Decollano oggi i primi voli Covid tested Italia - USA - Startupitalia
single.php

Ultimo aggiornamento il 8 Dicembre 2020 alle 6:37

Decollano oggi i primi voli Covid tested Italia – USA

Tutti i passeggeri dovranno presentare una certificazione comprovante la negatività al Covid-19 oppure eseguire il test antigenico direttamente all'aeroporto

Alitalia e Aeroporti di Roma comunicano che il primo aereo della flotta di voli Covid tested decollerà nella giornata di oggi, martedì 8 dicembre, in direzione degli Stati Uniti d’America.

Leggi anche: Covid, non fai il vaccino? Non atterri in Australia. Il Paese vuole dotarsi di un passaporto digitale che attesti l’immunità di chi atterra all’aeroporto

Cosa sono i voli Covid tested?

Tutti i passeggeri che viaggeranno sui tre voli settimanali da e per New York dovranno presentare una certificazione comprovante la negatività al Covid-19, effettuata nelle 48 ore antecedenti il volo, oppure eseguire il test antigenico direttamente all’aeroporto prima di imbarcarsi. Per chi parte dagli Stati Uniti, all’arrivo a Fiumicino verrà richiesto di eseguire un nuovo test antigenico; un doppio controllo che esenterà i passeggeri dall’obbligo di quarantena al momento dell’ingresso in Italia.

Anche per questi voli Covid tested i passeggeri saranno comunque tenuti a indossare sempre una mascherina chirurgica protettiva e a munirsi di un numero di ricambi adeguato alla durata del viaggio, per sostituirle ogni 4 ore. Inoltre, prima dell’imbarco è richiesta la compilazione di una autocertificazione che attesti di non aver avuto contatti stretti con persone che si sa essere affette da Covid-19. Avevamo già parlato dei voli Covid tested, qui è possibile leggere altre informazioni in merito.

Leggi anche: Covid e lockdown, il settore aereo crolla ancora. Perdite sempre più gravi per 118 miliardi

“L’iniziativa – si legge nel comunicato congiunto – risponde alle esigenze dei passeggeri che, in una recente indagine di mercato, avevano espresso un crescente interesse all’adozione di queste misure con l’aumentare delle ore di volo”. Si tratta – fanno sapere dalla Farnesina – di uno sviluppo molto importante per le relazioni bilaterali, finalizzato a favorire i collegamenti aerei tra Italia e Stati Uniti nel pieno rispetto di elevati livelli di sicurezza sanitaria per i viaggiatori e per il nostro Paese.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche