desc

Oggi sciopero dei dipendenti pubblici. Ma guadagnano più dei privati

Lavoro
ECONOMY
Edit article
Set prefered

Oggi sciopero dei dipendenti pubblici. Ma guadagnano più dei privati

Secondo un report dell’Osservatorio CPI, gli statali sono pagati circa il 24 per cento in più rispetto a quelli privati

Secondo un report dell’Osservatorio CPI, gli statali sono pagati circa il 24 per cento in più rispetto a quelli privati

Lavoro

Sciopero nazionale nella giornata di oggi di tutti i dipendenti pubblici. La mobilitazione del pubblico impiego, ricordano dai sindacati, è stata indetta principalmente per protestare contro il mancato rinnovo del contratto e avviare una “riforma seria della Pubblica amministrazione”, con assunzioni nella scuola e nella sanità, e per superare la precarietà. Il blocco dei contratti, lamentano i rappresentati di categoria, si traduce anche in un blocco degli stipendi. Eppure c’è uno studio che ricorda agli statali che, al momento, guadagnano più dei privati…

Leggi anche: Italiani spreconi? Le nostre startup leader in Europa su riciclo e lotta ai rifiuti

Lo studio che non piace ai dipendenti pubblici

La ricerca non è stata elaborata da ambienti di destra o vicini al governo, anzi. Ma dall’Osservatorio Conti Pubblici di Carlo Cottarelli. Secondo i dati che riporta l’analisi “in Italia i dipendenti pubblici, in media, sono tuttora pagati circa il 24 per cento in più rispetto a quelli privati“. Parlando di soldi, in media annualmente uno statale riceve 36.350 euro (ovviamente c’è da tenere in considerazione che è alzata dai salari altissimi dei magistrati e dei dirigenti della PA, mentre permane il problema, vergognoso, dello stipendio degli insegnanti, tra i più bassi in Europa), contro i 29.260 euro dei dipendenti privati. Nel medesimo approfondimento si ricorda come, in realtà, il divario a favore dei dipendenti pubblici sia piuttosto comune in molti Paesi avanzati e riflette differenze nelle caratteristiche dei lavoratori in questione (istruzione, mansioni, esperienza ecc…).

Il segretario della CGIL, Maurizio Landini

Leggi anche: Extra Cashback di Natale al via, le cose da sapere per non perderlo

Il confronto con gli altri Paesi

Abbiamo detto che in diverse Nazioni è normale che gli statali guadagnino di più che i privati. Questo può dunque fungerci da aggancio per un raffronto internazionale e comprendere se i dipendenti pubblici italiani guadagnino davvero così poco rispetto ai salari di altri Paesi come lamentato a più riprese dai sindacati. Questo favoritismo economico, viene ancora spiegato nel report, “È il cosiddetto wage premium dei dipendenti pubblici, ovvero la retribuzione media aggiuntiva che un dipendente riceve per il semplice fatto di lavorare per la PA. Tenendo conto delle differenze nelle caratteristiche di dipendenti pubblici e privati, studi passati avevano evidenziato come, a metà degli anni 2000, il wage premium effettivo degli statali in Italia fosse attorno al 14 per cento, contro una media del 5 per cento negli altri Paesi avanzati. Il wage premium si era poi ridotto ed attualmente risulta in linea con la media estera. Di conseguenza, nel confronto internazionale, al momento non sembrerebbe che i dipendenti pubblici italiani siano sottopagati rispetto a quelli privati“.

© Poste Italiane

Quindi, viene concluso che: “l’attuale livello delle retribuzioni dei dipendenti pubblici rispetto a quelli privati è di poco inferiore rispetto alla media degli ultimi quarant’anni, mentre il wage premium è in linea con quello degli altri Paesi avanzati. Inoltre, è possibile che la crisi porti ad una caduta delle retribuzioni nel settore privato tale da innalzare questo rapporto di più rispetto allo stanziamento previsto dal governo”. Insomma, dopo la pandemia gli Statali potrebbero guadagnare di più dei privati solo perché sono i soli che hanno lo stipendio “fisso” garantito. Un “mal comune mezzo gaudio” che questa volta, però, non farà felice proprio nessuno…