desc

Non si è mai troppo giovani per fare startup: a Lecce cominciano già a 12 anni

STARTUP
Edit article
Set prefered

Non si è mai troppo giovani per fare startup: a Lecce cominciano già a 12 anni

Cinque scuole della provincia di Lecce si sono unite in un progetto per portare i ragazzi di seconda e terza media nel mondo delle startup. La prima è già nata

Cinque scuole della provincia di Lecce si sono unite in un progetto per portare i ragazzi di seconda e terza media nel mondo delle startup. La prima è già nata

Cinque scuole e un obiettivo: fare del Salento la terra delle startup dei piccoli. L’Istituto “Galilei – Costa” di Lecce, di cui vi abbiamo parlato spesso per la sua estrema attenzione verso l’imprenditorialità giovanile, ha messo in rete 4 scuole medie della provincia di Lecce per coinvolgere ragazzi ancora più giovani nella creazione di imprese innovative. Il progetto si chiama “N2Y4 Startupping”, cioè “Never too young for startuppig”, in italiano “Non si è mai troppo giovani per fare startup”. I ragazzi delle scuole coinvolte, infatti, hanno tra i 12 e i 14 anni.

Il “Galilei-Costa” lo abbiamo conosciuto per le sue startup giovanili e per i suoi pitch-day organizzati nei corridoi dell’istituto. Le altre scuole coinvolte nel progetto sono il “De Giorgidi Lizzanello/Merine, l’Istituto comprensivo di Cavallino/Castromediano, il “Polo 2di Trepuzzi ed il “Galateodi Lecce. Queste scuole da dicembre a oggi hanno avviato un percorso didattico per avvicinare i ragazzi – tutti di seconda e terza media, quindi dai 12 anni in su – al mondo dell’imprenditoria.

N2Y4 Startupping” (mai troppo giovani per avviare startup) è un progetto pilota che, a partire dal prossimo anno scolastico, potrà aprirsi alla partecipazione di altre scuole interessate, che hanno già espresso l’intenzione e la voglia di aderire. Dal progetto è già stata avviata la prima idea imprenditoriale: si tratta di “Tea-Shirt – La maglietta giusta per thè” curata da 25 studenti dell’istituto comprensivo “Cosimo De Giorgi” di Lizzanello e Merine.

tea2

Il progetto è una serie di magliette personalizzabili che giocano sull’assonanza con la parola inglese “Tea” (thè). La grafica ideata è una scritta “I love my Tea-Shirt” con al centro una teiera che può essere “riempita” con diverse grafiche a seconda del gusto. C’è quella con i colori della squadra del cuore, quella con le bandiere, quella con le star della musica. La prima tea-shirt è già stata prodotta in occasione della Festa del Papà: si chiamavaCool Dad” ed i ragazzi sono riusciti a raccogliere ordini per circa 100 magliette. Niente male per questi giovanissimi alla loro prima esperienza da startupper. Il progetto è accompagnato da una pagina Facebook e presto ci sarò anche un sito dove i futuri clienti potranno personalizzare e ordinare la loro tea-shirt. I ragazzi sono stati aiutati per la parte informatica (progettazione e realizzazione del sito, grafica digitale, etc.) da Michael Candido, un giovane neodiplomato del “Galilei-Costa”.

image006