desc

Che cos’è Bulletin, la mossa di Facebook nel mondo delle newsletter

TECH
Edit article
Set prefered

Che cos’è Bulletin, la mossa di Facebook nel mondo delle newsletter

Il nuovo servizio è in fase beta. La sfida con Twitter ha inizio

Il nuovo servizio è in fase beta. La sfida con Twitter ha inizio

Nel mondo dei social tutti fanno un pò tutto. Lo abbiamo visto a inizio anno con Clubhouse: se nelle prime settimane il social dell’audio era l’unico a offrire agli utenti di mezzo mondo (iOS) room in cui parlare con altre persone, nel giro di pochi mesi la piazza si è affollata con i prodotti rivali di Twitter&Co. Discorso analogo vale per le newsletter: tempo fa si era mossa LinkedIn e da poche ore anche Facebook ha deciso di esporsi con il lancio di Bulletin, un servizio che darà la possibilità ai content creator di inviare newsletter gratuite o a pagamento a tutti gli iscritti. Ovviamente il servizio sarà operativo sulla piattaforma di Menlo Park e, stando a quanto si legge su The Verge, la multinazionale non richiederà nulla in termini di commissioni a giornalisti e scrittori.

Leggi anche: Che cos’è Twitter Blue? Il social diventerà a pagamento?

Bulletin, l’ultimo arrivato

Nella partita delle newsletter ci sono diverse società tech. Tra le più attive c’è Twitter, la società di Jack Dorsey che sta investendo nel settore. In una logica di disintermediazione tra creatori di contenuti e audience, questo strumento rappresenta un’isola felice, che consente ai giornalisti, per esempio, di coltivare la propria firma e ai lettori di ottenere le informazioni e le notizie che desiderano su argomenti specifici. Quello che differenzierebbe Bulletin dai competitor è che, appunto, non richiederebbe commissioni.

Leggi anche: Che cos’è Scroll, l’ultimo acquisto di Twitter

Al momento il servizio di Facebook è stato lanciato soltanto per una fase beta. Dunque non è ancora possibile iscriversi e non è ancora nota la data del day one. Quel che è certo è che, dopo i numerosi annunci di morte imminente, Facebook sembra più vivo che mai. A cominciare dai mille miliardi di capitalizzazione in Borsa appena raggiunti.