Etciuu, l’app gratuita che fa da filo diretto con l’influencer
In collaborazione con Logo Content By

Feb 19, 2020

Etciuu, l’app gratuita che fa da filo diretto con l’influencer

Le celebrity conoscono meglio la propria fanbase. E i follower ricevono contenuti esclusivi dai propri idoli. La startup in crowdfunding su BackToWork

Feb 19, 2020

Etciuu, l’app gratuita che fa da filo diretto con l’influencer

Le celebrity conoscono meglio la propria fanbase. E i follower ricevono contenuti esclusivi dai propri idoli. La startup in crowdfunding su BackToWork

Non è un altro social network, ma un potente tool mobile grazie alla quale personalità pubbliche, brand, club sportivi – tutto il mondo influencer, insomma – potranno finalmente gestire e conoscere meglio lo zoccolo duro della propria fanbase, chi cioè è disposto a spendere per eventi e prodotti personalizzati, andando ben oltre un anonimo like.  Un’app sulla quale i fan più sfegatati riceveranno comunicazioni e servizi personalizzati dai loro idoli. «Etciuu vuole divenire il sistema più semplice ed efficace per un influencer, per valorizzare le informazioni e i dati dei propri fan», ha spiegato a StartupItalia Marco Di Gioacchino, CEO della startup con sedi a Lecce e Milano, impegnata in una campagna di crowdfunding su BacktoWork, dove ha già superato l’obiettivo minimo di 80mila euro.

Perché Etciuu

Presto disponibile su Android e iOS, Etciuu è un’app nata per venire incontro ai cambiamenti nel mondo dei social network e delle piattaforme come YouTube, dove ormai i contenuti visti organicamente – ovvero senza che l’influencer paghi – raggiungono una percentuale minima dei follower. «Un anno e mezzo fa, quando abbiamo fondato l’azienda, siamo partiti da questa premessa – ha spiegato il CEO – la quota di business per gli influencer si è ridotta drasticamente. Un tempo chi aveva mezzo milione di follower riusciva a raggiungere quasi tutti; oggi perfino i primi della classe hanno una reach organica di appena il 10%. E l’accesso ai dati costa perché appartengono ai social network».

Leggi anche: Staminali come Lego. Una macchina sceglie i mattoncini giusti

Dopo un anno di sviluppo, Etciuu sta ultimando la fase di test e nelle prossime settimane andrà online per iniziare a raccogliere le prime adesioni grazie alle relazioni sviluppate in tanti anni nel mercato degli influencer dai suoi Founder. «L’app è gratuita – ha precisato il CEO – il nostro modello di business si concentra sulle commissioni di vendita dei servizi acquistati dai fan sulla nostra piattaforma, ma soprattutto sull’offerta di servizi di advertising e targetizzazione». Grazie a Etciuu chi ha un seguito sui social potrà profilare i propri fan, premiando i più affezionati e offrendo loro servizi personalizzati tramite semplicissimi template, e mantenere per sempre tutti i dati dei propri utenti in una sorte di forziere permanente («fuori delle grinfie di Instagram & co»).

«A differenza di Facebook e di altri social network che richiedono un pagamento per profilare i follower e i dati li rilasciano col contagocce, Etciuu darà la possibilità di avere sempre sotto controllo la propria fan base», ha spiegato Di Gioacchino. Se, ad esempio, uno YouTuber ha intenzione di organizzare un evento a Milano, non avrà soltanto il “megafono” di Instagram, ma anche la “posta certificata” di Etciuu per spedire messaggi personalizzati a chi, tra i suoi fan iscritti all’app, abita proprio a Milano. «Questo è l’aspetto emozionale che dà un valore aggiunto all’applicazione, oltre al fatto che i fan più attivi potranno accedere a servizi esclusivi scelti dall’influencer».

Leggi anche: BacktoWork 24, 4 milioni di euro con Intesa Sanpaolo. Alberto Bassi: “Vogliamo creare una cultura del crowdfunding”

La campagna su BacktoWork resterà attiva fino al 31 marzo e la start-up conta di raggiungere 450 influencer e 200mila fan iscritti entro l’anno. «Non ci concentreremo soltanto sull’Italia, perché il mondo degli influencer risponde a logiche globali». Avendo a che fare con dati personali, ovvero con il nuovo petrolio, l’azienda ha lavorato da subito per poter uscire con un prodotto che fosse in linea con tutti i dettami della GDPR. «Non prenderemo dati da terzi – ha garantito il CEO – l’app sarà in più lingue: stiamo già ricevendo richieste di influencer stranieri».

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter