desc

Toyota, in Giappone i test della prima ambulanza a idrogeno al mondo

TECH
Edit article
Set prefered

Toyota, in Giappone i test della prima ambulanza a idrogeno al mondo

Fondamentali per il pronto intervento in caso di calamità naturali

Fondamentali per il pronto intervento in caso di calamità naturali

Entro l’estate Toyota e la Croce Rossa giapponese di Kumamoto avvieranno i test della prima clinica mobile a celle a combustibile. Questa ambulanza sfrutta l’idrogeno per generare energia e non serve soltanto per rispondere alle sempre più urgenti questioni legate all’inquinamento e al cambiamento climatico, che impongono ai paesi una conversione verso la smart mobility. C’è anche un’urgenza legata alla sicurezza dei pronti interventi, soprattuto in un contesto di calamità dove una ambulanza a idrogeno potrebbe operare senza affidarsi alla rete elettrica.

Leggi anche: ABzero, il drone che trasporta sangue e organi. Il test a Pisa, dal 2019 il via in tutta Italia

Ambulanza a idrogeno:

La frequenza di tifoni, forti piogge e altri disastri naturali negli ultimi anni è aumentata e la richiesta di servizi medici nelle aree colpite resta ancora un punto su cui lavorare. Per questo motivo, dall’estate del 2020 le due organizzazioni hanno deciso di collaborare, identificando in questa clinica mobile a celle a combustibile un mezzo su cui puntare. Con più di 100 prese di corrente alternata dislocate all’interno e all’esterno, la prima ambulanza a idrogeno realizzata da Toyota è in grado di fornire elettricità a una varietà di utenze.

Leggi anche: Il primo gatto delle nevi a idrogeno. Le piste da sci si “battono” col green

È dotata inoltre di un’uscita in corrente continua ad alta potenza e grande capacità (potenza massima in uscita di 9 kW, capacità di alimentazione di circa 90 kWh) per alimentare utenze esterne. All’interno il veicolo combina l’aria condizionata con un sistema di scarico e il filtro HEPA per migliorare il controllo delle infezioni durante l’attività degli occupanti.

Leggi anche: Trenord: treni a idrogeno per i pendolari. In Lombardia rivoluzione dal 2023

Oltre al trasporto di emergenza dei pazienti, si ritiene che questa clinica mobile abbia il potenziale per essere utilizzata in una vasta gamma di applicazioni e sviluppi in campo sanitario, tra cui la fornitura di elettricità agli autobus utilizzati per la donazione di sangue, ai veicoli impiegati per le visite mediche (anche in aree meno popolate) e per veicoli adibiti ad effettuare i test Covid.