desc

Equo compenso anche ai professionisti non ordinistici?

Lavoro
ECONOMY
Edit article
Set prefered

Equo compenso anche ai professionisti non ordinistici?

Tanti i limiti dell’attuale normativa denunciati da Gaetano Stella: «Si rivolge ai soli professionisti di area legale; si applica solo alle grandi imprese; è priva di un meccanismo di tipo preventivo e, nei rapporti con la PA, risulta poco stringente, ammettendo pratiche come le prestazioni a titolo gratuito».

Tanti i limiti dell’attuale normativa denunciati da Gaetano Stella: «Si rivolge ai soli professionisti di area legale; si applica solo alle grandi imprese; è priva di un meccanismo di tipo preventivo e, nei rapporti con la PA, risulta poco stringente, ammettendo pratiche come le prestazioni a titolo gratuito».

Lavoro

Si parla da anni di riformare la disciplina dell’equo compenso. E forse qualcosa si muove, dato che ci sono diverse proposte parlamentari sul tema. Secondo Confprofessioni, l’attuale normativa «è del tutto inefficiente» Lo ha ribadito ancora ieri, in Commissione Giustizia alla Camera, il numero 1 dell’Associazione di categoria Gaetano Stella:  «Risulta disperso in una pluralità di fonti; si rivolge spesso ai soli professionisti di area legale; si applica solo alle grandi imprese, escludendo numerosi rapporti contrattuali; è privo di un meccanismo di tipo preventivo e, nei rapporti con la PA, risulta poco stringente, ammettendo pratiche come le prestazioni a titolo gratuito».

La Confederazione dei liberi professionisti accoglie quindi positivamente le proposte di revisione della legislazione in tema di equo compenso, evidenziandone però la comune lacuna: «Nessuna delle proposte tiene in considerazione le professioni non organizzate in forma ordinistica», sottolinea Stella, con la loro necessità di raggiungere comuni modalità di definizione di standard tariffari, per le quali bisognerà istituire «un tavolo di rappresentanza tra istituzioni e parti sociali rappresentative del mondo delle professioni».

Nel merito delle proposte, secondo Confprofessioni la proposta di Giorgia Meloni, che propone l’abrogazione del DL 1/2012 e del decreto Bersani, non può essere condivisibile né nell’intento di un sostanziale ripristino delle tariffe professionali né nella previsione di sanzioni a carico del professionista che accetti condizioni inique. «In queste vicende, il professionista è il soggetto debole del rapporto contrattuale» – commenta Stella. «Non può quindi rischiare di essere sottoposto alla doppia minaccia di essere sanzionato dall’ordine e di perdere l’incarico professionale».

Commentando la proposta Mandelli, Confprofessioni accoglie favorevolmente sia l’intenzione di riservare al tema dell’equo compenso una disciplina autonoma, sia l’opzione per l’allargamento dell’attuale ambito di applicazione dell’equo compenso, che rischia di diventare però troppo radicale nell’estensione del vincolo anche a micro e piccole imprese. Infine, la Proposta Morrone, positiva nell’obiettivo di istituire una sede permanente di monitoraggio dell’attuazione della legislazione in tema di equo compenso, non può essere condivisibile nella proposta di dimezzare i valori dei compensi professionali nelle prestazioni rese a favore della P.A. «L’equità, indice dell’impegno del professionista e dei costi sostenuti, deve essere vincolante tanto per la pubblica amministrazione quanto per le imprese» – afferma il presidente di Confprofessioni.

«Il legislatore deve domandarsi se è giusto che il diritto all’equo compenso dei professionisti sia garantito tramite un sistema basato su segnalazioni di altri professionisti e accertamenti promossi dall’ordine professionale» – ha concluso Stella. «Secondo Confprofessioni il compito di un capillare e rigoroso controllo delle prassi dei rapporti contrattuali nei servizi professionali è di competenza dello Stato, che è chiamato ad impegnarsi quotidianamente nella tutela oggettiva di beni di natura costituzionale».