Covid, è italiana e aerospaziale la mascherina trasparente anti Covid-19
single.php

Ultimo aggiornamento il 5 Dicembre 2020 alle 8:53

Covid, è italiana e aerospaziale la mascherina trasparente anti Covid-19

Realizzata da LMA, azienda italiana specializzata nell'ambito tecnologico e dall'innovazione in campo aeronautico e aerospaziale, la mascherina è in silicone e ha ricevuto la certificazione come Dispositivo Medico a marchio CE

Si chiama Respira ed è una mascherina in silicone trasparente. Il prodotto è stato realizzato da LMA, società italiana attiva nei campi della tecnologia e dell’innovazione applicata ai settori aeronautico e aerospaziale. L’azienda ha deciso di mettere il proprio know how al servizio della battaglia contro il Covid, progettando questo particolare tipo di mascherina, che permette la visione delle espressioni del volto. Un risultato frutto del lavoro fatto dal dipartimento Ricerca e Sviluppo di LMA, già collaboratore del Politecnico di Torino e Milano, oltre che di diversi atenei stranieri.

Leggi anche:
Dpcm Natale | Boccia: “Capodanno si festeggi alle 22”

“Abbiamo realizzato una mascherina in silicone trasparente per favorire una buona lettura del labiale e una trasmissione empatica di tutte le espressività del viso”, ha dichiarato Fulvio Boscolo, general manager di LMA. “Il mondo medico-sanitario il comparto scolastico e associazionistico possono indossare Respira con la garanzia di utilizzare un dispositivo medico in linea con le normative vigenti“.

Trasparente ma non solo

Le caratteristiche della mascherina prodotta da LMA sono conformi agli standard richiesti dalle autorità sanitarie. Tramite attestazione di un laboratorio di prova indipendente, è stato difatti riconosciuto il rispetto dei requisiti per i quali è stato possibile certificare il kit mascherina Respira e i suoi filtri di ricambio come Dispositivi Medicale di Classe I e mascherine chiurgiche di tipo II. Attenendosi pertanto al Regolamento UE che ne stabilisce i parametri necessari. La certificazione ne assicura la possibilità di utilizzo negli ambienti nei quali vigono i protocolli di sicurezza ufficiali, come gli ambienti medico-sanitari e scolastici.

Leggi anche:
Dire, fare, digitale: countdown per #SIOS20, tutti gli speaker del 14 dicembre

Oltre alla trasparenza, Respira è anallergica e riutilizzabile, a seguito di una semplice procedura di pulizia dei componenti, attraverso detergente liquido di uso comune, risciacquo sotto acqua corrente e successiva immersione in un litro di acqua tiepida, con 50 ml di amuchina medicale per cinque minuti. La mascherina è, inoltre, latex free. Il Kit “Consumer” di Respira è comprensivo della fornitura di dieci filtri di tipo eq. II e di 4 elastici di colori assortiti. Il pacchetto da dieci filtri di ricambio è acquistabile nell’e-commerce dedicato.

LMA, dallo spazio alle mascherine

La produzione della mascherina trasparenta mostra l’impegno della società italiana, tradizionalmente specializzata nei settori aerospaziale e aeronautico, sul fronte della prevenzione al Coronavirus. L’ambito dei dispositivi medici consente l’utilizzo di materiali ad alto tasso tecnologico e permette di coniugare gli aspetti della sostenibilità e della responsabilità sociale. “Al centro delle prime release della mascherina”, spiega Christian Di Benedetto, R&D manager di LMA, “c’è una serie di stampanti 3D. Queste hanno permesso lo sviluppo del progetto e la creazione di un prodotto di nuova generazione. La certificazione è un’ulteriore conferma della sicurezza di Respira, raggiunta grazie a continue ricerche, verifiche e utilizzo di materiali innovativi”.

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche