desc

ItalyXP, la startup che porta in Italia 14 mila turisti all’anno

LIFESTYLE
Edit article
Set prefered

ItalyXP, la startup che porta in Italia 14 mila turisti all’anno

Sul portale sono disponibili 1300 attività, tra itinerari e pacchetti. A StartupItalia! il Ceo Saverio Castilletti: “Da noi pochi italiani: non siamo abituati a transazioni simili online”

Sul portale sono disponibili 1300 attività, tra itinerari e pacchetti. A StartupItalia! il Ceo Saverio Castilletti: “Da noi pochi italiani: non siamo abituati a transazioni simili online”

L’Italia, lo sappiamo, è tra i paesi più amati dagli stranieri. Da un’indagine di Bankitalia il loro numero si era attestato a 91 milioni nel 2017, dato in crescita del 6% rispetto all’anno precedente. A questa platea, che non si arrende di fronte a nulla pur di visitare il Belpaese, la startup ItalyXP ha voluto dare uno strumento in più, un sito partito come market place in inglese e in spagnolo per offrire pacchetti turistici, itinerari ed esperienze a clienti con alta capacità di spesa. Italy XP chiuderà il 2018 con un fatturato in crescita che sfiorerà i 2 milioni di euro.

Ed è in crescita anche il sito ItalyXP, visto che nel 2017 la startup – nata quattro anni fa con l’autofinanziamento dei suoi tre fondatori – aveva fatturato 1,3 milioni di euro. «Eravamo partiti con 100mila euro, poi abbiamo ricevuto i finanziamenti di Invitalia e del Mibact». All’inizio l’obiettivo di Saverio Castilletti, Ceo di ItalyXP e l’unico dei soci ad avere un ruolo operativo, era quello di farsi spazio in un mercato rivoluzionato dal web. «Ma l’appetito viene mangiando – ha commentato a StartupItalia! – Lo scorso anno abbiamo portato in Italia 14mila turisti stranieri, aumentando il dato del 60% rispetto al 2016».

Come funziona ItalyXP

 

Solo sito, senza finora un’app, ItalyXP nasce come market place dove offrire soluzioni per le vacanze a chi dall’estero vuole visitare lo Stivale. «Col tempo – spiega Castilletti abbiamo sviluppato tools per far in modo di personalizzare i pacchetti, per “guidare” il cliente come farebbe un’agenzia turistica tradizionale nella scelta dei percorsi e degli itinerari». Gli investimenti iniziali hanno dato priorità all’efficienza del sito e al marketing online in moda da raggiungere il pubblico all’estero. In numeri, secondo i dati riferiti dal Ceo di ItalyXP, i turisti stranieri che hanno comprato soluzioni sul sito provengono da 130 paesi diversi.

Leggi anche: Sailogy: da startup a piattaforma europea per il Charter con l’acquisizione di Master-Yachting

 

Sono soprattutto gli statunitensi (38%) che acquistano alcune delle 1300 attività disponibili sul sito ItalyXP per le loro vacanza in Italia. Seguono, come cluster più rilevanti,Sud America (10%), Canada (9%), Australia (8%) ed India (6%).Importante segnalare anche la sensibile presenza di clienti dal Sud America(10%). Grazie a questa crescita oggi ItalyXP è un’azienda con due sedi, una a Ragusa, l’altra a Roma, con 9 dipendenti e 4 collaboratori esterni.

Come evidente dal nome, ItalyXP si occupa soltanto di vacanze tricolore per gli stranieri. «Non avremmo i numeri attuali se ci concentrassimo su clienti italiani – spiega ancora il Ceo Castilletti – soprattutto perché sul nostro sito, pagando tutto tramite carta, si arrivi a spendere fino a 25mila euro per passare con la famiglia due settimane di ferie in Italia. Transazioni simili, senza neanche guardare in faccia il venditore, ma con tutte le sicurezze e garanzie del caso, non sono certo frequenti nella clientela dei connazionali».