ISS: senza sintomi, tamponi solo a contatti stretti, no a chiunque
single.php

Ultimo aggiornamento il 3 novembre 2020 alle 16:36

ISS: senza sintomi, tamponi solo a contatti stretti, no a chiunque

Chi deve fare i tamponi molecolari? Chi i test rapidi antigenici? Quali differenze tra chi ha i sintomi e chi no? L'Istituto superiore della Sanità prova a mettere ordine

Anche se, alla luce della situazione attuale, il tracciamento dei positivi è purtroppo fallito, l’Istituto Superiore della Sanità prova, forse tardivamente, a mettere ordine nella strategia di offensiva al Covid. I tamponi molecolari saranno dunque esclusiva dei casi sospetti che presentano sintomi o delle persone asintomatiche che hanno un ricovero programmato in ospedale o in RSA. Al contrario, i test rapidi antigenici prerogativa di chi ha pochi sintomi e non ha avuto contatti con positivi. Quando non si è in presenza di sintomi “i test devono essere limitati ai contatti stretti di un caso confermato” e non vanno prescritti anche “ai contatti di contatti”. Lo si legge nel documento “Test di laboratorio per SARS-CoV-2 e loro uso in sanità pubblica”, realizzato da ministero della Salute e Istituto superiore di Sanità.

Alla luce delle evidenze disponibili e della necessità di garantire test in tempi compatibili con le esigenze di salute pubblica, si legge nella Nota tecnica ad interim, elaborata insieme a Inail, Comitato tecnico scientifico, Consiglio superiore di sanità, Conferenza delle Regioni, Federazione nazionale degli ordini dei medici, Istituto Spallanzani e Organizzazione mondiale della sanità (Oms), “è fondamentale una scelta appropriata tra i test disponibili”. A tal proposito, si precisa, “non è raccomandato prescrivere test diagnostici a contatti di contatti stretti di caso confermato; qualora essi vengano richiesti in autonomia, i soggetti non devono essere considerati sospetti né essere sottoposti ad alcuna misura di quarantena né segnalati al Dipartimento di Prevenzione, tranne i positivi che vanno sempre comunicati”.

Leggi anche: Covid 19 | Spray e cerotto per vaccinarci. Lo studio dell’Università di Pittsburgh. La nostra intervista al professor Vizzini

Il documento precisa caso per caso quale tipo di test prescrivere per portare avanti “una attività di sorveglianza che sia sostenibile”. Sebbene i test molecolari siano quelli di riferimento per sensibilità e specificità, infatti, “in molte circostanze si può ricorrere ai test antigenici rapidi che, oltre essere meno laboriosi e costosi, possono fornire i risultati in meno di mezz’ora e sono eseguibili anche in modo delocalizzato e consentono se c’è link epidemiologico di accelerare le misure previste”. In ogni caso, concludono gli esperti, “rimane essenziale la rapidità di diagnosi nei soggetti con sospetto clinico o sintomatici e dei contatti per controllare il focolaio limitando la diffusione del virus avvalendosi di quarantena e isolamento”.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche