desc

La formica infernale, ecco come cacciava il “predatore” 99 milioni di anni fa

LIFESTYLE
Edit article
Set prefered

La formica infernale, ecco come cacciava il “predatore” 99 milioni di anni fa

Ritrovato in Myanmar, il fossile “fotografa” un evento raro per i paleontologi

Ritrovato in Myanmar, il fossile “fotografa” un evento raro per i paleontologi

La fotografia di uno scontro all’ultimo sangue. Quello di un povero scarafaggio. In Myanmar è stato ritrovato il fossile che rivela una scoperta scientifica notevole per chi studia e ricerca animali e specie estinte. Nota come “hell ant”, la formica infernale è forse uno dei primi esemplari di formica che abbiano mai calpestato la Terra. Vissuta nel periodo Cretaceo, circa 99 milioni di anni fa, convivendo con i dinosauri, questo piccolo animale è il protagonista di un fossile che parla da sè: il predatore sta finendo la vittima con un morso letale grazie alla sua mandibola falciforme. Il ritrovamento fa luce sulla tecnica della caccia di questi piccoli e spietati insetti.

Leggi anche: Il Demogorgone esiste. Aiuto! 10 animali strani e dove trovarli

Fonte: sito New Jersey Institute of Technology

Formica infernale: dicono gli esperti…

Il ritrovamento del fossile della formica infernale è stato documentato sulla rivista Current Biology dai ricercatori del New Jersey Institute of Technology, dell’Accademia delle Scienze cinese e dell’Università di Rennes in Francia. «Lo scontro antico racchiuso nell’ambra recuperata dal Myanmar – si legge sul sito del NJIT – offre uno sguardo dettagliato su una nuova specie di formica preistorica, Ceratomyrmex ellenbergeri, e rappresenta una delle prime prove dirette che mostrano come essa e altre formiche infernali usassero le loro caratteristiche assassine per bloccare le prede».

Leggi anche: Il Tristo Mietitore è il nuovo dinosauro scoperto in America

Phillip Barden, membro del team di ricerca, non ha usato mezzi termini sul valore della scoperta. «Il comportamento fossilizzato è estremamente raro, la predazione soprattutto. Come paleontologi, speculiamo sulla funzione degli antichi adattamenti utilizzando le prove disponibili. Ma vedere un predatore estinto nell’atto di catturare la sua preda è un qualcosa di inestimabile». La formica infernale va così ad aggiungersi ad altre specie che scienziati e ricercatori hanno scoperto o imparato a conoscere meglio negli ultimi tempi. A febbraio erano circolate le immagini – ricreate a computer, tranquilli – del Tristo Mietitore, un collega del T-Rex. Almeno in questo caso, non ci serve molta fantasia per immaginarci il suo metodo di caccia.

Leggi anche: Dov’era la tua casa al tempo dei dinosauri? Te lo dice il Google Maps preistorico