desc

La startup Eatsready raccoglie 1,2 milioni di euro grazie alla sua app per ordinare via smartphone

LIFESTYLE
Edit article
Set prefered

La startup Eatsready raccoglie 1,2 milioni di euro grazie alla sua app per ordinare via smartphone

In soli 6 mesi la realtà fondata da Giacomo Alpago ha chiuso partnerships con più di 170 ristoranti solo a Milano

In soli 6 mesi la realtà fondata da Giacomo Alpago ha chiuso partnerships con più di 170 ristoranti solo a Milano

Eatsready, la realtà fondata da Giacomo Alpago, Paolo Vismara, Fabio Manola e Luciano De Franco ha appena chiuso un round di investimento di 800 mila euro, portando la raccolta totale a più di 1.2 milioni di euro. Vincente, dunque, l’applicazione che, sull’onda della tendenza “mobile order & pay” arrivata in Italia da Oltreoceano, permette di pre-ordinare piatti, pagandoli on line, evitando file alla cassa e permettendo di scegliere comodamente da casa l’ora e il giorno per la consumazione del pasto.

 

 

Gli investitori

Tra gli investitori sono presenti: Riccardo Bruno (Presidente del consiglio di amministrazione), Maria Elena Cappello, Boost Heroes, Copernion (Venture Capital internazionale con sede in Spagna), Davide Corradi, Francesco Signoretti, SAF Venture. L’operazione è  stata seguita da Angelo Romano e Giulia Bergamasco dello studio legale La Torre Morgese Cesare Rio.

 

 

 

I progetti per il futuro

L’amministratore delegato, nonché co-fondatore, di Eatsready, Giacomo Alpago, afferma che: “I fondi serviranno ad espandere il team, aumentare la presenza in più città, sviluppare nuove funzionalità come un programma di loyalty, diventando così sempre più vicini alle esigenze dei clienti a beneficio della nostra community, con l’obiettivo – conclude il manager – di diventare sempre di più una lifestyle app”.

 

 

Come funziona Eatsready

L’applicazione della startup italiana consente all’utente, anzitutto, di trovare i ristoranti nelle vicinanze attraverso la mappa interattiva, quindi è possibile consultare i menu, scegliere e personalizzare il proprio ordine e pagare indicando l’orario di arrivo. Una volta inviato l’ordine, si riceve la conferma dal ristoratore attraverso una notifica. A questo punto, è possibile usufruire delle corsie preferenziali per evitare qualsiasi attesa alla cassa, identificandosi tramite il Pick-up Point dotato di tecnologia NFC e QR code. Eatsready ha già stretto accordi con più di 170 locali solo a Milano, tra cui: God Save the Food, Pescaria, Hamericas, I Love Poke, C’era una volta una Piada, Fatto bene Burger e molti altri. Chi volesse saperne di più consulti il loro sito.