per il numero di scale up europee in cinque settori: intelligenza artificiale, fintech, insurtech e industria 4.0, come spiega bene un’indagine realizzata da Mind The Bridge e Startup Europe Partnership, solo per citare un dato, a Londra è stato raccolto il 53.5% del capitale investito nelle scaleup dell’AI.

 

L’ecosistema delle startup londinesi è al sesto posto nel mondo nel mondo. Si trova alle spalle solo di New York, Los Angeles, Boston e Tel Aviv. Anche se ancora dietro i primi 5, gli hub europei sono in realtà i più veloci e  i numeri delle exit delle startup londinesi è quadruplicato dal 2012 ad oggi. 

 

Secondo il rapporto di dealroom, che considera il valore totale degli unicorni attuali e di quelli futuri dal 2013 al 2019, il Regno Unito è valutato attualmente 210 miliardi di euro. Questo è stato possibile grazie a potenziali unicorni come Deliveroo, che hanno permesso di raccogliere massicci investimenti. Se però si controlla lo storico, nel 2013 si trattava di 318 miliardi di euro, il che dimostra che c’è stato un calo sicuramente legato a Brexit.

 

I grandi punti interrogativi incombono sui programmi di scambio che le università hanno attuato nelle nazioni europee, e i progetti europei come Erasmus potrebbero di conseguenza escludere i partecipanti britannici. Inoltre, il declino della reputazione internazionale del Regno Unito ha suscitato allarme quando l’anno scorso sono state annunciate le classifiche mondiali del Times Higher Education (THE). 

 

Gli immigrati che si trasferiscono nel Regno Unito hanno il triplo delle probabilità di essere imprenditori rispetto ai nati in Gran Bretagna. Con libertà normative come la FCA Sandbox, l’accesso a una comunità di sviluppatori più grande che nella Silicon Valley, e una delle reti VC più attive al mondo, Londra continuerà ad essere un attore chiave nell’ecosistema globale di startup per gli anni a venire – Brexit o no Brexit. 

 

A Londra, gli spazi di coworking con sedi multiple includono Mindspace, LABS, Runway East, WeWork, The Wing, Huckletree, Workspace e Work.Life. 

 

Per le startup in cerca di un maggiore supporto pratico, TechHub offre uno spazio di lavoro accessibile, oltre al supporto e al finanziamento delle aziende in fase iniziale attraverso le sue reti. Più della metà della sua comunità è costituita da fondatori di origine straniera e ha un suo programma TechHub Accelerate con la missione di migliorare la diversity nell’ecosistema tecnologico locale; le sovvenzioni offrono spazi ufficio gratuiti, visibilità e supporto ai fondatori stranieri, alle donne, alle persone di colore, alla comunità LGBT e ai veterani.

 

Google for Startups guidato da Amrit Dhir, gestisce un programma a Londra che offre supporto,, mentorship e un toolkit di strumenti digitali gratuiti per le startup early-stage, e per le fintech vale la pena dare un’occhiata a Rise by Barclays che oltre ad ospitare il proprio programma di acceleratori e ad essere sede di TechStars London, l’hub ha anche un fitto calendario di eventi e incontri orchestrati da Tony Margiotta, che ha lavorato in precedenza per London & Partners.

 

L’offerta è comunque ricchissima da Founder Institute a SeedCamp, da Microsoft a Visa, fino a Techstar e StartupGrind che gestisce un programma di accelerazione che solo nel 2019 ha coinvolto 107 aziende di 26 paesi. 

 

Vale la pena ricordare che l’ammissione ad alcuni di questi programmi può aiutare a velocizzare i visti per i fondatori provenienti da paesi extra UE. TechNation, un’organizzazione lanciata nel 2011 per sostenere la crescita della tecnologia a Londra, ha il mandato dell’Home Office di approvare una serie di tipi di visti per gli imprenditori in fase di avviamento. Diversi programmi di accelerazione lavorano con TechNation per sostenere i candidati, fornendo una lettera di raccomandazione insieme alle prove che stanno facendo un investimento nella società. 

 

Ci sono anche diverse organizzazioni di supporto da parte di governi stranieri a Londra. Ad esempio, JETRO supporta le aziende giapponesi che vogliono espandersi nel mercato inglese, Tech Italia gestisce una rete di supporto e accelerazione per le aziende italiane e PLUGin offre supporto agli imprenditori polacchi. Il governo irlandese offre anche un hub per i fondatori in arrivo e gestisce programmi come City Insights per collegare le aziende irlandesi all’ecosistema londinese. 

Gli eventi sono un ottimo punto di partenza per i fondatori che sono appena arrivati in città. Almeno nei primi due mesi i fondatori dovrebbero cercare di partecipare a molteplici eventi come New Tech Meetup ogni settimana per ampliare le loro reti e iniziare a far conoscere il territorio in termini di chi parlare e dove trascorrere il loro tempo.  

 

Una serie di eventi tech/startup su larga scala si svolgono in città durante tutto l’anno, come NOah, LondonTechWeek, Unbound, Startup Grind Europe, o Tech. Festival.

 

Alcune buone risorse per iniziare sono Startup Digest e Tech.London dall’ufficio del Sindaco.

Con quattro delle migliori 10 università del mondo (Università di Oxford, Università di Cambridge, UCL e Imperial College London) a Londra o molto vicino a Londra, la città offre una ricchezza di talenti altamente qualificati e molte come la Cass Business School, l’Imperial College London e la London Business School, offrono programmi e servizi dedicati all’imprenditorialità come l’acceleratore K-20 del King’s College.

L’Università di Oxford e l’Università di Cambridge vantano anche impressionanti programmi imprenditoriali vicino a Londra. Oxford Entrepreneurs, un’organizzazione con sede all’Università di Oxford, oggi è guidata da Jun Goh e Miriam Pfister.

Per le startup in cerca di talenti di sviluppo entry-level, ci sono realtà come Le Wagon, General Assembly, Flatiron School, Product School insieme a scuole più specializzate come Data Science Dojo.

 

Il governo del Regno Unito e le autorità locali della città di Londra hanno fatto una grande spinta per far diventare Londra il Tech Hub europeo nell’ultimo decennio. Ci sono un buon numero di organizzazioni pubbliche che possono aiutare i fondatori stranieri con soft-launching in città. Il Global Entrepreneurship Program del Department of International Trade è molto utile per mettere in contatto importanti attori dell’ecosistema e investitori. Ha aiutato centinaia di imprese a trasferirsi nel Regno Unito e ha raccolto oltre 1 miliardo di sterline di investimenti privati per le imprese

London & Partners, l’agenzia di promozione londinese, è disponibile anche per aiutare i fondatori con crediti d’imposta e con programmi come InnovateUK che offrono sovvenzioni fino a 700.000 sterline senza prendere in cambio capitale .

Le startup a Londra hanno l’opportunità unica di poter influenzare direttamente la politica attraverso COADEC, l’organismo che rappresenta la comunità delle startup al governo. 

In termini di regolamentazione, il governo del Regno Unito è stato abbastanza lungimirante, soprattutto in termini di regolamentazione finanziaria. La FCA regulatory sandbox permette alle aziende di testare proposte innovative sul mercato, con consumatori reali, rendendo Londra un punto di riferimento per le startup tecnologiche ad alta crescita provenienti da tutto il mondo. Tutti i fondatori di unicorni fintech di Londra fino ad oggi sono stati stranieri.

 

Nel 2018 Londra ha attirato quasi il doppio dei finanziamenti in venture capital del suo più vicino rivale europeo Berlino, ricevendo il 39% del totale dei finanziamenti europei di capitale di rischio, nonostante le incertezze del Brexit. 

L’Enterprise Investment Scheme (EIS) e il Seed Enterprise Investment Scheme (SEIS) sono due iniziative governative che concedono agli investitori privati agevolazioni fiscali significative quando investono in società in fase di avviamento. Entrambi i programmi hanno aperto la strada ad un’abbondanza di Angel, VC e private equity a Londra per le aziende in fase di seed-stage. 

Parigi: Il Presidente startupper

Station F in partnership con Lorèal

Ad oggi, in Francia ci sono “solo” 7 unicorni, società che valgono più di un miliardo di dollari ma quando 3 anni fa Macron vinse le elezioni in Francia, molti lo definirono “il presidente startupper”, per la passione e la determinazione con cui aveva seguito il tema dell’innovazione nei suoi precedenti incarichi ma soprattutto per come, spendendosi personalmente ha convinto le grandi aziende francesi e anche le corporate internazionali presenti in Francia a scommettere sui founder locali.

 

A Parigi c’è oggi il più grande campus del mondo per startup, Station F guidata da Roxanne Varza su oltre 34.000 metri quadri per circa 1000 startup.

 

In questo contesto la metà dei dipendenti delle startup francesi sono stranieri di talento che vengono dal resto del mondo anche grazie al network di circa 100 città dove è presente La France Tech, l’organizzazione che rappresenta l’ecosistema startup e tecnologico francese insieme a Paris & Co. 

 

French Tech offre fino a € 90.000 in equity-free funding per i costi iniziali di avvio, coprendo fino al 70% delle spese aziendali ammissibili per gli imprenditori.

Sin dal lancio grazie a French Tech, oltre 3.000 startup hanno beneficiato dei benefici di questa sovvenzione governativa.

 

L’ambasciata francese ha lanciato il bando Yei – Young Enterprise Initiative, una competizione rivolta alle giovani imprese innovative italiane interessate ad allargare il loro business in Francia con l’’obiettivo di aiutarle a svilupparsi e trovare partnership a Parigi con strumenti e sostegni finanziari di cui possono usufruire, mettendo in contatto i fondatori con gli attori principali dell’ecosistema francese.

 

Le startup italiane possono chiedere di partecipare al bando inviando fino al 31 ottobre la loro candidatura sul sito yeifrance.com. Le selezionate avranno la possibilita’ di partecipare ad un “Immersion week” che si svolgerà dal 9 al 13 marzo 2020 a Parigi.

 

La Francia è una delle nazioni europee che meglio hanno sostenuto l’ecosistema dell’innovazione. Nei primi nove mesi del 2019 sono stati investiti circa 3,6 miliardi in startup (in Italia nello stesso periodo poco meno di 600 milioni), e su tutto il territorio nazionale sono circa 10.000 le startup attive. 

Angelo Coletta, Presidente di Italia Startup dal 2018, è un imprendiore e investitore seriale. Nel 1997 fa la sua prima esperienza alla guida di una ...

In Francia è da poco stata introdotta la legge PACTE” è uno dei commenti di Angelo Colella, Presidente di Italia Startup, la più grande associazione italiana di startup “Questa nuova legge, introdotta nel maggio 2019, offre alle aziende francesi i mezzi per crescere più velocemente e meglio, grazie a un quadro giuridico semplificato.

 

Il PACTE Act prevede sei misure chiave per aiutare le nuove imprese.

 

Semplifica le soglie del costo del personale e i relativi regolamenti. Attualmente esistono più di 199 soglie in base alla situazione del personale di un’impresa. Con PACTE questo numero sarà ridotto a 3, rendendo più facile per le imprese in fase di avviamento concentrarsi sulle loro principali attività commerciali invece di essere escluse dal lavoro amministrativo.

 

Riduce del 20% il costo della partecipazione agli utili dei dipendenti ed elimina l’imposta forfettaria per la partecipazione e la partecipazione agli utili per le imprese con meno di 250 dipendenti. 

 

Promuove il crowdfunding aprendo conti PEA-PME per gli investimenti che provengono dal crowdfunding, come azioni, obbligazioni a tasso fisso e mini obbligazioni.

 

Crea un quadro giuridico per le Initial Coin Offerings (ICOs) al fine di attrarre innovatori da tutto il mondo, e per proteggersi dalle offerte criptoasset fraudolente.

 

Semplifica il percorso dei ricercatori che desiderano avviare o entrare a far parte di un’impresa semplificando le regole che attualmente separano il settore pubblico della ricerca scientifica dal settore privato.

 

Incoraggia la protezione della proprietà industriale delle imprese rafforzando i brevetti francesi, introducendo una nuova categoria di protezione della proprietà intellettuale più economica e veloce da richiedere e introducendo un deposito più semplice per la violazione della proprietà intellettuale.”

 

Vedi anche:

Station F di Luca Annunziata
https://startupitalia.eu/109877-20190530-bellezza-4-0-station-f-vivatech-nelle-fabbriche-alle-porte-parigi

 

L’ecosistema startup francese di Antonio Piemontese
https://startupitalia.eu/115147-20190920-francia-macron-annuncia-5-miliardi-per-le-startup

 

 

Berlino: la preferita dagli expat italiani

 

Berlino si è classificata al decimo posto nel Global Ecosystem Report 2019, dietro solo ad altre due città europee: Londra e Parigi.

 

Sono circa 10 anni che Berlino è diventata uno degli hub europei più importanti e in crescita per le startup. Ogni anno ci si trasferiscono professionisti in cerca di un luogo in cui aprire una startup o dove lavorare nel tech, al pari di intere compagnie. Così tanto che ora anche i grandi giganti del tech stanno aprendo le loro filiali berlinesi.

 

Il panorama è dominato da imprese che offrono servizi, tra le quali le più rappresentate e destinatarie della più grande fetta di investimenti sono le attività di e-commerce seguite da software & analytics, fintech, health e media.

 

 A Berlino si trovano Soundcloud, N26 e Zalando, hanno una sede Google, Microsoft e poi tutta la grande catena del food delivery da Deliveroo a Foodora si è sviluppata qui.

 

Fabian Dudek, è il co-fondatore di GlassDollar, una piattaforma per startup e investitori al centro della scena berlinese insieme a Nick Dijkstra, COO dell’agenzia di marketing, hype.partners  e Sherzod Gafar, mentor di numerose startup di successo.

 

Non esistono agevolazioni fiscali per le startup e non si può certo dire che la burocrazia tedesca sia leggera  (La maggior parte delle pratiche burocratiche o legali dev’essere fatta in tedesco).

 

Vedi anche: Gabriele Niola su Berlino
https://startupitalia.eu/86715-20180306-berlino-ad-attirare-le-startup-racconto-lavora-nella-capitale-tedesca

 

Amsterdam: quando il primo mentore è un Principe

 

I Paesi Bassi catturano l’attenzione degli investitori, poiché il paese è sede di numerosi acceleratori che ospitano interessanti programmi mirati alle startup. L’ecosistema olandese delle startup tecnologiche è guidato da competenze e conoscenze tecniche di esperti e finanziamenti per le prime fasi di sviluppo. Nei Paesi Bassi, ci sono centri per le startup tecnologiche ad Amsterdam, Rotterdam, Delft, Utrecht ed Eindhoven. Collettivamente, i Paesi Bassi sono al quarto posto in Europa con 44 miliardi di euro in termini di valore, che è per lo più guidato da Adyen.

In qualità di nazione leader nell’innovazione, i Paesi Bassi vogliono svolgere un ruolo più incisivo nell’ambito di sviluppare soluzioni per un mondo migliore e costruire aziende in grado di realizzare un impatto positivo su scala globale. Per garantire questo, il governo olandese ha lanciato in occasione del Global Entrepreneurship Summit 2019 all’Aia un ampio pacchetto di misure e una nuova iniziativa: TechLeap.NL,  un grande sforzo collettivo per sostenere la crescita e la posizione degli scaleup olandesi.

 

Il 2018 è stato un anno positivo per i Paesi Bassi. Non solo Amsterdam-StartupDelta ha registrato il maggiore aumento nel Genome Global Startup Ecosystem Ranking, passando dal 19° posto nel 2017 al 15° posto nel 2019, ha registrato anche una forte crescita dei finanziamenti, di avvio, oltre a forti prestazioni in Life Sciences e Deep Tech trainato dal successo delle exit di Adyen e Elastic.

 

Per mantenere tale produzione di startup da un miliardo di dollari, il governo olandese intende mettere a disposizione 65 milioni di euro per politiche di startup e scale up. Un elenco di azioni che include anche un adeguamento del regime fiscale delle stock option spostando il momento di tassazione al momento della cessione, la nomina di sei collegamenti di startup in sei aree metropolitane internazionali prioritarie (“hubs”) e un progetto pilota per la concessione di un’area metropolitana internazionale prioritaria (“hubs”) permesso di soggiorno per il personale chiave di una start-up, proveniente da paesi terzi.

Le tre misure annunciate dal sottosegretario Mona Keijzer con l’ impiego dei 65 milioni di euro (adeguamento regime fiscale, permesso di soggiorno per membri chiave di una startup extra EU e accesso al mercato del lavoro per parter di lavoratri autonomi) sono azioni per i prossimi 5 anni al vaglio dei ministeri competenti . Inoltre si sta valutando un pacchetto di misure che incentivo l’ accesso al capitale per le startup (https://nltimes.nl/2019/06/04/foreign-partners-startup-founders-get-work-permits-new-plan ).

Nell’ambito del piano, il governo ha inoltre lanciato TechLeap.NL come successore di StartupDelta. Il suo programma si concentrerà dal primo di luglio sullo sviluppo della conoscenza, sull’ecosistema in fase di avvio, creando nuove iniziative nell’ecosistema, e collegando i top scaleup olandesi con i migliori investitori e programmi. L’enfasi sarà sui temi del capitale, del talento e del mercato in relazione alla rapida crescita. L’inviato speciale di TechLeap.NL sarà Sua Altezza Reale il Principe Constantijn van van Oranje, che ha svolto questo ruolo anche in StartupDelta negli ultimi tre anni. 

 

Barcellona: la smart city

 

In Spagna, Madrid e Barcellona sono punti di riferimento nel panorama delle startup tecnologiche. Barcellona è considerata una delle città più smart del mondo e vanta startup tecnologiche di successo in tutti i settori industriali. La Spagna occupa il sesto posto in Europa per valore dell’ecosistema dal 2013 con 11 miliardi di euro. Il paese ha vantaggi come un buon sistema educativo che si traduce in imprenditori di grande talento che danno impulso allo scenario delle startup.

 

Il ruolo di Barcellona sta diventando sempre più strategico anche per le grandi corporate che hanno spostato qui le loro sedi come Nestlé, Seat, Novartis o Hp, Coty da quando è la quarta città in Europa scelta per vivere e lavorare, e la terza (solo dopo Berlino e Londra) per avviare un’impresa nel settore tecnologico che solo lo scorso anno ha attratto circa 4,6 miliardi di euro di investimenti stranieri che hanno generato 26mila posti di lavoro in città.

 

Il capoluogo della Catalogna sta crescendo nei settori legati al gaming, alla salute e all’ecommerce. Mentre l’intelligenza artificiale e le sue applicazioni stanno muovendo ancora i primi passi. Tra le esperienze più interessanti ci sono quelle dell’italiana Marta Gaia Zanchi, fondatrice di Nina Capital, un micro fondo che investe in imprenditori europei crando soluzioni tecnologiche per le esigenze di assistenza sanitaria, Barcelona Global guidata da  Mateu Hernández è un’associazione no profit che raggruppa più di 200 “attori” fra società, centri di ricerca, scuole di business, istituzioni culturali e acceleratori come SeedRocket 4Founders Capital di Jesús Monleón che collabora con imprenditori e li guida verso la costruzione di aziende tecnologiche globali massimizzando le loro possibilità di successo.  Josep Lluis Sanfeli è invece il fondatore di Asabys Partners, fondo di venture capital attivo nella sanità e della biofarmacia: 

 

Tech City, l’incubatore spagnolo costruito nel 2013 guidato da Miguel Vicente  e oggi uno dei più grandi in Europa. Si estende per 11mila metri quadrati e ospita 100 aziende/startup e più di mille professionisti in una struttura ex portuale riadattata. Non a caso Barcellona è anche il quinto hub europeo per le startup: ne conta più di 1.300 e 110 vi hanno messo radici nel 2018. Degli 1,3 miliardi di euro investiti in Spagna nel 2018, 871 milioni sono stati piazzati a Barcellona.


Barcelona Activa diretta da Lorenzo Di Pietro è l’Agenzia di sviluppo economico locale per il Comune di Barcellona e può essere anche considerato il nido dove Glovo e Tiendeo sono partite. La sua missione è guidare la politica economica locale e lo sviluppo al fine di promuovere una migliore qualità della vita per i cittadini attraverso l’occupazione, l’imprenditoria e nascenti startup.

Un luogo dove si parte dalla registrazione di una semplice attività (più di 3.750 nuove società costituite dal 2008) fino ad arrivare al conseguimento di fondi per lo sviluppo economico nel 2018 (20 milioni di euro raccolti ogni anno da una media di 200 aziende), assistenza per strategie di promozione, ricerca di talenti (1000 contratti di lavoro e oltre 200 contratti di internship firmati durante il 2017).

Barcellona è ormai per molti una delle città più promettenti per le startup in Europa. Sta sviluppando un intero distretto dedicato all’innovazione : [email protected] in zona Poblenou. Barcellona è la nuova “cantera” dell’innovazione tecnologica europea, punta in alto e può farlo ed eventi come Sonar

 

Milano: YES

E’ già da diversi anni che le principali municipalità europee hanno compiuto una scelta strategica precisa: affiancare agli uffici pubblici responsabili delle nuove economie ubane dei soggetti, in alcuni casi partecipati anche da privati, che svolgono un ruolo di agenzie di sviluppo” è il commento di Lucia Scopelliti, Head of Economic Planning Unit della Città di Milano

Milano sentiva la mancanza di un soggetto di questo tipo che sicuramente integra le politiche pubbliche strettamente collegate alla municipalità, ma che si avvale anche della flessibilità di un’organizzazione più “leggera” e meno burocratica

 Per questo il Comune di Milano e la Camera di Commercio hanno deciso di unire le forze e di far nascere un soggetto nuovo, che opererà su quattro ambiti: la promozione del turismo, la crescita degli investimenti dall’estero, l’innovazione e l’attrazione dei talenti, intesi come studenti ed expat. 

 

 

Siamo partiti a dicembre dello scorso anno e stiamo concludendo la fase di startup; l’obiettivo per i prossimi mesi è quello di allargare la base dei soci, tra imprese e istituzioni, andando a costruire un mix di partner pubblici e privati

Tutte le attività dell’agenzia sono caratterizzate dall’uso del brand YesMilano, creato e sviluppato dal Comune per la programmazione delle settimane tematiche.  

A Milano, undicesimo startup hub in Europa secondo Mind the Bridge, sono le sedi dei principali VC e Acceleratori italiani, dei coworking come Talent Garden e Copernico, di Italia Startup e anche le nostre sedi di StartupItalia. 

 

È notizia di qualche giorno fa l’arrivo di Henkel X Ventures, con 150 milioni di euro pronti per le startup messi a disposizione dal colosso della chimica tedesco.

Esiste poi un chapter di Startup Grind, in partnership con Google for Startups, con una community di quasi 6000 ‘innovatori’.

È in aumento negli ultimi anni anche la concentrazione delle scaleup, attualmente oltre 80, a partire da tre verticali: le scienze della vita, il fintech e l’industria culturale e creativa, che ricomprende gli ambiti della moda e del design. Sul primo verticale, alla storica presenza di eccellenze del territorio lombardo, si va ad aggiungere MIND, nell’ex area Expo, nuovo polo dedicato alla ricerca scientifica e all’innovazione, dove spicca la presenza dello Human Technopole. Nel quartiere Isola si è affermato invece un vero e proprio Distretto sul Fintech, in Sassetti32 e per l’ambito CCIs è il Comune che si è impegnato in prima linea sulla promozione delle nuove manifatture urbane e sul ‘Made in Milano’.

Milano prosegue il suo percorso di messa a punto e condivisione di risorse per favorire la creazione d’impresa e lo sviluppo sociale. In quest’ambito, il Politecnico di Milano, supportato dalle istituzioni locali, accelera nel costruire presso il Campus Bovisa un Distretto d’Innovazione capace di unire le fondamentali risorse dell’Ateneo, quali studenti, ricercatori, docenti e laboratori di ricerca, con le esigenze di innovazione delle aziende consolidate, la disponibilità di capitali di rischio e organizzazioni finalizzate al supporto dell’imprenditorialità. Oggi nel Distretto operano PoliHub, con più di 100 startup incubate, 30 aziende o unità di R&S di aziende consolidate, il fondo di Venture Capital Poli360, gestito dal Politecnico in collaborazione con 360 Capital Partners specializzato nel Technology Transfer ed altri investitori e fondi specializzati come Primomiglio sgr. Si sono attivate collaborazioni con università italiane (fra le quali va citato l’accordo con l’Università Bocconi, il CNR e la gestione della StartCup Lombardia, la piattaforma di scouting delle università lombarde) e internazionali per creare quella indispensabile massa critica in grado di attivare circoli virtuosi. Fra queste iniziative spicca la scelta dalla Tsinghua University di Pechino di porre sede nel Distretto del Politecnico dell’headquarter europeo per operare investimenti e collaborazioni in innovazione e design.” è il commento di Stefano Mainetti, CEO di Polihub

 

Sempre a Milano sono i più importanti eventi dedicati a questi temi: SMAU, SingularityU, WOBI e naturalmente StartupItalia Open Summit, il prossimo 16 dicembre in collaborazione con l’Università Bocconi con il Ministro per l’innovazione Paola Pisano e oltre 200 speaker italiani e internazionali dove ci aspettiamo oltre 10.000 visitatori.

 

Roma: concentriamoci sugli hub

 

Roma con la sua associazione, Roma Startup, partecipa  fin dalla sua nascita ai lavori di SCALE, la Startup City Alliance of Europe, un’organizzazione informale nata quattro anni fa raggruppando quelli che per ogni paese vengono considerate le principali Startup City. 

Per l’Italia sono entrati per primi e poi si è aggiunta Milano un anno dopo. L’organizzazione si riunisce tre o quattro volte l’anno in modo itinerante ed è stata ospitata nel 2017 dalla prima edizione di Rome Startup Week organizzando un workshop dei membri delle 24 città membri con Roma Capitale in Campidoglio.

 

Secondo Gianmarco Carnovale, Presidente di Roma Startup “il tema é chiaro nelle amministrazioni comunali così come la sua strategicità – ci sono altre tre/quattro città alla rincorsa delle prime come Lisbona, Amsterdam, Copenhagen e Oslo – tutti stanno mettendo a terra le medesime ed utili azioni: costituire una agenzia specializzata esclusivamente per le startup ed il venture business, mettere a disposizione immobili pubblici in un “distretto” che concentri l’ecosistema e crei densità, creare degli elementi attrattivi e delle direttrici di collaborazione con altri ecosistemi maturi che abbiano motivi per guardare alla specifica città. 

E poi facilitare in tutti i modi: eventi di diffusione culturale e approfondimento di tematiche tecniche, arrivo di grandi tech companies che facciano da punto di confronto verso le imprese e assumano talenti locali, arrivo di investitori internazionali che collaborino con quelli locali. 

Su tutti questi argomenti a Roma abbiamo sensibilizzato da molto tempo la Regione Lazio che ha concordato sulla stesura di un piano strategico per le startup e l’ecosistema, e collaboriamo con il Comune di Roma Capitale per il piano strategico Roma 2030

Il principale problema italiano, con tutta la classe politica, é far capire che lo specifico venture business funziona se non è sparpagliato e quindi che si dovrebbe smettere di fare annunci di costituzione di presunti hub al di fuori di Milano e Roma che sono le sole città italiane con le carte in regola per diventare delle startup city internazionali, almeno da qui ai prossimi dieci anni. L’altro elemento da fare comprendere é che da zero a startup city é un processo che dura venti anni se tutto va bene, e poi c’è difficoltà a far salire la priorità dell’argomento tra le controparti pubbliche perché lo vedono come una cosa piccola e con risultati nel tempo. Ma se non cominci mai, non arrivi mai.

Gianmarco Carnovale e Barbara Carfagna

 

Un elemento in più per caratterizzare Roma é lo status che sta prendendo da ecosistema startup creator: essendo il più grande polo universitario europeo con decine di università e centri di ricerca, e con la più vasta rete di incubatori ed acceleratori del paese, dopo anni di lavoro Roma sta ora vedendo la nascita di numerose società di advisory specializzate in startup scalabili e l’incremento di fondi specializzati sul Seed investing, la fase di raccolta di capitali che interviene quando ancora non si fattura e bisogna sperimentare il modello di business intorno ad una innovazione.”

 

Lazio Innova, società in house della Regione Lazio, partecipata anche, con quota di minoranza, dalla Camera di Commercio di Roma opera a vantaggio delle imprese e della pubblica amministrazione locale nell’erogazione di incentivi a valere su risorse regionali, nazionali e/o europee; nel sostegno al credito e rilascio di garanzie; negli interventi nel capitale di rischio; nei servizi per l’internazionalizzazione, promozione delle reti d’impresa e delle eccellenze regionali; nei servizi per la nascita e lo sviluppo d’impresa; nelle misure per l’inclusione sociale.

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter