desc

Come Pikmin 3 Deluxe sensibilizza i più piccoli (e non solo) al rispetto della natura

Lifestyle
LIFESTYLE
Edit article
Set prefered

Come Pikmin 3 Deluxe sensibilizza i più piccoli (e non solo) al rispetto della natura

Piccole, grandi battaglie nel terrario virtuale Nintendo. Persino in un vaso si consuma il miracolo della vita (fatto anche di tragedie) e pure gli esseri minuscoli meritano rispetto, perché talvolta hanno un coraggio gigantesco

Piccole, grandi battaglie nel terrario virtuale Nintendo. Persino in un vaso si consuma il miracolo della vita (fatto anche di tragedie) e pure gli esseri minuscoli meritano rispetto, perché talvolta hanno un coraggio gigantesco

Lifestyle

Pikmin 3 Deluxe riesce, nel giro di una sola partita da pochi minuti, a spiegare ai più piccoli cos’è un ecosistema e cosa vuol dire finire al fondo della catena alimentare meglio di tanti pluripremiati documentari della BBC. Il rispetto per la natura, per tutto ciò che cresce e si muove all’interno di un habitat, poi vien da sé. Perché nel piccolo strategico Nintendo, praticamente un “terrario” virtuale, si scopre quanto possa essere affascinante e brulicante di forme di vita ogni sottobosco, ogni giardino, ogni anfratto. In poche zolle di terra la magia della vita si ripete incessantemente: nascita, crescita e morte. Predatori famelici fanno incetta di prede, si consumano drammi, si compiono piccole grandi prodezze pur di sopravvivere, proteggendo la propria colonia.

 

 

Leggi anche: Bee Simulator, il videogame che spiega ai bimbi l’importanza delle api

Avventure al microscopio

Siamo sul pianeta alieno PNF-404 (sì, richiama “page not found 404”), ma potremmo essere ovunque: nel cortile di casa o nel vaso di begonie che tenete sul davanzale, perché, nella migliore tradizione della saga (che non occorre conoscere per godere di Pikmin 3 Deluxe) di fatto ci ritroveremo a gironzolare per scorci familiari, lontani dalla giungla tradizionale e più vicini a quegli spazi incolti che talvolta si trovano ancora in pieno contesto urbano. Impersoneremo tre astronauti grandi come puffi, Alph, Brittany e Charlie, che guideranno schiere di Pikmin, variopinte formichine che, prese singolarmente, possono fare assai poco, ma assieme costituiscono un esercito temibile…

I tre astronauti atterrano su PNF-404 con un unico scopo: recuperare quanti più frutti possibile. C’è però un problema: sono piccolissimi (o forse è il pianeta ad avere dimensioni ciclopiche, non lo sappiamo) e si trovano in men che non si dica al fondo della catena alimentare. Potrebbero essere divorati in men che non si dica dal primo bruco che passa, che su PNF-404 è grande come un autobus, o da una coccinella che pare più un carrarmato, ma fanno la fortuita conoscenza dei Pikmin, piccoli esserini socievolissimi – i soli, in un pianeta altrimenti spaventoso – disposti a ricevere ordini, combattere e persino morire per i loro capitani.

Quanti Pikmin in Pikmin 3 Deluxe

I Pikmin sono di varie forme e fogge, ciascuno con una abilità corrispondente: i rossi resistono al fuoco, i blu sono i soli a poter nuotare, i gialli conducono elettricità, quelli rocciosi sono particolarmente forti e quelli volanti… be’, volano. Sulla base delle loro caratteristiche potranno essere impiegati utilmente tanto in battaglia quanto nell’esplorazione dei magnifici “giardinetti” escogitati da Nintendo.

Leggi anche: Watch Dogs: Legion. Salviamo Londra dalla dittatura scifi post Brexit

Mentre si combatte una battaglia per la sopravvivenza tra tubi di dentifricio abbandonati e lattine di pelati che iniziano ad arrugginire vengono immancabilmente in mente i pomeriggi trascorsi da bambini al parco, accucciati osservando formiche, grilli e ragni. Torna prepotentemente a galla quel periodo in cui bastava una scatoletta di tonno un po’ sporca per far correre la nostra fantasia che subito la trasformava in una base aliena da espugnare.

Pikmin 3 Deluxe è uno strategico leggero esattamente come le buffe creaturine cui impartiremo ordini. Eppure, nella migliore tradizione Nintendo, non crediate che il gioco sia facile solo perché fumettoso o colorato. Affatto. Presenta infatti numerose modalità di approccio: chi vorrà finirlo senza soffermarsi sugli extra da collezionare non faticherà troppo e concluderà l’avventura in nemmeno dieci ore. Chi invece vorrà perdersi nel sottobosco amabilmente disegnato dalla software house nipponica per sviscerarne tutti i segreti, invece, troverà una sfida degna di tal nome, fatta di passaggi molto impegnativi e boss parecchio ostici.

Leggi anche: Beyond Blue, il doc-videogame della BBC che piacerebbe a Piero Angela

Uscito in origine nella calda estate 2013 su Nintendo Wii U, Pikmin 3 Deluxe dimostra la propria natura sempreverde con questo delizioso remake per Switch. Qui e là Nintendo ha affinato lievemente il gameplay (miglior lock on nei combattimenti) e aggiunto qualche opzione (per smussare la difficoltà), ma si tratta di interventi marginali. Non è affatto un male, anzi, perché Pikmin 3 era un capolavoro 7 anni fa, apparso purtroppo su una console sfortunata, ed è un capolavoro che merita di essere riscoperto oggi, a fine 2020. Un titolo intriso di magia nipponica e di piccoli, grandi, messaggi naturalistici esattamente come sono piccoli, ma grandi al tempo stesso, le avventure dei coloratissimi e coraggiosissimi Pikmin.