desc

Inghilterra, post razzisti contro la squadra. I social di nuovo nel mirino

TECH
Edit article
Set prefered

Inghilterra, post razzisti contro la squadra. I social di nuovo nel mirino

Il problema è sempre lo stesso: le Big Tech fanno abbastanza per garantire un dibattito sano sulle piattaforme?

Il problema è sempre lo stesso: le Big Tech fanno abbastanza per garantire un dibattito sano sulle piattaforme?

Dopo l’amara sconfitta di Wembley, l’Inghilterra fa i conti con problemi ben più seri di una sconfitta sportiva. Nella notte i social si sono riempiti di commenti razzisti e offensivi nei confronti di alcuni membri della squadra di Southgate, presi di mira perché colpevoli di aver sbagliato i rigori che hanno fatto perdere la nazionale. Marcus Rashford, Jadon Sancho e Bukayo Saka, tutti giocatori di colore, sono stati bersagliati da insulti e post incommentabili che hanno addirittura spinto il Primo Ministro britannico, Boris Johnson, a intervenire con un tweet in cui si congratula con la squadra, stigmatizzando i comportamenti di alcuni teppisti sui social.

Leggi anche: Big Tech, la Silicon Valley ha un problema con il razzismo?

Razzismo e social

A confermare la gravità della situazione ci sono anche i commenti dei club dei giocatori insultati dai razzisti sui social. L’Arsenal, la squadra di Saka, è intervenuta così come riporta il Guardian: «I social media e le autorità devono agire per garantire che questo abuso disgustoso a cui i nostri giocatori sono sottoposti quotidianamente si fermi ora». In questo primo semestre dell’anno sono stati diversi i casi di cronaca nei quali le piattaforme sono state tirate in ballo per una totale assenza di moderazione e controllo sui contenuti che circolavano online.

Leggi anche: Pancheri (Sky TG24): «Irruzione a Capitol Hill ha smascherato i Big Tech»

Tra i casi più eclatanti c’è stata la vicenda di Capitol Hill – il 6 gennaio scorso, a seguito dell’irruzione di un gruppo di manifestanti pro Trump al Campidoglio – che ha acceso i riflettori dell’opinione pubblica e della politica sulla responsabilità dei Big Tech sulla formazione dell’opinione pubblica. Tornando al caso Inghilterra e post razzisti, oltre ai social come Instagram e Twitter, anche su Telegram si è assistito a una cloaca di insulti. La conclusione raggiunta da questi leoni da tastiera è che, visto che a sbagliare i rigori sono stati tre giocatori di colore, questa sarebbe la dimostrazione che il rispetto di qualsiasi forma di diversità è un modello sociale fallimentare.