Conte: "Oggi non inauguriamo il MOSE, è un test" - Startupitalia
single.php

Ultimo aggiornamento il 10 luglio 2020 alle 10:54

Conte: “Oggi non inauguriamo il MOSE, è un test”

L'imbarazzo del premier: "Non è la nostra opera, siamo arrivati all'ultimo miglio. Speriamo almeno che funzioni"

Venezia, tra poche ore, per la prima volta nella storia sarà separata dall’Adriatico. Oggi infatti il test del MOSE, la contestatissima barriera artificiale, frutto di malaffare e tangenti, episodi ricordati anche dal presidente del Consiglio che ha presenziato alla cerimonia della messa in moto della barriera. Tutto questo avviene a otto mesi dall’ultima ondata eccezionale di acqua alta che ha travolto Venezia, facendo danni per milioni di euro.

Leggi anche: Venezia e Amsterdam finiranno sott’acqua. La mappa delle città sommerse entro il 2050

“Ci auguriamo che il MOSE possa funzionare”, ha commentato Conte, visibilmente imbarazzato dal fatto di presenziare al test di un’opera avversata dalla sua parte politica. “Ci sono stati episodi deprecabili di corruzione che non possiamo dimenticare”, ha infatti detto il presidente del Consiglio, che ha precisato: “oggi qui non inauguriamo il MOSE, oggi ci sarà solo un test”, quasi a sminuire l’importanza dell’evento”. “A chi protesta contro il MOSE – ha detto Conte – chiediamo di unirsi all’augurio che almeno funzioni. Non è la nostra opera, siamo arrivati all’ultimo miglio. È costata cinque miliardi, speriamo funzioni”.

Leggi anche: Venezia e Matera: due disastri annunciati. Mario Tozzi: “Basta opere, più manutenzione”

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter