desc

Avanchair: raggiunto l’obiettivo 130mila euro. Dal 2022 via alla produzione

Crowdfunding
STARTUP
Edit article
Set prefered

Avanchair: raggiunto l’obiettivo 130mila euro. Dal 2022 via alla produzione

La startup innovativa al lavoro sulla sedia a ruote tech ha concluso con successo la campagna su Eppela

La startup innovativa al lavoro sulla sedia a ruote tech ha concluso con successo la campagna su Eppela

Crowdfunding

Per Avanchair, la startup innovativa che ha già realizzato un dimostratore tecnologico di una sedia a ruote tech, si è conclusa con successo la campagna di crowdfunding che, grazie al contributo di Enel e Banco BPM, ha raggiunto e superato il traguardo dei 130mila euro necessari per realizzare il prototipo ready to market, che verrà lanciato nel 2022. La raccolta fondi, promossa su Eppela, è stata sostenuta con donazioni pari a 50mila euro ciascuna da parte di Enel e di Banco BPM. Su StartupItalia abbiamo raccontato tutto il percorso di questa realtà, a cominciare dalla storia di Andrea Depalo, il Founder e CIO di Avanchair.

Avanchair

Avanchair: le parole del Founder

«Con la campagna di crowdfunding abbiamo centrato e superato l’obiettivo di raccolta che ci consentirà di realizzare il prototipo cha abbiamo già battezzato “Avanchair One” – ha dichiarato Andrea Depalo –. Voglio dire grazie per la loro sensibilità e disponibilità a Ernesto Ciorra, Direttore Innovability di Enel e mentor dell’iniziativa, e a Giuseppe Castagna, Amministratore delegato di Banco BPM, che è anche l’azienda per la quale lavoro, e ai loro team. Un grazie va anche a tutti gli altri indispensabili piccoli e grandi donatori, circa 150, che hanno reso possibile tale risultato e che forse in molti casi sono essi stessi persone con disabilità. Abbiamo detto inizialmente che ci siamo inventati un “potere speciale” ed è vero. Questa sedia ha qualcosa di speciale perché non serve a sedersi ma ad alzarsi e a spostarsi in autonomia».

Leggi anche: SIOS20 | Ciorra (Enel): «La storia di Avanchair: innovazione e inclusione sociale»

Ernesto Ciorra, Direttore Innovability di Enel, ha commentato così il traguardo di Avanchair: «Andrea Depalo ci ha suggerito l’idea da cui è nata JuiceAbility di Enel X, la prima soluzione al mondo di ricarica di sedie a ruote in spazi pubblici. Noi abbiamo contribuito al raggiungimento dell’obiettivo monetario necessario per lo sviluppo della startup di Andrea: Avanchair. Questo rapporto è motivo di orgoglio e soddisfazione e dimostra chiaramente come collaboriamo con le startup: con apertura, dedizione, passione, realizzando progetti industriali concreti, innovativi e sostenibili. Avanchair è un’opportunità per le persone con disabilità: uno strumento innovativo in grado di migliorare le loro vite, superando barriere ed ostacoli che ne limitano la vita ogni giorno. Il progetto Avanchair è un esempio virtuoso di come i princìpi di sostenibilità e di inclusione, che sono alla base della strategia aziendale di Enel, comportino la possibilità di creare nuovi business ed un mondo più sostenibile, un mondo migliore».

Avanchair: le specifiche

Avanchair, rispetto alle sedie a ruote elettriche presenti sul mercato, propone elementi innovativi per gli utenti durante le attività della vita quotidiana (ADL) e le attività strumentali della vita quotidiana (IADL). I vantaggi sono rappresentati principalmente dalla traslazione laterale che consente alle persone con disabilità di trasferirsi con assoluta facilità dalla sedia a ruote alle altre superfici, per un’esperienza di totale integrazione con l’ambiente circostante.
Inoltre i sensori IoT presenti all’interno della sedia consentono il monitoraggio dei segni vitali della persona e offrono un supporto nelle operazioni di assistenza remota grazie all’integrazione con le piattaforme digitali di sanità (e-health). Grazie al dispositivo JuiceAbility di Enel X, Avanchair, può essere caricata tramite le infrastrutture di ricarica delle auto elettriche. Attraverso un cavo intelligente e l’app JuicePass di Enel X, JuiceAbility consente di riconoscere le batterie delle sedie a ruote elettriche e di connetterle al sistema di stazioni di ricarica dei veicoli elettrici.