desc

Il marketplace europeo di dog sitting chiude​ ​un​ ​round​ da​ ​5​M | DogBuddy​ ​​

Economia Digitale
ECONOMY
Edit article
Set prefered

Il marketplace europeo di dog sitting chiude​ ​un​ ​round​ da​ ​5​M | DogBuddy​ ​​

Nuovo aumento di capitale per il progetto di Richard Setterwall. Fra gli investitori Sweet Capital, il fondo Venture Capital aperto dai fondatori di King.com

Nuovo aumento di capitale per il progetto di Richard Setterwall. Fra gli investitori Sweet Capital, il fondo Venture Capital aperto dai fondatori di King.com

Economia Digitale

Aumento di capitale per DogBuddy, startup che ha sviluppato un marketplace (di livello europeo) di dog sitting: ha ricevuto oltre 5 milioni di euro in investimenti per continuare la sua espansione in Europa. Con questo nuovo finanziamento, DogBuddy arriva a un totale di circa 10 milioni di euro ottenuti, raddoppiando i fondi raccolti fino ad oggi e diventando il marketplace di dog sitting più finanziato in Europa. L’ultimo round di finanziamento, oltre a dimostrare la continua fiducia nell’attività degli investitori privati già esistenti, aggiunge nuovi e importanti nomi alla lista. Questi nuovi gruppi finanziari si sommano ai precedenti sostenitori dell’attività in espansione, tra i quali è presente Sweet Capital, il fondo d’investimento creato e finanziato dai fondatori di King.com. Il nuovo finanziamento permetterà di ampliare il gruppo di persone che lavorano nelle operazioni e di investire ulteriormente nel marketing per sensibilizzare e far conoscere ai proprietari di cani i servizi di soggiorno, asilo diurno e passeggiate offerti dalla piattaforma.

Alla conquista dell’Europa

«Vista la forte crescita che abbiamo visto in Svezia durante lo scorso anno e il promettente lancio in Norvegia a gennaio – ha spiegato Richard Setterwall, fondatore e ceo di DogBuddy – non vedo l’ora di far arrivare DogBuddy a nuovi paesi europei nei prossimi mesi. Grazie al sostegno e all’appoggio dei nostri investitori, saremo in grado di semplificare la vita a sempre più proprietari di cani in Europa». Per il ceo di Sweet Capital (anche membro del consiglio di amministrazione di DogBuddy) Christian Dörffer «DogBuddy ha dimostrato come i suoi servizi risolvano un problema reale che si trovano ad affrontare centinaia di migliaia di proprietari di cani in tutta Europa. Siamo felici di dare il benvenuto ai nuovi investitori, che permetteranno a DogBuddy di continuare ad espandersi verso nuovi mercati e ad esplorare nuove opportunità nel mondo pet-tech».

I numeri del pet-tech

Nel 2016, nel settore pet-tech, sono stati investiti a livello mondiale circa 154 milioni di dollari, cifra quattro volte superiore a quella di quattro anni fa. Sempre nel 2016 si è vista una crescita di interesse e investimenti sia in aziende innovative come DogBuddy che in tutta l’industria legata agli animali domestici, come la salute, il benessere, il cibo e gli indossabili.