desc

Viaggiare sicuri ai tempi del Covid, meglio il camper?

LIFESTYLE
Edit article
Set prefered

Viaggiare sicuri ai tempi del Covid, meglio il camper?

Yescapa ha lanciato un sondaggio sui nuovi trend dei viaggiatori per spostarsi in sicurezza: vince il furgone camperizzato

Yescapa ha lanciato un sondaggio sui nuovi trend dei viaggiatori per spostarsi in sicurezza: vince il furgone camperizzato

Tornare a viaggiare. Un sogno per tanti che, in tempi di zone gialle, può concretizzarsi nei limiti del rispetto delle normative anti-Covid. Il camper, soprattutto in questo periodo, si conferma una tra le opzioni più sicure per spostarsi senza troppe preoccupazioni. Ma cosa è cambiato con il Covid? E quali sono i trend che, ultimamente, sono andati affermandosi? Yescapa, piattaforma di camper sharing che opera a livello europeo, ha lanciato un sondaggio, rivolto a 5.000 utenti, da cui sono emerse le nuove preferenze di coloro che scelgono il camper per viaggiare.

 

I veicoli preferiti dai viaggiatori in camper

Per spostamenti frequenti e di breve durata, soprattutto nella fascia di età 30-40, il furgone camperizzato è il veicolo preferito dai viaggiatori. Ben il 42% degli intervistati ha dichiarato che, se avesse le possibilità, vorrebbe acquistarne uno, mentre l’8% vorrebbe comperare un furgone normale e camperizzarlo secondo le proprie necessità. Questo tipo di veicolo riscuote sempre più interesse anche nelle richieste di informazioni per la camperizzazione fai da te. Al secondo posto c’è il camper mansardato (20%) e, terzo classificato, il van (15%) che, se nelle precedenti prenotazioni era in pole position, oggi perde un po’ di attrattività. Se l’acquisto di un camper,  tuttavia,  non è progetto immediato e alla portata di tutti, tra un mezzo nuovo e uno usato, la tendenza emersa dal sondaggio di Yescapa è la propensione all’acquisto di un veicolo usato (87%) entro i prossimi due anni (50%). “Per questo motivo la nostra missione è rendere sempre più accessibile l’uso del camper – afferma Dario Femiani, Country Manager di Yescapa – Condividere il proprio camper sulla nostra piattaforma non solo aiuta a sostenere le spese di manutenzione e i costi di rimessaggio nei periodi di non utilizzo, ma facilita anche il progetto di acquisto grazie al guadagno derivato dalla condivisione su Yescapa”.

 

Le mete preferite dai camperisti

Tra le esperienze più desiderate oggi ci sono paesaggi naturali e la riscoperta delle piccole realtà locali, lontane dal turismo di massa. Il 67% degli intervistati ha affermato che l’idea di noleggiare un camper era già nata all’inizio del 2020 e tra questi, il 32% ha scelto la modalità di viaggio on the road anche spinto dal contesto di forte incertezza che tutt’oggi stiamo vivendo. Il 34% sceglie la sosta en plein air; il 26% le aree di sosta gratuite e solo il 19% i camping. I viaggiatori, oggi, si spostano principalmente in occasione delle festività e nel fine settimana (55% degli intervistati) ma anche per trascorrere le vacanze estive o per approfittare del minor affollamento della bassa stagione e dei prezzi più bassi (15%). Ma c’è un 67% che vorrebbe approfittare dello smartworking per lavorare da remoto e godersi tutte le opportunità che offre il viaggio in camper, mentre per il 74% degli intervistati dichiara che questa possibilità rappresenterebbe un sogno.

Leggi anche: Yescapa acquisisce SHAREaCAMPER: sull’app 10mila camper in sharing

 La rivoluzione delle abitudini di viaggio sta obbligando chi desidera partire a ridefinire le proprie necessità. Se un 30% non cambierà abitudini, alla domanda “Quale sarà il futuro del turismo?” solo il 5% si proietta ancora su atolli tropicali, mentre il 60% immagina un turismo più slow, all’insegna della natura, delle realtà locali (35%) e anche della famiglia (22%). Che sia mare (30%), strade da percorrere senza meta (26%), borghi rurali (25%) o montagna (20%), il 2021 vede tra le mete italiane preferite dei camperisti la Toscana, l’Abruzzo, la Puglia, la Sicilia e la Sardegna (54%) e, superando i confini nazionali, la Francia, il Portogallo e la Spagna (49%). Per quanto riguarda quest’ultima, le prenotazioni dall’Italia per le Isole Canarie (Fuerteventura, Tenerife e Lanzarote) hanno segnato un +31% tra marzo e aprile 2021, nonostante la zona rossa.