desc

Google ricorda Nettie Stevens, la ricercatrice che ha cambiato la genetica per sempre

Scuola
EDUCATION
Edit article
Set prefered

Google ricorda Nettie Stevens, la ricercatrice che ha cambiato la genetica per sempre

Il motore di ricerca dedica la sua home page a Nettie Stevens, la biologa che scoprì il sistema dei cromosomi sessuali

Il motore di ricerca dedica la sua home page a Nettie Stevens, la biologa che scoprì il sistema dei cromosomi sessuali

Scuola

Il doodle online oggi su Google è dedicato a Nettie Stevens, una ricercatrice che è vissuta alla fine dell’800. Stevens è stata una donna fuori dal comune: in un tempo in cui la maggior parte delle donne faceva semplicemente la casalinga, o al massimo l’insegnante, Nettie Stevens diventò una scienziata, scoprendo il sistema dei cromosomi sessuali. Nata nel Vermont 155 anni fa, studiò alla Stanford University e prese un PhD in biologia al Bryn Mawr College della Pennsylvania nel 1903.

Il suo studio si focalizzò principalmente nel capire come una persona o un animale nasce maschio o femmina. Stevens cominciò a studiare i cromosomi: fu tra i primi scienziati a capire che il sesso è determinato da una particolare combinazione dei cromosomi X eY. Stevens pubblicò la sua ricerca nel 1905, che fu la base per arrivare al sistema della combinazione dei cromosomi XY che conosciamo oggi: lo sperma del padre, che può portare sia il cromosoma X sia quello Y, determina il sesso del figlio. Prima delle ricerche di Stevens si pensava, invece, che fosse la madre e l’ambiente a determinare se un bambino nasceva maschio o femmina.

La teoria della scienziata non fu accettata subito dalla comunità scientifica: fu solo quando altri scienziati uomini arrivarono alle stesse conclusioni, che la sua ricerca si diffuse. Nettie Stevens continuò a studiare i cromosomi fino alla sua morte, sopraggiunta a 45 anni per un cancro al seno.

Nettie_Stevens