desc

70 prof su 100 vorrebbero lezioni di html nel piano di studi

Scuola
EDUCATION
Edit article

70 prof su 100 vorrebbero lezioni di html nel piano di studi

Secondo una ricerca della società “D-Link” i docenti italiani vorrebbero una scuola più tecnologica: la maggior parte sarebbe favorevole all’insegnamento dei linguaggi di programmazione

Secondo una ricerca della società “D-Link” i docenti italiani vorrebbero una scuola più tecnologica: la maggior parte sarebbe favorevole all’insegnamento dei linguaggi di programmazione

Scuola

La maggior parte dei docenti italiani chiede una scuola più tecnologica, vorrebbe lavorare molto più con tablet e lavagna multimediale ed è persino favorevole ad introdurre lezioni di coding nella programmazione. E’ la fotografia scattata da una ricerca elaborata dalla società “D-Link”, che si occupa di tecnologie wireless e connettività. Il ramo italiano dell’azienda, attraverso uno studio online che ha coinvolto 3 mila docenti di ogni ordine e grado, ha voluto verificare quanto sono tecnologici i professori delle scuole per comprendere il loro approccio all’innovazione. I dati raccolti sono incoraggianti e persino sorprendenti. Il dato positivo è l’approccio alla novità che gli insegnanti hanno: quasi 70 docenti su 100 sono favorevoli ad inserire lezioni di html nel piano di studio dei ragazzi.

Solo il 30,46% crede che l’insegnamento di questo linguaggio non sia prioritario per gli studenti: uno zoccolo duro forse un po’ miope, forse frutto di una classe docente tra le più anziane d’Europa. D’altro canto su questa partita il ministero dell’Istruzione si è speso molto grazie anche all’interesse di chi sta in cattedra. Oltre il 50% dei docenti intervistati da “D-Link”, chiede che la dotazione tecnologica del proprio istituto venga aggiornata. Andando a leggere i dati con la lente d’ingrandimento scopriamo che il 50,10% pensa che l’apparecchiatura del proprio istituto debba rinnovarsi mentre il 20,35% la considera troppo antiquata. A ritenere “giusta” la dotazione in aula è il 25,74% mentre il 3% la definisce persino “troppo moderna”.

Maestri e professori in questi anni hanno imparato ad usare i nuovi strumenti necessari alla didattica abbandonando la lavagna d’ardesia (solo il 36,10% usa ancora i gessetti e il cancellino): a metter mano alla lim è il 44,55% degli insegnanti. Ancora pochi ma in crescita quelli che usano il tablet: il 14,93%.

Un processo che ha a che fare con i problemi del nostro sistema d’istruzione rispetto alle infrastrutture di Rete dei plessi e al parco macchine: in Italia ci sono ancora il 30% delle aule che non sono connesse in Rete e solo il 41,9% ha la possibilità di avere una lim in aula. Negativo il numero dei proiettori interattivi: solo il 6,1% delle scuole ne dispone nel proprio patrimonio digitale. Secondo l’ultimo Focus sulla dotazione digitale del Miur, a dicembre 2015 c’erano ancora 7,9 alunni per device anche se va registrato un incremento dei dispostivi mobili in uso agli studenti.