Fatturazione elettronica, attenti alle novità in vigore da gennaio 21
single.php

Ultimo aggiornamento il 6 novembre 2020 alle 9:31

Fatturazione elettronica, attenti alle novità in vigore da gennaio 21

I codici Natura e i codici Tipo Documento diventeranno più dettagliati e bisognerà stare attenti a usare quelli nuovi

Liberi professionisti all’ascolto, drizzate bene le orecchie. Ci sono infatti novità significative sulla fatturazione elettronica. A partire dal 1° gennaio 2021 sarà obbligatorio l’utilizzo del nuovo tracciato Xml della fattura elettronica vers.1.6. I codici Natura e i codici Tipo Documento diventeranno più dettagliati e bisognerà stare attenti a usare quelli nuovi, indicati di seguito. È già possibile usare il nuovo metodo dal 1° ottobre, così per fare pratica. Qui tutte le novità sulla fatturazione elettronica indicate dall’Agenzia delle Entrate.

Leggi anche: Partite IVA, Bonus 1000 euro. C’è tempo fino al 16. Chi ne ha diritto?

Nuovi codici “Tipo Documento”

Con il tracciato attualmente in uso, il campo “Tipo Documento” è identificato con uno dei 7 codici seguenti:

TIPOLOGIA DESCRIZIONE

TD01 Fattura

TD02 Acconto/anticipo su fattura

TD03 Acconto/Anticipo su parcella

TD04 Nota di Credito

TD05 Nota di Debito

TD06 Parcella

TD20 Autofattura

I codici che si utilizzeranno con il nuovo tracciato, saranno 18:

TIPOLOGIA DESCRIZIONE

TD01 Fattura

 

TD02 Acconto/anticipo su fattura

 

TD03 Acconto/Anticipo su parcella

 

TD04 Nota di Credito

 

TD05 Nota di Debito

 

TD06 Parcella

 

TD16 Integrazione fattura reverse charge interno

 

TD17 Integrazione/autofattura per acquisto servizi dall’estero

 

TD18 Integrazione per acquisto di beni intracomunitari

 

TD19 Integrazione/autofattura per acquisto di beni ex art.17 c.2 DPR 633/72

 

TD20 Autofattura per regolarizzazione e integrazione delle fatture (art.6 c.8 d.lgs. 471/97 o art.46 c.5 D.L. 331/93)

 

TD21 Autofattura per splafonamento

 

TD22 Estrazione beni da Deposito IVA

 

TD23 Estrazione beni da Deposito IVA con versamento dell’IVA

 

TD24 Fattura differita di cui all’art.21, comma 4, lett. a)

 

TD25 Fattura differita di cui all’art.21, comma 4, terzo periodo lett. b)

 

TD26 Cessione di beni ammortizzabili e per passaggi interni (ex art.36 DPR 633/72)

 

TD27 Fattura per autoconsumo o per cessioni gratuite senza rivalsa

 

Nuovi codici “Natura Operazione”

Il campo “Natura Operazione” dovrà essere compilato nei casi in cui la fattura contenga operazioni non assoggettate a imposta, esenti, fuori campo, non imponibili o che ricadono in regimi particolari.

Ricordiamo che, con il tracciato attualmente in uso, il campo “Natura Operazione” è identificato con uno dei 7 codici seguenti:

TIPOLOGIA

N1 escluse ex art.15

 

N2 non soggette

 

N3 non imponibili

 

N4 esenti

 

N5 regime del margine / IVA non esposta in fattura

 

N6 inversione contabile (per le operazioni in reverse charge ovvero nei casi di autofatturazione per acquisti extra UE di servizi ovvero per importazioni di beni nei soli casi previsti)

 

N7 IVA assolta in altro Stato UE (vendite a distanza ex art. 40 commi 3 e 4 e art. 41 comma 1 lett. b, DL 331/93; prestazione di servizi di telecomunicazioni, tele-radiodiffusione ed elettronici ex art. 7-sexies lett. f, g, DPR 633/72 e art. 74-sexies, DPR 633/72)

 

I codici che si utilizzeranno con il nuovo tracciato saranno i seguenti:

TIPOLOGIA DESCRIZIONE

N1 escluse ex art.15

 

N2

N2.1 non soggette ad IVA ai sensi degli artt. da 7 a 7-septies del DPR 633/1972

N2.2 non soggette – altri casi

 

N3

N3.1 non imponibili – esportazioni

N3.2 non imponibili – cessioni intracomunitarie

N3.3 non imponibili – cessioni verso San Marino

N3.4 non imponibili – operazioni assimilate alle cessioni all’esportazione

N3.5 non imponibili – a seguito di dichiarazioni d’intento

N3.6 non imponibili – altre operazioni che non concorrono alla formazione del plafond

 

N4 esenti

 

N5 regime del margine / IVA non esposta in fattura

 

N6

N6.1 inversione contabile – cessione di rottami e altri materiali di recupero

N6.2

inversione contabile – cessione di oro e argento puro

N6.3 inversione contabile – subappalto nel settore edile

N6.4 inversione contabile – cessione di fabbricati

N6.5 inversione contabile – cessione di telefoni cellulari

N6.6 inversione contabile – cessione di prodotti elettronici

N6.7 inversione contabile – prestazioni comparto edile e settori connessi

N6.8 inversione contabile – operazioni settore energetico

N6.9 inversione contabile – altri casi

N7

IVA assolta in altro Stato UE (vendite a distanza ex art. 40 commi 3 e 4 e art. 41 comma 1 lett. b, DL 331/93; prestazione di servizi di telecomunicazioni, tele-radiodiffusione ed elettronici ex art. 7-sexies lett. f, g, DPR 633/72 e art. 74-sexies, DPR 633/72)

La novità dei codici “Tipo Ritenuta”

Introdotti nuovi codici “Tipo Ritenuta” così da potere indicare quando la propria ritenuta si riferisce a persone fisiche o giuridiche; alcune tipologie di contributi particolari la cui gestione contabile è assimilabile a quella delle ritenute. Attualmente c’erano solo due distinzioni:

TIPOLOGIA – DESCRIZIONE

RT01 Ritenuta d’acconto (ritenuta persone fisiche)

RT02 Ritenuta d’acconto (ritenuta persone giuridiche)

Con la novella legislativa in vigore da gennaio 2021 per la fatturazione elettronica, invece, avremo:

TIPOLOGIA DESCRIZIONE

RT01 Ritenuta d’acconto (ritenuta persone fisiche)

RT02 Ritenuta d’acconto (ritenuta persone giuridiche)

RT03 Contributo INPS

RT04 Contributo ENASARCO

RT05 Contributo ENPAM

RT06 Altro contributo previdenziale

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche