Vendere meglio su Amazon: round da 270mila euro per Witailer immagine-preview

Ott 23, 2018

Vendere meglio su Amazon: round da 270mila euro per Witailer

Nata dall'esperienza di due ex senior manager della multinazionale americana, in un anno ha già raccolto 40 clienti

Hanno capitalizzato l’esperienza maturata in Amazon Federico Salina e Jana Nurmukhanova, che con Witailer, startup lanciata solo un anno fa, hanno incassato un round da 270.000 euro finanziati dal programma Smart & Start di Invitalia Ventures.

 

L’azienda si occupa di aiutare i brand già presenti sulla gigantesca piattaforma di Jeff Bezos  a migliorare la strategia e aumentare le vendite. “La nostra mission è quella di aumentare la quota di mercato sui marketplace globali delle aziende italiane e siamo certi che l’accordo siglato con Invitalia Ventures ci consentirà di farlo ancora meglio” ha spiegato Salina, che è il ceo della società.

L’esperienza in Amazon per migliorare le performance

Massimizzare le performance, ma come? La conoscenza diretta del funzionamento di un grande marketplace come Amazon è sicuramente una carta di non poco conto, quando si tratta di vendere: Salina e Nurmukhanova sono ex senior manager di Amazon, rispettivamente nella categoria Beauty and Personal Care e nella funzione aziendale Fulfillment. Ma Witailer ha sviluppato anche un algoritmo proprietario che offre ai clienti un’analisi immediata del proprio posizionamento competitivo all’interno della piattaforma. “Alcuni clienti hanno visto aumentare il fatturato del 60% rispetto al 2017” recita la nota diramata dopo l’annuncio.

 

 

La sede è a Milano, l’approccio è internazionale: in ufficio si parlano italiano, spagnolo, francese, tedesco, cinese e russo. Tra gli investitori c’è anche Federico Sargenti, amministratore delegati di Supermercato 24. Il team, in espansione, è attualmente composto da 11 persone.

 

In un anno di attività,  la startup ha ottenuto la fiducia di più di 40 brand: tra gli altri,  Barilla, Lavazza, Thun, 3M e Breil.  E adesso?  “I capitali raccolti  serviranno per un ulteriore sviluppo tecnologico dei software che utilizziamo per supportare i nostri clienti” dichiara Salina, che recentemente ha firmato una partnership con Netcomm.

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter