desc

Il Coronavirus dimezza il mercato dell’auto in Europa

Lavoro
ECONOMY
Edit article
Set prefered

Il Coronavirus dimezza il mercato dell’auto in Europa

Immatricolati appena 853.077 nuovi veicoli, con un calo del 51,8% rispetto allo stesso mese del 2019

Immatricolati appena 853.077 nuovi veicoli, con un calo del 51,8% rispetto allo stesso mese del 2019

Lavoro

Il Coronavirus dimezza nel mese di marzo il mercato dell’auto del Vecchio continente. Era prevedibile e, purtroppo, i mesi di aprile e probabilmente maggio porteranno numeri se possibile persino peggiori, consolidando il fatto che il settore dell’automotive sia tra i più colpiti da questa inedita crisi sanitaria.

Leggi anche: Coronavirus, le strade sono vuote. Crolla il mercato italiano dell’auto

Il grido dall’allarme è arrivato da ACEA, (l’Associazione europea dei costruttori) e, come vi avevamo invitato a fare qualche giorno fa, è sufficiente andare sul sito di Autostrade per l’Italia e sbirciare attraverso le finestre sul Paese offerte dalle webcam per vedere una sequenza infinita di anonimi rettilinei d’asfalto desolatamente sgombri, come nemmeno capita a Ferragosto, percorsi al più da qualche camion. Sono immagini che certificano, meglio di tanti dati, numeri e percentuali, la situazione del mercato dell’auto in questo frangente storico.

Il mercato dell’auto in Europa

A marzo le immatricolazioni di nuovi veicoli nella Ue (e Paesi EFTA con l’aggiunta della Gran Bretagna) si sono attestate a 853.077 unità, con un calo del 51,8% rispetto allo stesso mese del 2019.

© Toyota

Nei primi tre mesi del 2020 le immatricolazioni nuove auto sono diminuite del 26,3% a 3.054.703 unità. Per quanto riguarda l’Italia le immatricolazioni sono diminuite dell’85,4% mentre nei primi tre mesi del 2020 la flessione è stata del 35,5% rispetto allo stesso periodo del 2019.

Leggi anche: Coronavirus, mercato auto KO. Toyota chiude 5 stabilimenti in un Giappone ancora aperto

Dati: ACEA

Tra i peggiori il mercato italiano

Numeri, quelli di ACEA (qui il report completo) che rendono drammaticamente accurate e veritiere le stime fatte qualche settimana fa dall’Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri (UNRAE), ovvero l’associazione delle Case automobilistiche estere che operano in Italia nella distribuzione e commercializzazione di autovetture (insomma, rappresenta da Audi a Volvo) che in merito aveva parlato, a ragion veduta di “tempesta perfetta“, sostenendo che in marzo sarebbe sparito quasi del tutto il mercato italiano dell’auto, sotto di circa 86 punti percentuale (base annua).

Dati: ACEA

Promotor: in Italia “effetto devastante”

Parla in merito di “disastro annunciato” il Centro studi di Promotor, commentando i dati di ACEA. “Molto differenziata appare la situazione nei diversi mercati nazionali dell’area. L’entità del calo è comunque strettamente correlata alla data d’inizio della quarantena e all’entità delle misure restrittive adottate. Il risultato peggiore si è registrato in Italia, che è stato però il primo paese a dichiarare l’emergenza. Il calo in marzo è stato dell’85,4%. Non molto meglio hanno fatto Francia e Spagna. In Francia il calo è stato del 72,2% e in Spagna del 69,3%. Pesante, ma più contenuto, l’impatto sugli altri due grandi mercati dell’area e cioè sulla Germania (-37,7%) e sul Regno Unito (-44,4%)”. Per quanto riguarda la ripartenza, spiegano sempre da Promotor: “Le misure richieste sono essenzialmente due. La prima è un forte sostegno finanziario alla filiera dell’auto ed in particolare ai concessionari, che sembrano essere l’anello debole della catena. La seconda misura richiesta è l’adozione di significativi incentivi per sostenere la domanda”.