desc

A Pinerolo la lista elettorale più giovane d’Italia, composta solo da studenti (anche del liceo)

Scuola
EDUCATION
Edit article
Set prefered

A Pinerolo la lista elettorale più giovane d’Italia, composta solo da studenti (anche del liceo)

In provincia di Torino, a Pinerolo, i candidati per la giunta comunale hanno segnato un record: con una età media di 21,5 anni compongono la lista più giovane d’Italia

In provincia di Torino, a Pinerolo, i candidati per la giunta comunale hanno segnato un record: con una età media di 21,5 anni compongono la lista più giovane d’Italia

Scuola

Molti sono ancora studenti: difficile accusarli di fare i “politici di professione”. Le facce, tutte nuove: si fanno chiamare “giovani adulti” e la loro età media è di 21 anni. Magari le elezioni non le vinceranno, ma la loro storia è già entrata nel record: sono la lista di candidati più giovane d’Italia. L’hanno creata a Pinerolo, in provincia di Torino. La città ha poco più di 35 mila abitanti e con la lista Sinistra Solidale Pinerolo ha fatto parlare di sé in vista delle elezioni amministrative del 5 giugno. Il candidato sindaco è Pietro Manduca, 23 anni. 

Ai cittadini, chiedono coraggio

Il nome della lista è una scelta di campo: in un tempo in cui i partiti cercano di allontanarsi da schieramenti precisi, levando le parole “destra” e “sinistra” dal proprio nome, per far prevalere una fluidità di idee e programmi, loro, invece, ci tenevano. Così Sinistra Solidale Pinerolo (o SSP, in abbreviazione) si è presentata ai cittadini ed ha affrontato i molti scetticismi che circondavano una lista fatta di giovani, parola che, nella testa di molti, è sinonimo di inesperti. Il loro motto è la risposta ai detrattori: “Per cambiare serve coraggio”. 

pietro

Una lista di studenti

La storia di questi ragazzi sembra tratta da altri tempi: i tempi in cui i giovani partecipavamo in maniera animata alla politica e non ne erano nauseati, i tempi in cui si voleva prendere parte delle decisioni per il Paese. Infatti, nella loro candidatura non ci vedono niente di strano, se non un “ritorno alle origini”, un ritorno a un tempo in cui erano i giovani la parte che partecipava più attivamente alla cosa pubblica. Scorrendo la lista dei candidati si vede che il più vecchio ha 28 anni e i due più giovani, classe ’97, frequentano ancora il liceo. In realtà, a formare Sinistra Solidale Pinerolo sono quasi tutti studenti, anche se universitari o già laureati, negli ambiti diversi. Non avranno una grande esperienza politica alle spalle, ma dai loro racconti si capisce che hanno molta passione per il loro territorio. Se vincesse la SSP, Pinerolo avrebbe la giunta più giovane di sempre. Se questo fatto sarà un bene o un male, solo il tempo potrà dirlo.