No di Conte al lockdown totale. Verso il lockdown soft? Le ipotesi
single.php

Ultimo aggiornamento il 23 ottobre 2020 alle 17:47

No di Conte al lockdown totale. Verso il lockdown soft? Le ipotesi

Il grido d'allarme di De Luca in Campania; Fontana chiede altre restrizioni. Nuovo dpcm se la situazione continuerà a peggiorare

Sembra questione di lana caprina, ma il Governo è davvero di fronte a un bivio: da una parte la drammatica replica di quanto l’Italia ha già vissuto la scorsa primavera con il lockdown che ha chiuso per mesi le attività, costringendo milioni di persone a casa; dall’altra un’ipotesi più morbida, con un lockdown mirato che non vada a paralizzare scuola e lavoro, ma limiti drasticamente le uscite per svago e altre attività. Nelle ultime 24 ore sono stati oltre 19mila i nuovi positivi con 91 morti – in calo rispetto a ieri – e Palazzo Chigi ha già ricevuto il grido d’allarme del Governatore della Campania, Vincenzo De Luca, il quale chiede senza mezzi termini il lockdown totale prima che sia troppo tardi.

Leggi anche: Caos trasporti, Italo: «Senza sussidi falliamo». Oggi sciopero treni e bus

Lockdown soft: lavoro o scuola

Al momento il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, sembra temporeggiare sulla chiusura totale. In giornata il Governatore della Lombardia, Attilio Fontana, ha dichiarato che presto bisognerà scegliere tra due opzioni: o si riduce il numero di chi va a scuola, o di chi va al lavoro. Sempre oggi, in un’intervista a Tiscali, il ministro dell’Università, Gaetano Manfredi, ha fornito un assist all’idea di un lockdown soft: «Preferirei se dicessimo ‘uscite in sicurezza’ anziché ‘state a casa’», queste le sue parole.

Leggi anche: Covid, l’Italia a un soffio dai 20mila casi. Ipotesi lockdown più forte

Se la situazione dovesse continuare a peggiorare, con i medici di base che denunciano situazioni sempre più gravi sui territori, il Governo Conte si troverebbe costretto ad intervenire con un nuovo dpcm – il terzo – nel giro di pochissimi giorni. Le ipotesi di lockdown soft di cui si legge sulla stampa parlano di permessi ad uscire soltanto per chi va al lavoro o a scuola. In quel caso è possibile immaginarsi anche un intervento sul coprifuoco che, nelle ultime ore, è stato attivato in alcune regioni.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche