Quando la medicina incontra la tecnologia: i vincitori dell'Hack for Med Tour - Startupitalia
single.php

Ultimo aggiornamento il 31 Marzo 2021 alle 11:59

Quando la medicina incontra la tecnologia: i vincitori dell’Hack for Med Tour

La carrellata dei progetti selezionati permette di intuire come nemmeno la pandemia di Covid-19 abbia rallentato il processo creativo

Tre progetti che hanno come minimo comune denominatore l’alta tecnologia applicata alla medicina. Sono i vincitori delle tre tappe dell’Hack for Med Tour di Medtronic Open Innovation Lab, un progetto – appunto – di Open Innovation promosso da Medtronic, azienda del comparto medico, in collaborazione con la startup B-Corp Onde Alte proprio al fine di favorire la sinergia tra la scienza e le nuove tecnologie. Un percorso itinerante, da Sud a Nord, risalendo lo Stivale, che ha visto sfidarsi 18 idee hi-tech presentate da 66 partecipati durante i vari hackathon.

I vincitori dell’Hack for Med Tour

Ed è proprio la carrellata dei progetti selezionati a regalarci una ventata di ottimismo, in quanto permette di constatare come nemmeno la pandemia di Covid-19 abbia rallentato il processo creativo nei nostri atenei e nelle nostre piccole e medie imprese. Possiamo insomma affermare che la corsa a un mondo sempre più tecnologico non si sia mai fermata, nonostante i lockdown.

Hack for Med Tour

Il team di Cibi Spray

Il vincitore della prima tappa, tenutasi virtualmente (per via delle restrizioni sanitarie) a Lecce, è il cerotto CIBI Spray, un unguento intelligente ideato da sei giovani pugliesi da spruzzare sulla ferita che, oltre a proteggerla, avvisa tramite diagnosi visiva se c’è una infezione in corso.

Leggi anche: Massimiliano Ventimiglia: “Le diseguaglianze sono in aumento. Ecco perché ho deciso di affrontare le Onde Alte della vita”

 

Hack for Med Tour

Il team di Syndiag

L’intelligenza artificiale di Syndiag, startup fondata da quattro giovani,  è stata invece la vincitrice della tappa partenopea. La realtà ha istruito l’intelligenza artificiale a diagnosticare per tempo il tumore ovarico e ha sviluppato OvAI che è in grado di riconoscere zone sospette sulle quali è meglio indagare.

Hack for Med Tour

Le stampanti 3D del dottor Villiam Dallolio

Infine, l’ultima tappa, al polo di Mirandola, ha premiato il dottor Villiam Dallolio, neurochirurgo, che con PrintMed 3D propone un processo nuovo per la produzione customizzata, grazie alla stampa 3D, di protesi craniche, maxillofacciali e ortopediche. Per farlo, sarà necessario installare una stampante 3D in ogni ospedale così da produrre protesi sartoriale prêt-à-porter.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche