desc

Così Microsoft sviluppa l’intelligenza artificiale usando Minecraft. Il progetto Malmo

Scuola
EDUCATION
Edit article
Set prefered

Così Microsoft sviluppa l’intelligenza artificiale usando Minecraft. Il progetto Malmo

Il mondo da costruire con i mattoncini, le avventure da superare, le interazioni da stringere con gli altri giocatori sono le ampie possibilità che il videogame Minecraft offre a tutti i programmatori che lavorano sul progetto: una piattaforma aperta per rendere i bot sempre più simili agli umani

Il mondo da costruire con i mattoncini, le avventure da superare, le interazioni da stringere con gli altri giocatori sono le ampie possibilità che il videogame Minecraft offre a tutti i programmatori che lavorano sul progetto: una piattaforma aperta per rendere i bot sempre più simili agli umani

Scuola

C’è una cosa in cui l’intelligenza artificiale ancora non riesce a funzionare al meglio: processare, valutare e agire con flessibilità e creatività momento per momento in condizioni complesse. I ricercatori di Microsoft non si arrendono a questa realtà e decidono di sperimentare queste abilità in un videogioco, Minecraft, che dovrebbe aiutare l’intelligenza artificiale a svilupparle. Il progetto si chiama Malmo e sfrutta le caratteristiche del gioco per far crescere queste potenzialità: imparare dagli altri, interagire con l’ambiente circostante e utilizzare ciò che si apprende per superare le sfide di volta in volta offerte.

Costruire un mondo virtuale con i mattoncini

Minecraft è un gioco in cui i partecipanti hanno libertà di azione, usano dei cubetti per costruire quello che vogliono, comunicano tra di loro, si confrontano e si scontrano a volte. Si trovano ad esplorare il mondo che loro stessi hanno costruito con i mattoncini colorati e a superare con creatività anche delle avventure per la sopravvivenza. Insomma, devono fare tutto ciò che un computer sembra impossibilitato a fare. Il creatore del videogioco è un programmatore svedese, Markus Alexej Persson, meglio noto nel mondo del gaming come Notch. A lui si fa risalire anche la società svedese di videogiochi Mojang. Esiste una versione modificata del gioco per Pc nella quale ci sono personaggi, attività ed elementi aggiuntivi. E la tanta libertà di azione che lo contraddistingue equivale a una prateria sperimentale per gli sviluppatori che vogliono testare in esso l’intelligenza artificiale.

Tutti i programmatori sono benvenuti

Il capo del progetto di ricerca si chiama Katja Hoffman e fa parte del gruppo Intelligenza e percezione delle macchine al Microsoft Research Cambridge. Nel suo curriculum un dottorato in informatica all’Università di Amsterdam e una carriera dedicata allo sviluppo dell’intelligenza artificiale. La caratteristica fondamentale di questa iniziativa è la sua apertura a tutta la comunità di sviluppatori. La piattaforma, che gira su Mac OS, Windows e Linux, è infatti disponibile su GitHub a tutti i programmatori che vogliano cimentarsi in questo progetto. Lo scopo finale dell’iniziativa, comunque, va molto al di là del videogioco: facendo crescere le potenzialità dell’intelligenza artificiale si arriverà un giorno a poter risolvere alcune attività della vita quotidiana come la cucina e il bucato grazie al computer.

Le potenzialità dell’intelligenza artificiale

Uno degli obiettivi sicuramente più difficili da raggiungere per Malmo sarà la comprensione della comunicazione: «Abbiamo allenato l’intelligenza artificiale a identificare gli schemi del parlato, ma la tecnologia non ha nessuna comprensione del loro significato», ha detto Katja Hoffman quando il progetto è stato reso pubblico. Una delle sfide principali per i ricercatori sarà quindi quella di creare dei bot che permettano di comprendere gli umani come solo un umano saprebbe fare. «Minecraft è molto simile al mondo reale per molti versi», ha commentato Jose Hernandez-Orallo, professore alla Technical University di Valencia, in Spagna, che ha potuto partecipare alla fase iniziale del progetto, prima che diventasse pubblico. Oggi tutti i programmatori che lavorano su Malmo hanno la possibilità di confrontarsi e controllare a vicenda i progressi fatti. Alcuni professori hanno scelto di introdurre le esercitazioni di programmazione su Malmo nei loro corsi. Hernandez-Orallo ne è convinto: «Questo progetto avrà un impatto sull’istruzione, almeno a livello universitario», ha detto.