desc

La pizza che si guida da sola. A Houston il test di consegne a domicilio tech

LIFESTYLE
Edit article
Set prefered

La pizza che si guida da sola. A Houston il test di consegne a domicilio tech

La collaborazione tra Domino’s Pizza e la startup Nuro

La collaborazione tra Domino’s Pizza e la startup Nuro

Domino’s Pizza ha avviato i test per la consegna a domicilio sfruttando veicoli a guida autonoma. L’esperimento pilota ha preso il via a Houston in questi giorni, dove l’R2 di Nuro, azienda tech fondata nel 2018 da due ex ingegneri di Google, consegnerà margherite e  quattro stagioni ai clienti. Come funziona? Grazie a un codice PIN si apre il baule del veicolo e si ritira il pranzo proprio di fronte a casa. Come si legge sulla ben informata newsletter Morning Brew, la startup ha già ricevuto il via per circolare sulle strade della California e lo scorso mese ha chiuso un round serie C da mezzo miliardo di dollari. Quello della guida autonoma è uno dei trend più interessanti dell’ultimo anno: a causa della pandemia i robot delle consegne sono stati spesso fondamentali per rifornire famiglie confinate in quarantena.

Leggi anche: Non hai voglia di fare la spesa? A Singapore ci pensa il robot Camello

Nuro è il primo veicolo driverless che ha ricevuto il semaforo verde dall’US Department of Transportation. Da parte sua, Domino’s è la principale catena che consegna pizze negli Stati Uniti e ogni anno registra un aumento delle entrate superiore al 10%. «Questo programma ci permetterà di capire meglio come i clienti rispondono alle consegne, come interagiscono con il robot e come questo influisce sulle operazioni del negozio – ha detto Dennis Maloney, Chief Innovation Officer della società – Non vediamo l’ora di vedere come la consegna autonoma può funzionare insieme agli operatori di consegne già attivi di Domino per supportare meglio le esigenze dei clienti».

Leggi anche: Dalla Google russa il robot a guida autonoma per il cibo a domicilio

Non è certo se le due cose siano collegate, ma sempre Domino’s Pizza ha fatto notizia anche per aver investito nella sistemazione di alcune strade del Delaware, a cominciare dalla copertura delle buche. Per essere smart, di certo, le città del futuro dovranno offrire una pavimentazione omogenea, ideale per la circolazione dei veicoli a guida autonoma.

Leggi anche: Anche i piccoli negozi potranno consegnare cibo fresco con un robot, Robomart