Bonus turismo, quali alberghi lo accettano? Il voucher non piace a nessuno

Ultimo aggiornamento il 30 giugno 2020 alle 11:27

Bonus turismo, quali alberghi lo accettano? Il voucher non piace a nessuno

All'alba del lancio sono più i dubbi delle certezze. La misura scontenta l'intera categoria e rischia di essere accettata da pochissimi albergatori

Ormai ci siamo: ancora 24 ore e sarà possibile accedere al bonus turismo, valido a partire dal primo luglio. La misura emergenziale per fare ripartire il settore dopo il colpo inferto dal lock down del Covid-19 è stata annunciata in pompa magna dal Governo Conte ma non piace affatto agli albergatori. E pone in capo ai turisti che decideranno di avvalersene una incognita non secondaria: sarà accettato dal mio albergatore?

Tutte le criticità del bonus turismo

Partiamo dal contenuto stesso del bonus turismo: un tax credit che gli albergatori potranno girare alle banche. C’è però un problema: potrebbero non accettare e lo sconto sulle tasse lo si avrà comunque con riferimento al prossimo anno. Quindi, di fatto, in una situazione di crisi nera per il settore, agli albergatori tocca anticipare la spesa ai propri clienti, che soggiorneranno “gratis”, ospitati dagli albergatori.

Leggi anche: Turismo, Demoskopika: 143milioni di turisti in meno, 18mld in fumo

Proprio per questo motivo, l’adesione al voucher da parte degli operatori del settore turistico è volontaria. E rischia di essere piuttosto rarefatta, con il conseguente rallentamento delle prenotazioni, perché naturalmente gli italiani prima di partire vogliono accertarsi di potere usare il proprio bonus turismo dove soggiorneranno. Non sono pochi, del resto, i turisti che pensano di avvalersene: secondo Confcommercio, il 52,2% dei connazionali che andranno in vacanza nel 2020 ha intenzione di richiederlo e di questi il 57% intende utilizzarlo entro settembre, mentre il 16,7% guarda ai mesi successivi.

© Regione Liguria

Sul fronte di coloro che andranno in vacanza senza richiedere il bonus turismo, si legge nella ricerca, la motivazione principale (38,3%) è costituita dalla mancanza dei requisiti di reddito (il contributo spetta solo a chi ha un Isee inferiore a 40.000 euro), ma ben più ampia è la quota di coloro che, pur avendo diritto a beneficiarne, esita per vari motivi.

Quali alberghi accettano il bonus turismo?

Al momento, insomma, regna la confusione più totale. Anche per questo si sta muovendo Federalberghi che ha annunciato di voler mappare sul proprio sito tutte le strutture che aderiranno all’iniziativa, tentando così di assicurare vacanze tranquille agli italiani. Ma siamo ormai a ridosso di luglio e sul bonus turismo sono più i dubbi delle certezze…

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter