Twitter annuncia Super Follows: arrivano i tweet a pagamento
single.php

Ultimo aggiornamento il 26 Febbraio 2021 alle 9:47

Twitter annuncia Super Follows: arrivano i tweet a pagamento

Dorsey ha in cantiere anche il lancio dei gruppi

Twitter ha annunciato due novità per gli utenti del social network. Quella più importante riguarda il lancio di Super Follows, strumento che darà la possibilità di acquistare contenuti extra pubblicati da influencer, aziende o giornalisti soltanto per una community disposta a spendere. La società guidata da Jack Dorsey ha poi intenzione di permettere agli iscritti di accedere a gruppi in cui le persone potranno seguire i loro principali interessi. Come si legge su The Verge, la novità dei tweet a pagamento va ad aggiungersi ad altre feature attive in diverse piattaforme che consentono agli utenti di spendere per avere qualcosa di più.

Leggi anche: Pancheri (Sky TG24): «Irruzione a Capitol Hill ha smascherato i Big Tech»

Twitter: cosa bolle in pentola

Sui social circola un’immagine (quella in copertina di questo articolo) che mostra un esempio di come funzionerà Super Follows su Twitter. Per 4,99 dollari al mese – la cifra è d’esempio – ci si potrà abbonare a contenuti extra di ogni tipo, con la possibilità di disdire ogni volta esattamente come accade per tutte le piattaforme in streaming. La novità sui gruppi va a seguire un trend che aveva lanciato Facebook anni fa: l’idea di Mark Zuckerberg era quella di riportare il social alle origini, quando ci si incontrava tra amici e si organizzavano feste. Purtroppo questa scelta non è bastata per attivare la macchina del tempo e ripulire i social da fake news e violenza.

Leggi anche: Trump, parla il CEO di Twitter Jack Dorsey. «Il ban segno del nostro fallimento»

Non esiste al momento una data di lancio di Super Follows dal momento che, come scrive The Verge, il progetto è stato soltanto presentato in un incontro con analisti e investitori delle scorse ore. I Big Tech come Twitter sono stati per settimane al centro del dibattito per il loro ruolo nell’imbarbarimento del dibattito pubblico. Poco dopo aver deciso la cacciata permanente di Donald Trump dalla piattaforma, il Ceo Jack Dorsey aveva fatto autocritica spiegando che la vicenda ha sancito un fallimento da parte dei social.

Leggi anche: Capitol Hill: così la violenza è nata e dilagata sui social

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche