desc

Le batterie esauste degli smartphone diventano smalti per piastrelle

Green Economy
IMPACT
Edit article
Set prefered

Le batterie esauste degli smartphone diventano smalti per piastrelle

Una PMI vicentina tratta 10 tonnellate di batterie agli ioni di litio al mese, ma “entro fine anno puntiamo ad arrivare a 40”, promette il fondatore

Una PMI vicentina tratta 10 tonnellate di batterie agli ioni di litio al mese, ma “entro fine anno puntiamo ad arrivare a 40”, promette il fondatore

Green Economy

Chi segue Impact con assiduità sa bene quanto spesso ripetiamo che non bisogna mai abbandonare nel fondo dei propri cassetti smartphone a fine carriera, perché al loro interno conservano un tesoro di terre rare. Meglio allora riciclarli. E c’è chi ha iniziato a dare nuova vita alle batterie esauste dei telefonini in modo inatteso: trasformandole in smalti per piastrelle.

batterie esauste piastrelle

Leggi anche: Consigli per non restare a secco sul più bello con lo smartphone

Lo fa la vicentina Spirit Srl con sede a Chiampo, diretta dall’ingegner Angelo Forestan che ha brevettato un sistema per riciclare batterie agli ioni di litio e NiMh (nichel-metallo idruro), arrivate a fine vita, ricavandone ossidi destinati alla raffinazione dei metalli e pigmenti inorganici.

Il procedimento di riciclo prevede che le batterie esauste di smartphone, laptop, bici e auto elettriche siano selezionate, aperte e suddivise nei vari componenti così da diventare coloratissimi pigmenti per piastrelle. Si separano, nel processo, polveri catodiche composte da ossidi di metalli (cobalto, nichel e miste). Queste polveri sono le basi inorganiche da cui vengono ricavati degli smalti, utilizzati nel settore manifatturiero per la colorazione delle piastrelle. L’impresa riesce, attualmente, a trattare 10 tonnellate di batterie agli ioni di litio in un mese ma “entro fine anno puntiamo ad arrivare a 40 tonnellate al mese” promette Forestan.


Un processo di riciclo virtuoso che permette di recuperare l’80% della massa delle batterie esauste, ricavandone polveri di metalli come rame ed alluminio che arricchiranno le nuance di piastrelle alla moda e di design. I benefici per l’ambiente, ci viene spiegato, sono di due tipi: da un lato si riutilizzano le batterie che altrimenti andrebbero a finire in discarica, dall’altro lato si producono polveri di metalli e metalli riducendo la loro estrazione da miniere presenti, in particolare, nei paesi africani come la Repubblica Democratica del Congo.

Leggi anche: Anche lo smartphone può essere green