desc

Coronavirus, il rinvio delle Olimpiadi «potrebbe diventare inevitabile» per Abe

Sport Tech
LIFESTYLE
Edit article
Set prefered

Coronavirus, il rinvio delle Olimpiadi «potrebbe diventare inevitabile» per Abe

Lo scorso 20 marzo la fiamma olimpica è atterrata in Giappone, ma il rischio che si spenga diventa sempre più concreto. E Canada e Australia disertano

Lo scorso 20 marzo la fiamma olimpica è atterrata in Giappone, ma il rischio che si spenga diventa sempre più concreto. E Canada e Australia disertano

Sport Tech

Sta diventando un valzer il balletto decisionale attorno ai Giochi olimpici della prossima estate.  È normale: il Giappone ha investito miliardi di yen per prepararsi a Tokyo 2020 e si aspettava di guadagnarne altrettanti dall’afflusso di turisti nell’arcipelago nipponico. Più passano i giorni, però, e più sembra inevitabile l’annullamento a causa della pandemia di Coronavirus. Tanto che ora non si starebbe più discutendo se fare o meno le Olimpiadi, ma se è possibile farle slittare di uno o due anni.

© Tokyo 2020

Olimpiadi, anche Shinzo Abe ammette la possibilità di rinviarle

E così, se solo poche ore fa il ministro alle Olimpiadi Seiko Hashimoto tagliava corto: «Lo spostamento delle date di Tokyo 2020 è inconcepibile», adesso è il Capo del governo stesso a parlare di rinvii. «Potrebbe diventare inevitabile», ha infatti ammesso Shinzo Abe. «Se diventa difficile, tenendo in considerazione prima di tutto gli atleti», ha detto il premier giapponese a proposito di un possibile rinvio delle Olimpiadi previste dal 24 luglio al 9 agosto e le Paralimpiadi dal 25 agosto al 6 settembre, «posticiparle potrebbe diventare inevitabile». Ieri il Comitato Olimpico Internazionale aveva annunciato l’apertura di discussioni «con tutti i partner per redigere un inventario del rapido sviluppo della situazione sanitaria e del suo impatto sui Giochi olimpici».

© Tokyo 2020

Il Giappone teme danni economici e all’immagine

La caparbietà con cui il Giappone resta attaccato, con le unghie e con i denti, a Tokyo 2020 non ha a che fare soltanto con i miliardi di yen che il Paese ha investito per la preparazione dell’evento negli ultimi quattro anni. Secondo le stime della società di intermediazione Smbc Nikko Securities, fatte in base a una previsione di una domanda per consumi durante i giochi di circa 5,7 miliardi di euro, per Tokyo rinunciare alle Olimpiadi significherebbe una riduzione del Pil dell’1,4%.

Leggi anche: Europei rimandati. Tokyo 2020 in forse, ma ancora confermato. Come sarà l’estate dello sport

Troppi per un Paese già in recessione tecnica e che voleva allontanare dalla memoria del mondo l‘immagine del disastro nucleare di Fukushima. E poi ci sono i miliardi che andrebbero bruciati se si dovesse cambiare logo nel caso in cui Tokyo 2020 diventasse Tokyo 2021 o Tokyo 2022. Ma, soprattutto, il calendario sportivo potrebbe non consentire slittamenti per evitare sovrapposizioni con gli altri eventi in programma.

© Tokyo 2020

E mentre il Giappone nicchia e prende tempo, imponendo ai cantieri di proseguire speditamente con i lavori, arrivano già le prime defezioni. Poche ore fa Canada e Australia hanno già fatto sapere che non parteciperanno.