desc

USA, il ritorno di Donald Trump. Avrà un suo social?

LIFESTYLE
Edit article
Set prefered

USA, il ritorno di Donald Trump. Avrà un suo social?

Tra pochi mesi l’ex presidente potrebbe inaugurare una nuova piattaforma

Tra pochi mesi l’ex presidente potrebbe inaugurare una nuova piattaforma

Stando a Jason Miller, senior advisor dell’ex presidente USA Donald Trump, il tycoon potrebbe presto tornare sulla scena social, inaugurando una propria piattaforma. L’indiscrezione è stata rilanciata a Fox News, canale televisivo conservatore. «Penso che rivedremo il presidente Trump sui social media probabilmente tra due o tre mesi, con la sua piattaforma», ha detto Miller senza timore di lanciare il guanto di sfida ai Big Tech. «Questa nuova piattaforma sarà grande» e attirerà «decine di milioni di persone».

Leggi anche: Trump, parla il CEO di Twitter Jack Dorsey. «Il ban segno del nostro fallimento»

Trump: il ritorno dopo i fatti del 6 gennaio

Dopo i fatti drammatici del 6 gennaio scorso, quando migliaia di manifestanti e sostenitori di Trump hanno fatto irruzione a Capitol Hill, Washington, i social network hanno preso decisioni drastiche. La prima è stata Twitter, che ha optato per un ban permanente di Donald Trump, con un’operazione senza precedenti che gli ha sottratto il principale megafono utilizzato nei quattro anni di mandato. Misure analoghe sono state prese da società come Facebook e YouTube.

Leggi anche: Pancheri (Sky TG24): «Irruzione a Capitol Hill ha smascherato i Big Tech»

Tra gli strascichi dei fatti di Capitol Hill c’è stata anche la chiusura preventiva di Parler, social del free speech fino a pochi mesi fa sconosciuto ai più. Quando Twitter e altre multinazionali stavano prendendo le prime misure contro Trump erano infatti circolate le ipotesi che il presidente uscente stesse per trasferirsi su Parler. La reazione di Google, Amazon e Apple è stata quella di oscurare subito il sito e l’app dagli store per via dei suoi contenuti e della sua politica giudicata troppo lassista contro le fake news. La notizia aveva fatto rumore anche in Italia, dove persino il segretario della Lega, Matteo Salvini, aveva fatto in tempo a sbarcare sul social americano in segno di supporto a Trump. Da allora non molto è cambiato, ma il tycoon non sembra affatto intenzionato a ritirarsi a vita privata.

Leggi anche: QAnon, il golpe nato sui social. Dalle fake news all’irruzione a Capitol Hill