desc

La startup degli aerei elettrici silenziosissimi

Economia digitale
ECONOMY
Edit article
Set prefered

La startup degli aerei elettrici silenziosissimi

Il velivolo, realizzato dalla startup Volare GmbH in collaborazione con l’Università Tecnologica di Vienna, è pensato per rotte di medio raggio

Il velivolo, realizzato dalla startup Volare GmbH in collaborazione con l’Università Tecnologica di Vienna, è pensato per rotte di medio raggio

Economia digitale

È austriaco il primo aereo al mondo a propulsione elettrica. Realizzato dalla startup Volare GmbH, il velivolo utilizza il marchio Apeleon, brevettato dalla stessa azienda ed è di piccola dimensione. I sistemi elettrici e le moderne soluzioni di accumulo di energia, come le batterie a celle o a combustibile, permettono di effettuare spostamenti di medio raggio in modo ecosostenibile e silenzioso.

Leggi anche:
Il nuovo corso di Amazon: senza Bezos e con 100mila furgoni elettrici

A collaborare al progetto anche l’Università Tecnologica di Vienna. L’ateneo ha esaminato l’acustica dei motori ed è riuscita a ridurre il livello di rumore dei velivoli. Il risultato è un mezzo che riesca a “combinare i vantaggi di un aereo con quelli offerti da un elicottero”, ha spiegato l’Austrian Business AgencyABA -, agenzia per lo sviluppo economico in Austria e di proprietà del Ministero federale per la digitalizzazione e l’economia – Bmdw.

apeleon_volare_gmbh_aereo

L’apporto dell’Università Tecnologica di Vienna

La partnership con l’ateneo viennese è stato di grande importanza nello sviluppo e perfezionamento del velivolo. Difatti, anche i motori alimentati elettronicamente generano forti correnti d’aria, che a loro volta causano turbolenze e vibrazioni meccaniche. Due elementi che rappresentano la principale causa di rumore negli aerei. “Volare GmbH ci ha messo a disposizione un prototipo di motore elettrico, che abbiamo potuto esaminare nel nostro laboratorio di acustica appositamente attrezzato”, ha affermato Stefan Schoder, esperto di aeroacustica dell’Istituto di Meccanica e Meccatronica dell’Università Tecnologica di Vienna.

Leggi anche:
Catturare CO2 per alimentare gli aerei: un altro test consolida il percorso green dei cieli

“Una serie di diversi microfoni”, ha specificato Schoder, “ci ha permesso di determinare quali parti del motore fossero responsabili in misura maggiore della generazione del rumore. Le risonanze acustiche si verificano a determinate fammi di velocità e viene emessa molta energia acustica”. Motivo per il quale, Schoder e il suo team hanno lavorato a stretto contatto con la startup Volare alla realizzazione di un sistema che facilitasse l’assorbimento acustico, installandolo nel motore. Attraverso questo miglioramento, ha dichiarato l’Austrian Business Agency, “il rumore provocato dal motore elettrico è già stato ridotto sensibilmente. Tuttavia, sono in programma nuovi passaggi di ottimizzazione per ulteriori riduzioni di rumore”.