StartCup Lombardia: i vincitori della 18esima edizione
single.php

Ultimo aggiornamento il 23 ottobre 2020 alle 15:19

StartCup Lombardia: i vincitori della 18esima edizione

Anche riconoscimenti speciali da BCC Milano e Joule, oltre al Premio Speciale Covid

Sono EYE4NIR, iCareX, Random Power e SSiS: questi i nomi dei vincitori di StartCup Lombardia, la competizione organizzata dalle Università e dagli Incubatori Universitari lombardi e promossa da Regione Lombardia con il sostegno di Deloitte. «Quest’anno di grande difficoltà non ha spento la creatività – ha commentato l’assessore allo Sviluppo Economico di Regione Lombardia, Alessandro Mattinzoli – 167 iscritti alla call ne sono la dimostrazione. I 18 anni di StartCup Lombardia confermano che il progetto si è consolidato». Gestita da PoliHub, l’Innovation Park & Startup Accelerator del Politecnico di Milano, StartCup Lombardia ha assegnato un premio da 25mila euro a ciascuno dei quattro vincitori, i quali potranno ora accedere al Premio Nazionale dell’Innovazione in programma a Bologna.

StartCup Lombardia: il ruolo delle startup

«StartCup Lombardia – ha dichiarato Andrea Sianesi, presidente di PoliHub – si conferma anche quest’anno una competizione capace di attrarre idee di valore, facendo leva su tutto l’ecosistema accademico regionale. La qualità dei progetti selezionati dimostra come i momenti di crisi possano generare opportunità per chi possiede le competenze e la capacità di visione necessarie per avviare un’iniziativa imprenditoriale ad alto contenuto innovativo».

 

Per il settore Industrial Tecnologies di StartCup Lombardia EYE4NIR  è stata scelta come vincitrice grazie alla sua fotocamera iperspettrale, compatta e accessibile per vedere ciò che sfugge all’occhio umano; per Lifescience la startup iCareX ha convinto la giuria grazie al suo progetto di terapie personalizzate data-driven e AI-assisted a supporto dei medici; nel settore ICT & Services l’azienda innovativa Random Power si è aggiudicata il primo premio grazie al suo piccolo generatore di bit random casuale per la generazione di chiavi di sicurezza utili a salvaguardare i dati, la privacy e la vita digitale; infine, per Cleantech & Energy, la startup SSiS ha vinto dopo aver presentato il suo processo di industria 4.0 per l’isolamento termico a cappotto degli edifici, in particolare per quelli di geometrie complesse.

L’innovazione negli atenei lombardi

In un momento difficile per il paese e l’economia, l’ecosistema dell’innovazione può dare un contributo fondamentale per il rilancio. Ne è convinto anche Ferruccio Resta, Rettore del Politecnico di Milano. «Di tutte le sfide aperte dalla pandemia – queste le sue parole – credo che la più grande sia quella di ripensare un mondo diverso. Per farlo abbiamo bisogno di nuove idee. StartCup si conferma uno straordinario contenitore di soluzioni innovative in ambiti centrali per lo sviluppo: il digitale, le scienze della vita, l’energia». Nel corso della premiazione gli atenei lombardi sono stati rappresentati da Salvatore Torrisi, Pro-Rettore alla Valorizzazione della Ricerca dell’Università Milano Bicocca. «L’università è sottoposta a una domanda crescente di trasferimento tecnologico – ha dichiarato – è la nostra cosiddetta terza missione. Al di là delle esperienze di collaborazione, occasioni come StartCup Lombardia sono fondamentali per capire cosa gli atenei hanno da esprimere».

 

Oltre ai quattro vincitori, la call ha assegnato anche premi speciali da parte dei due sponsor BCC Milano e Joule, la Scuola di Eni per l’Impresa. Alla startup SAFER è stato assegnato il premio di 7 mila euro da BCC Milano: sue le etichette innovative ideate per rivoluzionare il mondo della distribuzione, rendendo tutti compartecipi nella promozione di un consumo critico, consapevole e mirato a ridurre gli sprechi alimentari. Le startup Bi-Rex, che ha ideato un trattamento innovativo e sostenibile per il recupero di prodotti ad alto valore da biomasse, derivanti dalle lavorazioni agro-industriali, e ReHouseIT, che realizza moduli multifunzionali per pareti prodotti con l’utilizzo della stampa 3D e ricavati da scarti della produzione industriale agroalimentare mediante una filiera tracciata attraverso la blockchain, si sono aggiudicati il premio che Joule ha riservato a iniziative in ambito di Economia Circolare e Cleantech. Entrambe avranno accesso al programma di accelerazione Joule Energizer, oltre a un grant di 15 mila euro ciascuno.

Il Premio Speciale Covid

Infine Regione Lombardia ha messo a disposizione anche il Premio Speciale Covid, con 25 mila euro per la migliore soluzione collegata alle conseguenze causate dall’emergenza pandemica. A vincere è stata VoiceMed: la startup ha proposto un servizio di pre-diagnostica online o tramite telefonata basato su un software in fase di sviluppo che, aiutato dall’Intelligenza Artificiale, sarà in grado di calcolare istantaneamente la possibilità che una persona sia affetta da Covid-19 o altre malattie respiratorie associate, utilizzando campioni audio di tosse, respiro e voce.  Proprio per il potenziale contributo a supporto della gestione dell’emergenza anche VoiceMed parteciperà al Premio Nazionale dell’Innovazione insieme ad altri due progetti ritenuti meritevoli dalla giuria: Bi-Rex e SAMS Technology.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche