A caccia della normalità “nuova di zecca”. A #SIOS20 Le storie degli Unbreakable - Startupitalia
single.php

Ultimo aggiornamento il 8 luglio 2020 alle 16:18

A caccia della normalità “nuova di zecca”. A #SIOS20 Le storie degli Unbreakable

Countdown per l’edizione estiva dello StartupItalia Open Summit powered by Innois. Appuntamento da martedì 21 a giovedì 23 luglio online per riflettere insieme, ispirarci, emozionarci, costruire nuove pagine di futuro.

Stiamo vivendo tutti un tempo sospeso e accelerato, un tempo surreale e sopra le righe, un tempo “inaudito”: proprio così l’ha definito il New York Times, raccontando come il lavoro e la vita di tutti i giorni si stiano ripensando in una nuova necessaria normalità in questo 2020 che è giunto solo alla metà.

E allora fa riflettere il cinguettio rilanciato proprio da Twitter alcune ore fa: Good news and bad news: 2020 is half overFiniremo tutti nei libri di Storia, ma prima che questo accada dobbiamo scriverla giorno dopo giorno, questa nostra storia. Una chiave per comprendere questo tempo è leggerlo attraverso le azioni degli Unbreakable, una generazione di innovatrici e innovatori che non si arrende e che prova a ridefinire rapidamente il proprio modo di vivere, lavorare, entrare in relazione con la comunità. Gli Unbreakable potremmo anche definirli come antifragili, secondo la felice intuizione di Nassim Nicholas Taleb. «L’antifragilità ama la casualità e l’incertezza, il che significa anche amare gli errori. Afferrando il meccanismo dell’antifragilità possiamo costruire una guida, sistematica e di ampio respiro, ai processi decisionali non-predittivi in condizioni di incertezza nei più diversi campi: economia, politica, medicina e la vita in generale, in tutti quei casi, in definitiva, in cui prepondera l’ignoto, qualsiasi situazione in cui sussistono casualità, imprevedibilità, opacità o una comprensione incompleta delle cose», ha scritto Taleb sul Sole24Ore.  Così questo tempo sta ridefinendo anche modelli di business, dinamiche di relazioni, conversazioni necessariamente mediate, processi e filiere da ridefinire. E in questa nuova normalità dettata dall’emergenza sanitaria prima e oggi ambientale e sistemica Covid-19 totalmente differente da quella di tre mesi fa va ripensato tutto.

 

Racconti di nuova normalità

“Non torneremo più alla normalità”. Titolo quanto mai drammatico ed esplicativo per il magazine accademico MIT Technology Review. Il mondo per come l’abbiamo finora conosciuto non sarà più come prima: ecco la previsione dei ricercatori del centro di ricerca americano, che hanno messo nero su bianco le proiezioni della nuova era segnata dal distanziamento sociale, una nuova normalità da riscrivere. «Per fermare il virus nel tempo dovremo cambiare radicalmente quasi tutto quello che facciamo: come lavoriamo, come ci alleniamo, come socializziamo, come facciamo shopping, come gestiamo la nostra salute, come educhiamo i nostri figli, come ci prendiamo cura dei nostri familiari», ha scritto il suo direttore Gordon Lichfield.

Ma quale sarà questo mondo nuovo? Ce lo chiederemo anche tutti noi insieme e online nella nuova edizione estiva dello Startupitalia Open Summit. E se l’è chiesto anche la giornalista turca Ece Temelkuran su Internazionale: «Il nostro cervello è sorprendentemente efficace nel riorganizzare le proprie abitudini. Se e quando arriverà il giorno in cui tutto questo sarà finito, probabilmente non sarà il momento del ritorno alla normalità. A quanto pare avremo una normalità nuova di zecca».

Allora nella normalità “nuova di zecca” siamo tutti chiamati a giocare la nostra partita, con una visione di comunità oggi condizione essenziale per riscrivere al meglio questo nostro nuovo tempo.

Nella normalità “nuova di zecca” siamo tutti chiamati a giocare la nostra partita

 

Storie e sfide degli Unbreakable

Ecco perché i migliori startupper, imprenditori, ricercatori, professionisti, cittadini diventano necessariamente Unbreakable e passano a questo approccio antifragile, andando oltre la resilienza e la solidità per adattarsi e persino vincere in questo nuovo disordine. E saranno queste le storie che racconteremo nel nuovo #SIOS20 Summer Edition powered by Innois, in questo anno così drammaticamente particolare. Tornando ai pensieri di Taleb durante il summit – in programma online martedì 21 e mercoledì 22 luglio e poi mercoledì 23 luglio con una Special Sardinia Edition – dovremmo far nostro il suo ragionamento: «Alcune cose traggono beneficio dagli shock, prosperano e crescono quando sono esposte a mutevolezza, casualità, disordine e fattori di stress. L’antifragilità va oltre il concetto di resilienza elastica e di robustezza. Una cosa resiliente resiste agli shock, ma rimane la stessa di prima: l’antifragile dà luogo a una cosa migliore».

 

Durante la tre giorni racconteremo storie, ricette, modelli degli Unbreakable, in un giro del mondo dell’innovazione. Storie di persone speciali che danno luce ai propri contesti geografici, alle proprie comunità. In fondo è questa la ricetta per fare innovazione in un contesto così fragile, difficile. Lo ha scritto pochi giorni fa proprio il Financial Times, suggerendo un emblematico passaggio dalla contingenza del “just in time” al valore del lavoro in comunità con il “just in case”. La differenza la fanno sempre le persone, anche in questo periodo difficile. Soprattutto in questo periodo difficile.

 

 

 

*Giampaolo Colletti è giornalista e manager. Per Startupitalia è editor-at-large e curatore scientifico del SIOS20

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter