desc

Habemus MES. E sarà senza condizioni. Già attivo da giugno

Economia Digitale
ECONOMY
Edit article
Set prefered

Habemus MES. E sarà senza condizioni. Già attivo da giugno

L’Eurogruppo ha trovato un accordo definitivo sull’uso del Fondo per finanziare la spesa sanitaria e iniziare la ricostruzione post Coronavirus

L’Eurogruppo ha trovato un accordo definitivo sull’uso del Fondo per finanziare la spesa sanitaria e iniziare la ricostruzione post Coronavirus

Economia Digitale

“Accordo raggiunto all’Eurogruppo su una linea di credito da 240 miliardi di euro per gli Stati che lo desiderano, per soddisfare le esigenze di finanziamento legate al Covid”, lo ha annunciato su Twitter il ministro delle Finanze francese, Bruno Le Maire, evidenziando che la linea del MES “sarà operativa dal primo giugno”.

 


«Tutti i Paesi dell’area dell’euro saranno in grado di trarre il 2% del loro PIL in prestiti a condizioni molto favorevoli e scadenze lunghe. Ciò coprirà i loro costi sanitari diretti e indiretti, che si sono gonfiati». Così il presidente dell’Eurogruppo, Mario Centeno, prima di dare inizio alla riunione odierna, aggiungendo che «non tutti i Paesi hanno la stessa potenza di fuoco e dobbiamo garantire condizioni di parità». Una riunione che era nata come possibile terreno di scontro in cui avrebbero disputato la finalissima l’Italia e l’Olanda che, come è noto, sul punto hanno posizioni diametralmente opposte. Invece, l’intervento a gamba tesa della Commissione europea, ieri sera, l’ha ridotta a semplice assemblea ratificatrice delle decisioni già dibattute. Per l’Olanda insomma non sembra esserci stato spazio di esigere condizioni stringenti.

 

Come sarà il nuovo MES

Ogni Stato membro potrà spendere fino al 2% del PIL per finanziare le spese sanitarie dirette e indirette a tassi agevolati e senza alcun tipo di condizione da parte del fondo salva Stati per l’erogazione dei prestiti. A differenza di quanto avvenuto in passato, per esempio con il salvataggio della Grecia, chi pescherà dal MES non dovrà ristrutturare il proprio debito. Il solo controllo operato sarà un vaglio sulla tipologia delle spese per le quali saranno destinati i soldi del Meccanismo Europeo di Stabilità.

Leggi anche: Cattivissimo M.E.S: tutte le bufale sul conto del Fondo Salva Stati. Intervista a Lorenzo Bini Smaghi

© Mário Centeno

Inoltre, è stata accolta la richiesta di far partire subito il nuovo MES: i prestiti agli Stati del Meccanismo europeo di stabilità «saranno pienamente operativi a metà maggio» (in realtà Le Maire ha detto dal primo giugno), ha spiegato il presidente dell’Eurogruppo Centeno prima dell’inizio dei lavori del vertice dei 19 ministri delle Finanze dell’area euro cui è toccato di fatto semplicemente dare l’ok finale al piano.

L’Italia userà quei soldi?

E se il premier olandese Mark Rutte non gioirà certo per l’intervento a gamba tesa della Commissione di Ursula von der Leyen, che di fatto oggi ha impedito al suo ministro delle Finanze qualsiasi contromossa, nella sua stessa posizione si troverà, per paradosso, anche parte del governo italiano. Quella parte afferente al Movimento 5 Stelle che si ostina a dire “no” al MES. La lettera dei commissari Gentiloni e Dombrovskis ha tolto infatti loro ogni alibi per continuare a rifiutare un accesso al credito a interessi agevolati. Dall’altra parte, invece, PD e Italia Viva fremono perché l’Italia accetti subito quei soldi, anche perché, effettivamente, nelle casse dello Stato ce ne sono sempre meno.

Palazzo Chigi

Ma sul MES si è spaccata pure l’opposizione, con Lega e Fratelli d’Italia che lo intendono come un “cavallo di troika” e Forza Italia che ripete da giorni che sarebbe folle rifiutarlo. Insomma, chiusa la partita con l’Olanda si dovrà giocare ancora il derby italiano. La strada per il MES a zero condizioni è ancora tutta in salita e destinata a finire con i supplementari. Sperando che non finisca in un nulla di fatto come la Serie A di quest’anno.