desc

Golee, l’assist alle società sportive per andare “in rete”. Ora in crowdfunding

Tecnologia
TECH
Edit article
Set prefered

Golee, l’assist alle società sportive per andare “in rete”. Ora in crowdfunding

L’intervista a Felice Biancardi, presidente e co-founder della startup che sostiene la digitalizzazione nel calcio

L’intervista a Felice Biancardi, presidente e co-founder della startup che sostiene la digitalizzazione nel calcio

Tecnologia

«Il nostro obiettivo è quello di  dare un impatto positivo alle comunità sportive  fornendo accesso ad innovazione e tecnologia per tutti. Da questa idea è nata Golee, una piattaforma che digitalizza tutta l’operatività delle società sportive di calcio.» Felice Biancardi è presidente e co-founder di Golee, la startup innovativa fondata per accelerare la digital transformation in un settore popolato da 14mila realtà dilettantistiche e non solo che ruotano attorno al pallone. «Il 95% del mercato calcistico è composto da società che non sfruttano le potenzialità del digitale e che purtroppo fanno ancora affidamento su carta, penna e fogli excel». Da pochi giorni Golee ha lanciato la sua campagna di crowdfunding su Backtowork, dove punta a raccogliere mezzo milione di euro. «Quest’anno siamo passati da 200 a 1400 clienti – ha spiegato Biancardi a StartupItalia – Entro la fine del 2021 puntiamo a raggiungerne 5mila».

Golee: una soluzione al COVID per lo sport

Golee è tra le startup che saranno presenti allo StartupItalia Village in occasione del SIOS20 del 14 dicembre per raccontare come si fa innovazione nello sport. Un mondo che, come tanti altri, è stato travolto dagli effetti del COVID-19: partite annullate e lockdown hanno bloccato un settore che anima tutta Italia, dai grandi centri fino alle periferie, dove il tifo e lo sport sono un vero collante sociale. «Golee ha iniziato la sua fase di scale-up proprio durante l’emergenza coronavirus – ha aggiunto Biancardi – raggiungendo 1400 società sportive. La nostra piattaforma abilita le società a lavorare da remoto e a eliminare passaggi cartacei, attività non possibili in questo periodo. Uno strumento ideale per le tantissime società sportive che finora non hanno mai seguito un metodo organizzativo e finanziario adeguato. La piattaforma è articolata su vari moduli, e le società possono decidere quali acquistare in base alle loro esigenze – ha sottolineato il co-founder – ma abbiamo creato un modulo base gratuito senza limiti di tempo proprio per aiutare le società in questo momento di difficoltà».

Società ferme a Italia ‘90?

Il mondo dello sport ha iniziato in ritardo l’adozione di strumenti digitali. La maggior parte delle innovazioni sono costose e riservate a club professionistici, «mentre il resto del mercato è enorme e ha fame di innovazione». Un esempio tra i tasti dolenti per le società è la gestione di siti web e social media: poco aggiornati e fermi a logiche di qualche decennio fa. «In questo mondo non ci sono competenze per comunicare in maniera digitale, tramite la piattaforma Golee le società possono creare un sito web da zero, aggiornandolo in modo automatico con risultati e classifiche, e utilzizare i propri social media in maniera facile e pensata per lo sport».

Inoltre, la piattaforma ha un e-commerce integrato sul quale in pochi minuti è possibile creare merchandising e gadget (dalla felpa al cappellino) personalizzabili con i colori e lo stemma della squadra. «Il modulo e-commerce aiuta le società a monetizzare senza sforzo. I nostri store online sono attivabili in pochi minuti e hanno prodotti preconfigurati e immediatamente vendibili».

Golee: oggi il calcio. Domani?

Nata come software verticale sul mondo del calcio e con investimenti ricevuti superiori al milione di euro, Golee non esclude di esplorare nuovi sport con una piattaforma che potrebbe funzionare anche in altri contesti sportivi. Tra gli ultimi riconoscimenti, la startup ha vinto la Startup Competition 2020 di Confindustria Giovani e il Qatar Sportstech 2019, ricevendo un investimento da 150mila euro. Ad oggi l’azienda ha concluso un accordo con i Comitati Regionali Figc (Lombardia, Piemonte, Friuli, Calabria) e punta a raggiungere tutte le federazioni regionali. «Il nostro obiettivo – ha concluso il presidente – è aiutare migliaia di persone a ritrovare il piacere del gioco e la serenità nel lavoro offrendo una risorsa inestimabile: più tempo da dedicare alla passione per lo sport.».