immagine-preview

Feb 2, 2016

Global Game Jam: ecco cosa è successo durante l’edizione romana

L'edizione romana della Global Game Jam è stata organizzata da Codemotion in partnership con Asset-Camera

48 ore di codice, 120 Jammers venuti da tutta Italia e dall’estero, 21 progetti presentati: un solo unico tema per 600 sedi in tutto il mondo. Questi i numeri della edizione romana della Global Game Jam, organizzata a Roma per la quinta volta da Codemotion, ospite per il secondo anno consecutivo del Tempio di Adriano, grazie alla partnership con Asset, azienda speciale della Camera del Commercio.

Ideata nel 2009 dall’International Game Developers Association, la Global Game Jam è una maratona di programmazione in cui i Jammers, sviluppatori riuniti o in solitaria, professionisti o aspiranti tali, in 48 ore si sfidano per produrre un prototipo funzionante di videogioco. alcuni di essi sono spesso la base di prodotti innovativi che usciranno poi in seguito sul mercato del gaming.

L’obiettivo della Jam, che non è una maratona competitiva, a differenza di altri hackaton, è quello di spingere i partecipanti a sperimentare fuori dagli schemi ordinari: nella scorsa edizione dell’anno scorso più di 28 mila fra studenti, professionisti e artisti in 72 paesi hanno accettato la sfida, creando più di 4000 videogiochi.

Global Game Jam

L’edizione romana

L’edizione romana è caratterizzata principalmente dalla partecipazione di Game developer professionisti, ma per aiutare chi si voglia avvicinare a questo mondo, per la prima volta quest’anno si è tenuto un esperimento di Jam didattica.

Sono infatti stati riservati 10 accessi per la creazione di un team di wannabe che sono stati seguiti dai mentor di Invader Games, software house romana che fondata nel 2015, ha già al proprio interno più di 27 risorse tra developer, game designer, sound artist.

Il risultato è stato Colis Eum, un platform verticale in cui i protagonisti devono fuggire da una sorta di inferno dantesco.

Invader Games d’altronde è una delle storie di successo della Jam, il team ha infatti deciso di fondare un’azienda vera e propria e lavorare a tempo pieno sullo sviluppo gaming in seguito all’esperienza della Global Game Jam dello scorso anno, come anche Yonder che ha ottenuto un contratto con un publisher grazie al gioco realizzato alla Global Game Jam 2015 di Roma.

Tra i partner di quest’anno, inoltre erano presenti Storm in a teacup, uno studio romano con vocazione internazionale che ha già pubblicato su Xbox One e STEAM e ha portato l’esperienza maturata nelle maggiori fiere in tutto il mondo, e Mangatar, che ha lanciato lo scorso anno l’attività di smart publishing, attraverso un network che aggrega e supporta i migliori team, sulla scena italiana ed europea, focalizzati su giochi casual e mid-core per piattaforme mobile, PC e connected TV.

Ecco il perché la Global Game Jam di Roma dallo scorso anno fa parte dell’iniziativa World Wide Rome, il ciclo di conferenze e iniziative che nasce dall’idea di Asset-Camera, Azienda speciale della Camera di Commercio di Roma, per rimettere al centro del dibattito sull’innovazione la città di Roma e che propone eventi rivolti a chi si avvicina alla tecnologia, a chi la consuma ma, soprattutto, a chi crede nel web come forza propulsiva per l’economia.

D’altronde si parla di un mercato – quello del game development – stimato circa 100 miliardi di dollari nel 2015 e nella scorsa edizione della Game Developers Conference – la principale conferenza sul gaming a livello mondiale – il 53% dei developer si sono definiti “indie”, cioè, come avviene per la musica e per il cinema, indipendenti dalla grandi produzioni e per questo capaci di idee innovative.

_DSC2013

I progetti presentati

Il tema della global game Jam di quest’anno è stato Rituals, rituali, ed è stato molto interessante vedere come è stato interpretato dai partecipanti.

Se la maggioranza ha infatti presentato situazioni in cui era necessario raccogliere gli oggetti per compiere un rituale conclusivo, ci sono state interessanti spunti sulla riflessione stessa del concetto di rituale – da quello più strettamente letterario a quello più astratto.

Tra i progetti presentati si sono distinti RitualEs, gioco mobile che ha l’obiettivo di riproporre il rituale della patologia ossessivo compulsiva e tenere sotto controllo l’ansia, The apprentice che utilizza il device Neurosky e Mindwave come controller del gioco, o Impact VR che utilizza Oculus Rift per portare player in una arena virtuale.

Al termine delle 48 ore è stato dichiarato vincitore Ray Bibbia, un writing game in cui è necessario digitare le parole che compaiono sullo schermo per completare l’esorcismo ed essere liberi.

Il livello generale di giochi sviluppati è stato il più alto mai raggiunto: per chi volesse, tutti i progetti sono disponibili online sul sito della Global Game Jam.

Flavia Weisghizzi

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter