Elements Works: la boa intelligente netH2O è in crowdfunding <
page-article-thron.php
In collaborazione con Logo Content By

Mar 3, 2020

Elements Works: la boa intelligente netH2O è in crowdfunding

Su BacktoWork la campagna per sostenere il progetto della PMI toscana. L'intervista al CEO Michele Grassi

Mar 3, 2020

Elements Works: la boa intelligente netH2O è in crowdfunding

Su BacktoWork la campagna per sostenere il progetto della PMI toscana. L'intervista al CEO Michele Grassi

«Questa boa ha un costo 10 volte inferiore alle boe oceanografiche. È modulare e può ospitare al suo interno vari tipi di tecnologia. Le misurazioni e i dati arrivano direttamente sullo smartphone grazie al cloud». Michele Grassi è il CEO di Elements Works, una PMI fondata a Pisa nel 2014, oggi in crowdfunding su BacktoWork per lanciare netH2O, una boa intelligente già testata in mare, a Livorno, con tutti gli accessori a bordo, dai pannelli solari fino alla webcam subacquea. «Vogliamo essere disruptor in un mercato sorprendentemente grande: dall’acquacultura ai porti proponiamo un prodotto competitivo e facile da usare». E che in futuro, con uno sviluppo specifico, potrebbe diventare anche un vero e proprio drone marino.

netH2O: il mercato per Elements Works

Michele Grassi, studi alla Normale di Pisa e una lunga esperienza nell’ingegneria marina, ha già testato le potenzialità della tecnologia di netH2O, sviluppata insieme ad Alessandra Licciardello. «Nel realizzare questa boa abbiamo pensato a un dispositivo estremamente versatile. Uno dei mercati a cui puntiamo è quello dell’acquacultura in mare aperto, dove un impianto come il nostro monitorerebbe la qualità dell’acqua: se è troppo torbida i pesci non mangiano e quindi il sistema risparmia cibo che altrimenti andrebbe sprecato; la boa informa anche se il mare è troppo agitato per fare manutenzione, evitando così di mandare una squadra a vuoto».

Il costo di netH2O è stimato in 1.500 euro, cifra che secondo Elements Works posiziona la boa in un mercato abituato a prezzi decisamente più alti. «Un altro ambito dove vogliamo collocarci è quello portuale – ha aggiunto il CEO Grassi – Posizionando un certo numero di dispositivi dentro e fuori da un grande porto, l’autorità competente avrà tutte le informazioni in tempo reale sulla qualità dell’acqua; in un piccolo porto, invece, netH2O diventa fondamentale perché monitora le condizioni del mare e dà il via definitivo sull’uscita sicura delle barche».

Leggi anche: Crowdfunding da record su BacktoWork: quasi 5,5 milioni per Fin-Novia

Oggi boa, domani drone

Le dimensioni della boa di Elements Works possono variare in base alle richieste del committente e al tipo di batteria necessaria allo scopo, che sia in mare aperto o in un porto. Di base netH2O ha a bordo una tecnologia che fornisce, per esempio, la temperatura e la stima delle onde grazie a sensori. «In base poi alle richieste lo spazio interno può essere riempito con altre tecnologie». Come quelle che, un domani, abiliteranno la macchina ad azionarsi e a diventare un vero e proprio drone marino.

Leggi anche: Etciuu, l’app gratuita che fa da filo diretto con l’influencer

Elements Works sta dialogando anche con uno dei principali parchi marini del paese per valutare le potenzialità della sua boa dentro a un ecosistema protetto. «In questo caso, oltre a tutte le altre funzioni netH2O farebbe anche da allarme, controllando tutti gli accessi nell’area». Insomma, questa apparecchiatura smart si candida a diventare l’occhio in mare utile a monitorare tanti valori e condizioni per fare le migliori scelte da terra. «Con il crowdfunding puntiamo a raccogliere almeno 50mila euro e con i fondi vogliamo sviluppare l’aspetto commerciale per partire con i primi ordini. Se la campagna su BackToWork dovesse andare molto bene, lo sviluppo di netH2O anche come drone marino sarebbe più vicino».

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter