Fenix, dai vecchi cellulari nascono gioielli personalizzati stampati in 3D - Startupitalia
single.php

Ultimo aggiornamento il 17 Aprile 2021 alle 9:10

Fenix, dai vecchi cellulari nascono gioielli personalizzati stampati in 3D

Si chiama Fenix, il progetto Horizon 2020 di cui è partner il Politecnico di Milano che dà nuova vita a rifiuti elettronici creando veri e propri gioielli personalizzati sostenibili

Il progetto Horizon 2020 Fenix, di cui il Politecnico di Milano è partner, ha dato nuova vita ai rifiuti elettronici, diventati materia prima per prodotti eco-compatibili come nuovi filamenti metallici per la stampa 3D, polveri metalliche green per la manifattura additiva e gioielli sostenibili stampati in 3D. Il Progetto, spiega il Politecnico in una nota, si è concluso dopo 40 mesi di lavoro e ha raggiunto l’obiettivo di sviluppare nuovi modelli di business e strategie industriali in un’ottica di economia circolare.

Il Progetto Fenix

In particolare il Laboratorio Industry 4.0 del Dipartimento di Ingegneria Gestionale del Politecnico di Milano ha implementato una stazione automatizzata per il disassemblaggio di schede elettroniche di cellulari grazie ai cobot, robot collaborativi che sono tra le soluzioni di automazione più avanzate in termini di tecnologia robotica, perché garantiscono flessibilità operativa consentendo interazione con l’ambiente circostante e con gli operatori con cui condividono le mansioni.

Il cobot, tramite un processo semiautomatizzato, riesce a dissaldare i componenti elettronici di una scheda e a salvaguardarne le caratteristiche chimiche: sfruttando un flusso di aria calda scioglie lo stagno che lega i componenti in modo che questi possano essere staccati e gestiti separatamente dalla scheda.

Grazie alla filiera circolare istituita dal consorzio che aderisce al progetto, le schede elettroniche disassemblate dal Politecnico di Milano sono trattate dall’Università dell’Aquila, che recupera dalle schede e dalle componenti elettroniche alcuni materiali puri quali rame, stagno, oro, argento e platino. Rame e stagno vengono successivamente trasformati sia in polveri metalliche dall’azienda MBN Nanomaterialia Spa di Treviso, che in filamenti adatti alla stampa 3D (congiuntamente dalle aziende MBN Nanomaterialia Spa, e dalle aziende I3DU e 3DHUB di Atene), ed entrambi testati dal centro di ricerca Fundació CIM di Barcellona.

Gioielli eco-compatibili in stampa 3D

I metalli preziosi vengono invece utilizzati dalle aziende I3DU e 3DHUB di Atene per la creazione di gioielli eco-compatibili. Questi gioielli realizzati e messi in vendita attraverso il consorzio possono anche essere personalizzati attraverso un servizio di scansione 3D ed assumere le forme di oggetti o visi di persone.

L’auspicio è che al termine del progetto i modelli di business pensati e testati da FENIX siano replicabili da parte di altri soggetti esterni, al fine di promuovere la creazione di nuove filiere circolari.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche