desc

Tutti gli sport (amatoriali) vietati dall’ultimo dpcm

Sport Tech
LIFESTYLE
Edit article
Set prefered

Tutti gli sport (amatoriali) vietati dall’ultimo dpcm

Sono 130 quelli bloccati dal Governo

Sono 130 quelli bloccati dal Governo

Sport Tech

L’ultimo dpcm approvato dal Governo Conte ha ridotto drasticamente il numero di sport di squadra – o di contatto – che è possibile praticare a livello amatoriale. Oltre ai già noti calcetto e basket, sono state contate ben 130 discipline che l’esecutivo ha deciso di proibire come misura per contenere e contrastare il contagio di coronavirus che preoccupa ormai tutta Europa, Italia compresa. Ieri il Presidente francese, Emmanuel Macron, ha imposto il coprifuoco a Parigi e in altre città. E a Palazzo Chigi c’è già chi teme di dover schiacciare quel drammatico bottone: lockdown.

Leggi anche: Covid, Macron blinda la Francia: da sabato coprifuoco a Parigi

[media_with_description id=”67399″

Gli sport da rinviare: calcio e…

Per quanto riguarda il calcetto – e il calcio in generale – la disciplina potrà essere praticata non soltanto dai professionisti, ma anche da altre categorie come i dilettanti o i settori giovanili delle squadre, sempre nel rispetto dei protocolli sanitari. La classica partitella con gli amici, invece, dovrà essere rimandata a data ancora da destinarsi. Nell’elenco approvato dal ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, tra gli sport vietati compaiono anche pallavolo, rugby, hockey, basket, pallamanopugilato, lotta libera e greco-romana, judo, karate, taekwondo, aikido, capoeira, kickboxing, ju-jitsu.

Leggi anche: Covid-19, allo stadio di Atlanta si usano i droni per disinfettare gli ambienti aperti al pubblico

Stop anche alle danze

Il nuovo dpcm ha spento la musica anche per i balli, dall’hip hop al tango. Chi volesse continuare a esercitarsi dovrà dunque farlo in forma individuale e, stando a quello che si legge sulla stampa, ancora non è chiaro se si potrà danzare insieme a un congiunto. Salvi, finora, gli sport individuali come il tennis e la corsa che garantiscono il distanziamento sociale tra gli atleti, amatoriali e non.

Leggi anche: Gli eSport sono i nuovi media. Perché l’Italia non può perdere questo treno