desc

Sicilia, il fiume Oreto si salva coi dati. App per monitorare l’inquinamento

Social Innovation
IMPACT
Edit article
Set prefered

Sicilia, il fiume Oreto si salva coi dati. App per monitorare l’inquinamento

Cittadini coinvolti con i propri smartphone. Ecco l’iniziativa U-DATInos

Cittadini coinvolti con i propri smartphone. Ecco l’iniziativa U-DATInos

Social Innovation

A un anno dallo scoppio della pandemia, molti non si sono dimenticati dell’emergenza ambientale. In Sicilia, dove l’inquinamento del fiume Oreto è una ferita aperta nel cuore dei palermitani, un gruppo di attivisti ha lanciato una campagna che mescola coscienza civile e tecnologia, per monitorare le condizioni dell’ambiente. Si chiama U-DATInos ed è il progetto dell’Ecomuseo Urbano Mare Memoria Viva. Grazie al proprio smartphone e a un’app di geolocalizzazione, ciascun cittadino può diventare un “Custode dell’acqua” per raccogliere dati utili non soltanto a scopi di ricerca, ma anche per smuovere l’opinione pubblica e cambiare rotta.

Leggi anche: Il Po è un fiume di plastica. Rifiuti che la siccità porta a galla

Fiume Oreto: l’occhio tech sull’inquinamento

Lo scopo del progetto sull’Oreto è quello di responsabilizzare la cittadinanza. Da soli o in piccoli gruppi, i Custodi dell’Acqua si possono muovere andando a rilevare lo stato di salute del fiume attraverso sensori (la pratica è già stata spiegata in diversi workshop organizzati dai promotori). I dati raccolti vengono poi caricati su una mappa interattiva accessibile a tutti, in cui i partecipanti possono tenere sempre sotto controllo la situazione ambientale.

Leggi anche: Zuppa di plastica nel menu del mondo. L’Atlante dell’emergenza

L’esperienza che viene dalla Sicilia ricorda molto da vicino quella dei Fridays for Future e di tutta quella galassia di movimenti giovanili che, sacchi in spalla, hanno iniziato a ripulire fiumi, spiagge e luoghi pubblici divenuti negli anni discariche a cielo aperto. «Questa esperienza è prima di tutto una grande responsabilità. Essere custode dell’acqua non è solo rilevare i dati del fiume Oreto: è custodire e quindi sorvegliare con cura la città», ha commentato Nathalie Rallo, studentessa e Custode dell’acqua. Dai siti locali si comprende l’emergenza in atto: scarichi industriali e inciviltà hanno avvelenato quella fetta di terra.

Leggi anche: “Respiriamo gasolio”. Da Nord a Sud, la mappa delle terre avvelenate