desc

Bonus mobilità, da domani nuovo round per ottenere il rimborso. Ecco come

Lifestyle
LIFESTYLE
Edit article
Set prefered

Bonus mobilità, da domani nuovo round per ottenere il rimborso. Ecco come

Tutto quello che serve per richiedere i 500 euro

Tutto quello che serve per richiedere i 500 euro

Lifestyle

Da domani, giovedì 14 gennaio, fino al 15 febbraio sarà possibile richiedere il bonus mobilità attraverso il portale del ministero dell’Ambiente. I 500 euro di rimborso massimo (a copertura del 60% del prezzo) che il governo Conte ha messo a disposizione di chiunque abbia acquistato una bicicletta, elettrica o tradizionale, un monopattino elettrico o un servizio di mobilità condivisa potranno essere richiesti da chi non era riuscito a rientrare nella prima tornata di inizio novembre. Come si legge sul sito del dicastero guidato da Sergio Costa, “tutti coloro che non hanno ottenuto il rimborso, anche chi non si è pre-registrato, possono richiederlo”. Al di là di alcuni disservizi, Palazzo Chigi punta così a soddisfare tutte le domande dei cittadini che hanno acquistato un prodotto – bici o abbonamento che sia – per cambiare abitudini negli spostamenti. Va sottolineato che il bonus può esser richiesto se l’acquisto è stato fatto tra il 4 maggio e il 2 novembre 2020.

Leggi anche: Il 68% degli italiani pensa che l’inquinamento aumenti la letalità del Covid

Bonus mobilità: cosa serve

Esattamente come richiesto dal 3 novembre scorso, per ottenere il bonus mobilità è necessario avere a portata di mano la fattura regolarmente emessa e le credenziali SPID (qui una breve guida). I 500 euro di rimborso saranno erogati compilando un form sulla piattaforma ufficiale. Stando ai dati resi pubblici dal ministero dell’Ambiente, il bonus mobilità è stato utilizzato da oltre 600mila persone nel 2020 e le vendite sono salite del 20% rispetto all’anno precedente.

Leggi anche: Tutti i bonus green del 2021: dalle cargo bike alle auto elettriche

Il successo del bonus bici è acclarato e resterà nell’eredità politica di Sergio Costa. Tuttavia l’incentivo non è bastato a cambiare il volto delle città. Il mezzo preferito degli italiani continua a essere l’automobile e, neppure con i mezzi pubblici a ingressi contingentati, si è registrato un netto aumento dei ciclisti in città. Secondo i dati dell’Osservatorio Continental, quasi il 60% degli italiani utilizza il proprio mezzo privato, mentre appena il 3,4% pedala regolarmente.

Leggi anche: Bonus monopattino, altro che moda. Mercato da 30 mld di dollari