immagine-preview

Set 28, 2018

307 milioni di euro investiti in startup nei primi 9 mesi del 2018. È record: tutti i round in una timeline

In 9 mesi più che raddoppiata la cifra raccolta in tutto il 2017. Boom dell'equity crowdfunding che raggiunge quota 25 milioni. I dati aggiornati

Sono più di 300 i milioni di euro raccolti in nove mesi da startup italiane e da startup fondate da italiani ma con sede all’estero. Più precisamente 307 milioni. Questa cifra somma i round realizzati da gennaio 2018 ad oggi e i milioni raccolti da startup tramite piattaforme di equity crowdfunding. La proiezione sulla fine dell’anno porterebbe superare i 400 milioni di euro di investimenti. Si tratta di una cifra record che supera non solo il 2017 (anno che ha registrato un forte calo di investimenti), ma anche il 2016 anno dove furono sfiorati 180 milioni.

 

In questi ultimi tre mesi estivi in particolare ci sono stati 20 round per un totale di 64,2 milioni di euro, mentre le operazioni di equity crowdfunding negli ultini 3 mesi hanno totalizzato 11,4 milioni di cui 9,8 raccolti da startup. In questi ultimi 9 mesi sono nati anche nuovi fondi per un totale di 880 milioni di euro che permetteranno la crescita dell’ecosistema italiano. Ai 720 del primo semestre si aggiungono anche i 60 milioni annunciati da Politecnico di Milano con 360 capital partners, i 20 milioni di IREN UP e gli 80 milioni di Sofinnova e Telethon.

 

Grande attenzione anche verso l’economia green e le startup che lavorano in questo ambito. Il 25 settembre Intesa Sanpaolo ha annunciato il lancio di un plafond fino a 5 miliardi di euro per la circular economy (ne abbiamo parlato  qui). Di inizio settembre poi  la dichiarazione di Luigi Di Maio che, durante DigithON a Bari, ha annunciato un fondo da 4 miliardi di euro per le startup italiane.

 

Com’è andata rispetto agli anni scorsi

Se si guarda alla cifra complessiva dei primi 9 mesi del 2018 si può vedere che i 307 milioni di investimento sono più del doppio (il 124% in più) rispetto ai 136 milioni con cui abbiamo chiuso il 2017. Ne avevamo parlato qui. Un dato decisamente positivo e che fa pensare che il 2018 possa essere davvero un anno importante per le startup italiane.

 

Un dato che spicca è quello del boom dell’equity crowdfunding che in questi primi nove mesi ha raccolto 25,6 milioni di euro (cifra che comprende anche le raccolte di PMI): nel 2017 il totale raccolto si era fermato a 11,7 milioni e il 2016 aveva visto una raccolta di 4,5 milioni di euro. 

 

Tra le startup che hanno brillato per milioni raccolti nell’ultimo trimestre c’è Satispay che a settembre ha chiuso il finanziamento da 15 milioni di euro lanciato a luglio, Altheia che ha registrato un investimento da da 9,3 milioni e Credimi che ha chiuso un round da 10 milioni con United Ventures SGR e Vertis SGR. Da sottolineare in questo ultimo trimestre anche la Exit di Musement di cui però non è stata indicata l’entità ma che potrebbe spostare ancora più in alto il dato.

I primi commenti

Di fronte a questi numeri ci sono già i primi commenti. Luca Carabetta, Vicepresidente della Commissione attività produttive della Camera, ci ha detto: “La crescita degli ultimi mesi del Venture Capital in Italia è un grande segnale ma manca ancora molto per colmare il gap con gli altri Paesi europei. Entro fine anni il Governo avvierà una piattaforma pubblica per rilanciare il mercato, stimolando nuovi investimenti, specie per la fase di scaleup delle nostre imprese”.

 

“Salutiamo in maniera estremamente positiva il consolidamento nella crescita degli investimenti in startup italiane anche nel terzo trimestre 2018 – ha commentato Angelo Coletta, Presidente di Italia Startup – dopo i segnali incoraggianti dei primi mesi dell’anno. L’ecosistema italiano sembra aver intrapreso finalmente la strada giusta: i capitali, sia nazionali che esteri, si stanno rendendo conto che la qualità delle startup italiane non ha nulla da invidiare a quella degli altri paesi, europei e internazionali. L’auspicio – ha concluso Coletta – è che i provvedimenti che il Governo ha annunciato siano confermati nella legge di bilancio e che l’iniezione di nuovi fondi agevoli un’ulteriore crescita del nostro sistema, con l’obiettivo di recuperare il gap con altri sistemi più evoluti”.

 

I round registrati tra luglio e settembre

Di seguito riportiamo i 20 round del terzo trimestre del 2018, indicando i principali investitori e l’ammontare dell’operazione.

 

1.ToothPic

A inizio luglio ToothPic, la startup spin-off del Politecnico di Torino che opera nel settore della cybersecurity e ha sviluppato un sistema per identificare in campo forense da quale smartphone è stata scattata una fotografia, ha chiuso un investimento da 300k (ne abbiamo parlato qui). L’operazione avvenuta tramite la piattaforma ITAtech ha permesso al fondo Vertis Venture 3 Tech Transfer di entrare nel capitale dell’azienda.

 

2. Synapta

La startup che con la piattaforma ContrattiPubblici.org sta rivoluzionando la business intelligence su contratti e bandi della pubblica amministrazione italiana, ha chiuso un round da 430k con Oltre Il SICAF (ne abbiamo parlato qui). 

 

3. Zerogrado

La software company ha raccolto 1,3 milioni di finanziamenti coinvolgendo imprenditori digitali e artisti come Fedez, Mauro Del Rio (Capital B!), Fabio Cannavale (attraverso Boost Heroes), Nicola Lamberti (founder di TrovaPrezzi), Marco Ferrari e Marco Franciosa (founder di Next14). Ne abbiamo parlato qui.

 

4. GenomeUp

La startup che studia il DNA attraverso l’Intelligenza Artificiale, ha chiuso un round da 200K. I fondi arrivano da LVenture Group, dai business angel di Apg e da terzi investitori (qui per approfondire).

 

5. Kellify

A fine luglio Kellify, startup che punta a rivoluzionare il mondo degli investimenti con l’intelligenza artificiale, ha raccolto 1,73 milioni di dollari. Tra i vari investitori privati ci sono Alberto Adorini (ex CEO di Payleven) e Riccardo Bianco (ex CEO di Spontex Italy) oltre a diversi business angel. Ne abbiamo parlato qui.

 

6. Alliens Pharma

La startup italiana nata nel 2018 per sviluppare trattamenti in grado di curare malattie dermatologiche ha chiuso un round serie A da 3 milioni di euro. L’operazione è stata sottoscritta da diversi investitori, guidati dal fondo di investimenti specializzato nel bio-tech Panakes Partners e da Invitalia Ventures. Per approfondire qui.

 

7. Velasca

Il 30 luglio Velasca, il digital brand di calzature made in Italy, ha chiuso un round da 2,5 milioni. L’investimento guidato dal venture capital P101 SGR e dalla società Milano Investment Partners. Ne abbiamo parlato qui.

 

8. Together price

La piattaforma di condivisione di servizi in abbonamento digitali che permette di risparmiare fino all’80% sul loro costo, ha chiuso un aumento di capitale da 630mila euro. L’investimento è stato guidato da Samaipata Ventures, fondo internazionale con base a Madrid specializzato in marketplace e piattaforme di e-commerce, e ha visto coinvolti LVenture Group e Angel Partner Group. Approfondimento qui.

 

9. Cyber Dyne

La società fondata da Ernesto Minnino e Giovanni Iacca ha chiuso un round sa 2 milioni di euro con Vertis SGR e il partner industriale GELLIFY. Ne abbiamo parlato qui.

 

10. Comftech

La startup che produce wearable per neonati e sportivi ha chiuso un round da 7 milioni di euro. L’investimento è stato sottoscritto con Principia SGR ha investito attraverso il Fondo Principia III.

 

11. Italian Way

l leader italiano nelle locazioni di breve termine, ha incassato un round di investimento da 4 milioni di euro, sottoscritto da un unico investitore

 

12. CashMe

La piattaforma web di intermediazione di fatture commerciali fondata da Marcello Scalmati ha chiuso un aumento di capitale da 1,5 milioni di euro.

 

13. Voices of Wealth

La startup fintech con sede a Milano ha chiuso un round da 800K grazie a investitori rimasti anonimi.

 

14. HomePal

La startup milanese è un importante attore del mercato immobiliare. Ha chiuso un aumento di capitale da 2,3 milioni. Tra gli investitori anche Homeclub, BPER Banca e l’imprenditore Davide Serra. Qui per approfondire.

 

15. Satispay

Il 20 settembre la società di Alberto Dalmasso ha chiuso l’operazione da 15 milioni iniziata a luglio. La raccolta complessiva di Satispay ad oggi sale così a circa €42 milioni, con una valutazione post money di €115 milioni. Ne abbiamo parlato qui.

 

16. Credimi

La piattaforma di factoring digitale ha raccolto 10 milioni di euro con un round guidato da United Ventures SGR, a cui si unisce Vertis SGR. Ne abbiamo parlato qui.

 

17. Altheia

La startup che opera ne campo biotech ha chiuso un round di finanziamento da 9,3 milioni di euro che potrebbero diventare 15 milioni entro fine anno. Altheia ha siglato un accordo con il Boston Children’s Hospital per poter sviluppare cure e medicine risolutive per le malattie auto-immuni, concentrandosi in primis su sclerosi multipla e diabete di tipo 1. Qui Per approfondire.

 

18. Wonderflow

L’azienda con base a Trento ed Amsterdam che sfrutta i big data per fornire un servizio di consumer analytics, ha messo a segno un investimento da 1,5 milioni: a puntare sul team guidato da Riccardo Osti è P101 SGR, che con il suo nuovo fondo PROGRAMMA 102. Ne abbiamo parlato qui.

 

19. Skinlabo

La piattaforma della cosmetica italiana ha chiuso un round 500mila euro grazie a diversi business angel. Tra loro, due nomi importanti del mondo del private equity e del beauty italiano: Walter Ricciotti, fondatore e ceo di Quadrivio Group e Stefano Gaetani, già amministratore delegato di Laboratoire Bioderma – Naos Group. Qui per approfondire.

 

20. Vikey

Vikeystartup romana del portafoglio di LVenture Group, ha chiuso un round di investimento di 500 mila euro guidato da Italian Angels for Growth (IAG) e Club degli Investitori (CdI). Qui per approfondire.

 

Crowdfunding, le operazioni chiuse da luglio a settembre

Anche il crowdfunding non è andato in vacanza nell’ultimo trimestre. Anzi ha fatto meglio di sempre. Sulle principali piattaforme si registrano 26 operazioni concluse da startup con un totale raccolto che raggiunge i 8,7 milioni di euro. Spicca l’operazione di Glass to Power che ha chiuso una campagna record da 2 milioni e mezzo di euro. Ecco le principali operazioni.

 

1. Aerotec

La società che si occupa di sviluppare, costruire e commercializzare aerei ultraleggeri altamente innovativi ha raccolto 787 mila euro sulla piattaforma Next Equity grazie a 49 investitori.

 

2. Fidelity House

Il primo Social Content Network che permette agli utenti di essere sempre aggiornati sui propri interessi e pubblicare contenuti (in versione di articoli, foto, video, ricette, ecc..) guadagnando sul volume delle visualizzazioni, ha raccolto su Mamacrowd 652K grazie a 84 investitori.

 

3. Supermicron

La startup che ha sviluppato sensori per il monitoraggio strutturale delle infrastrutture ha raccolto 442 mila euro su CrowdFundMe grazie a 394 investitori.

 

4. eMotion
La piattaforma che permette al rivenditore eCommerce di gestire tutte le attività di spedizione e post-vendita con un’interfaccia semplice e intuitiva ha raccolto su Mamacrowd 336 mila euro grazie a 54 investitori.

 

5. Revoilution

Il primo elettrodomestico da cucina che permette di ottenere olio fresco in ogni periodo dell’anno, ha raccolto 400 mila euro su Mamacrowd grazie a 106 investitori.

 

6. Edgar

L’app personalizzabile da ogni Host che permette di gestire la relazione con i propri clienti prima, durante e dopo il soggiorno ha raccolto su Mamacrowd 196,5 mila euro grazie a 26 investitori.

 

7. inReception

La piattaforma cloud pensata per le esigenze delle strutture come bed & breakfast, agriturismi, case e appartamenti per vacanze e piccoli hotel ha raccolto su Mamacrowd 82 mila euro grazie a 21 investitori.

 

8. Tickete

La startup  che, grazie al VTR (Virtual Text Recognition) riesce ad estrarre i dati dagli scontrini fotografati e a comprendere le reali abitudini e comportamenti d’acquisto offline degli utenti, ha raccolto su CrowdFundMe 158 mila euro.

 

9. Predixit

La soluzione di Intelligenza Artificiale che permette anche al più piccolo e-commerce di competere con Amazon, grazie ad una esperienza di shopping online personalizzata e al tempo stesso non intrusiva, ha raccolto su CrowdFundMe 300k.

 

10. Userbot

La startup attiva da circa 2 anni nello sviluppo di soluzioni CRM basate sulla tecnologia AI proprietaria in fase di brevettazione, partecipata da Polihub, ha raccolto 200K con la campagna di equity crowdfunding su CrowdfundMe

 

11. My Cooking Box

La startup che produce un cofanetto contenente al suo interno tutti gli ingredienti, dosati al punto giusto, per realizzare un piatto tipico del territorio italiano. Ha raccolo 533k con la campagna di equity crowdfunding su Mamacrowd.

 

12. Glass to Power

Lo spin-off dell’Università Milano Bicocca, ha raccolto 2 milioni e mezzo sulla piattaforma CrowdFundMe: si tratta della seconda campagna di raccolta avviata, la prima nel 2017 era già stata un successo.

 

13. Lorenzo Vinci

L’e-commerce di offerte alimentari online su alta gastronomia, enogastronomia e prodotti tipici italiani,  ha raccolto 223 mila euro sulla piattaforma BackToWork24.

 

14. Eat in Time

Il food delivery di Torino ha raccolto sulla piattaforma di crowdfunding Opstart 111 mila euro.

 

15. Cell Dynamics

La startup che ha sviluppato CELLviewer: una tecnologia che permette di replicare in laboratorio le funzioni naturali umane, riutilizzandole per sviluppare farmaci migliori e trovarne di nuovi per malattie che oggi non hanno cura ha raccolto 570 mila euro con Backtowork24.

 

16. You Gardener

La piattaforma che ha catalogato e messo in vendita circa 8000 specie vegetali per tutelare biodiversità, sostenibilità alimentare e conservazione delle risorse, ha raccolto su CrowdFundMe 131 mila euro.

 

17. Marshmallow Games

La startup che sviluppa applicazioni educative per bambini che stimolano l’apprendimento, ha raccolto 189 mila euro su Mamacrowd.

 

18. Bloovery

La startup italiana del flower delivery ha raccolto su Opstart 54 mila euro.

 

19. Checkout Technologies

La startup che si occupa di intelligenza artificiale e computer vision al servizio del settore Retail, ha raccolto 110 mila euro con 200Crowd. La piattaforma di equity crowdfunding per la prima volta adotta lo strumento delsyndicate”. Chi investe non acquista le quote della società, ma quelle di un veicolo d’investimento, creato appositamente da un gruppo di business angels il quale, a sua volta, investe nella startup target.

 

20. Bio Investment

L’azienda che si pone come obiettivo  quello di sviluppare “mining farm” che si possano collocare presso impianti di energia rinnovabile, ha raccolto 111 mila euro con WeAreStarting.

 

21. Enolò

La startup B2B pensata per i professionisti del settore vinicolo, sia produttori che dealers ha raccolto 126 k su Opstart.

 

22. Keelcrab

Il drone subacqueo per la pulizia della carena ha raccolto 223 mila euro su 200Crowd.

 

23. Stirapp

Il servizio di lava e stira che sfrutta la sharing economy ha raccolto 210k su CrowdFundMe.

 

24. Cicalia

Il primo supermercato online d’Italia, in grado di trasportare qualsiasi prodotto alimentare, anche quelli che necessitano di temperatura controllata, ha raccolto 260 mila euro su MamaCrowd.

 

25. Midori

La società che realizza e vende servizi avanzati di analisi energetica e smart metering basati su data analytics e machine learning, ha raccolto su Mamacrowd 200 mila euro.

 

26. Nuvap Capital Partner

La startup innovativa che ingegnerizza e produce dispositivi IoT per il monitoraggio continuo delle principali fonti di inquinamento ambientale indoor ha raccolto 1,14 milioni di euro su ClubDealOnline.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter