desc

7 consigli per diventare milionario (o comunque provarci), spiegati da chi ci è riuscito

Device
SMART MONEY
Edit article
Set prefered

7 consigli per diventare milionario (o comunque provarci), spiegati da chi ci è riuscito

Crea più fonti di entrata, spendi di meno e investi di più. Ma soprattutto, convinciti di valere 100 milioni. Questi i consigli per fare soldi di Grant Cardone

Crea più fonti di entrata, spendi di meno e investi di più. Ma soprattutto, convinciti di valere 100 milioni. Questi i consigli per fare soldi di Grant Cardone

Device

Grant Cardone è uno degli speaker e coach motivazionali più apprezzati in Usa. Ha lavorato prima come manager in aziende come Google, Ford, Toyota e Morgan Stanley, e poi ha iniziato una carriera imprenditoriale in diversi settori, distinguendosi in quello immobiliare (si stima che le sue proprietà abbiano un valore di 350 milioni di dollari). In un poadcast, ripreso da Entrepreneur, Cardone offre sette segreti per diventare multimilionari.

grant cardone

Grant Cardone

1. Convinciti di valere tanto

writing sentence

 

La prima cosa da fare secondo Cardone è convincersi di poter diventare multimilionari. L’imprenditore racconta di essere partito da zero ed essere riuscito con idee e duro lavoro a raggiungere il benessere economico. Il segreto? «Il primo passo è stato quello di prendere una decisione e stabilire degli obiettivi. Ogni giorno per anni ho scritto questa frase: “Valgo 100 milioni di dollari!”.

2. Stop ai pensieri da povero

stop thinking

Cardone ricorda le lezioni di sua madre (“Mangia tutto”, “Non sprecare”, “I soldi non crescono sugli alberi”) e spiega che questi insegnamenti lo hanno portato ad avere paura della vita: «La vera ricchezza non arriva da questo modo di pensare. Non c’è una scarsità di soldi nel mondo, ma scarseggiano le persone che hanno un buon atteggiamento mentale verso il denaro. Per diventare un milionario partendo da zero, devi mettere fini ai tuoi pensieri da povero».

3. Pensa prima a dare un tuo contributo, dopo ai soldi

talent

Secondo il manager, chi ha fatto soldi con le sue forze è motivato soprattutto dal desiderio di offrire un suo contributo, di mostrare al mondo il suo talento. Sa di poter fare la differenza e lavora ogni giorno per dimostrarlo. Ciò che lo guida non sono i soldi, ma la volontà di emergere.

4. Impara la lezione dei ricchi

Warren Buffett, chief executive officer of Berkshire Hathaway, pauses during a television interview in advance of a charity lunch with a group led by Courtenay Wolfe, chief executive officer of Salida Capital, at Smith & Wollensky in New York, U.S., on Monday, Feb. 22, 2010. Buffett, a billionaire who pledged the bulk of his fortune to philanthropy, said the need for charitable giving is unending. Photographer: Daniel Acker/Bloomberg via Getty Images

Warren Buffett, uno degli uomini più ricchi al mondo, 64 miliardi di patrimonio per Forbes

Cardone racconta che dall’età di 10 anni legge storie di persone che sono diventate ricche. Lo ha sempre fatto per capire come chi ha tanti soldi ragiona e cosa lo ha agevolato nella sua strada verso il successo finanziario: Cosa legge? Come investe? Cosa lo guida? Cosa lo motiva ed entusiasma?

5. Gestisci il tempo come un milionario

running time

Per Cardone una caratteristica che accomuna le persone ricche è il loro rapporto con il tempo, “chi ha i soldi lo compra, chi non lo ha lo vende”: «I ricchi sanno che il tempo vale più dei soldi, così assumono persone per svolgere quei compiti che se svolti da loro stessi abbasserebbero la produttività» spiega Cardone che chiarisce che questo non significa che lavorano di meno, anzi si impegnano ancora più duramente senza spostare attenzione su attività di secondaria importanza.

6. Spendi di meno e investi di più

investi

Chi hai soldi non spende soldi, ma li investe. Compra case per avere un ritorno futuro, o macchine, non per un suo capriccio, ma per usarle per produrre ricavi per la sua azienda.

7. Crea più fonti di entrata

cashflow

L’imprenditore racconta che i suoi primi investimenti sono stati nel settore immobiliare. Dopodiché quando questo campo iniziava a fruttargli di meno, si è lanciato in altri business promettenti, come lo sviluppo di software.